Rinascita della Sinistra, non è mai troppo tardi

1 commento

Rientro a Perugia dopo un’arricchente giornata romana. Iniziata con la registrazione di un dibattito a Lo stato dell’arte di Maurizio Ferraris con la bravissima Francesca Serafini, sceneggiatrice, collaboratrice del Corriere della Sera e autrice del saggio Di calcio non si parla, la serie di belle cose ha conosciuto l’acme al calar della sera, ascoltando Francesca Fornario al Tilt nella nuova sede di Garbatella, con la portavoce dell’associazione Maria Pia Pizzolante e la consigliera regionale di Sinistra Daniela Bianchi, appassionate ed efficaci sulle questioni sociali poste dal libro di Francesca (con sublime digressione alleniana-keatoniana): La banda della culla. La prima cosa che ho pensato è: “La Sinistra unitaria con tutte le sue forze migliori dovrebbe rinascere dalle donne”. Non solo perchè ne sto scrivendo ma convinto della giustizia e della vitalità che discendono dall’interazione tra femminismo (non possiamo non dirci femministi) e socialismo. Stamane poi ho letto la lettera digitale inviata da Simone Oggionni a Fabrizio Rondolino, sulla scia della riflessione del direttore Peppino Caldarola e, persuaso del valore intrinseco del messaggio epistolare in bottiglia, desidero sottolinearne la dialettica inclusiva e la capacità di discernimento tese alla diffusione della presa di coscienza. Di seguito, quindi, le direttrici di compagni che partendo da posizioni diverse avvicinano a raggiera la sintesi feconda nel comune retroterra ideale e storico della Sinistra, per l’agire plurale di oggi e di domani.  Qui la profondità di Caldarola: https://www.facebook.com/Santachiarra/posts/1039611889418551
Qui lo stimolo di Rondolino http://www.unita.tv/opinioni/caro-dalema-forse-e-davvero-giunto-il-momento-di-salutarsi/
Qui la risposta di Oggionni
http://www.sinistraecologialiberta.it/notizie/dalema-renzi-e-la-sinistra/

Piccole libertarie annotazioni nel giorno in cui le ore del sole son le stesse della notte. Il passato si mescola al futuro nelle pagine e nei volti de Il pane e le pietre che Mario Toma (in corso la presentazione a Lecce con Fabio Casilli e Gigi Pedone) dedica all’azione, alle idee politiche e al vissuto dei tanti, noti e meno noti, che hanno fatto la storia del Pci salentino. Il libro si chiude con la scomparsa di Enrico Berlinguer. E proprio del suo naturale erede Massimo D’Alema la politeia ora discute.

Partiamo dal confronto con Craxi e Renzi, ricordando che il premier e segretario del Pd è un epifenomeno diverso, quasi opposto, avendo scalato partito ed esecutivo sulla spinta del gotha dell’industria e della finanza, italiana e soprattutto estera (rimando al capitolo de I panni sporchi della sinistra dedicato a Renzi, Chiarelettere, 2013). Differisce innanzitutto per la funzione sovrastrutturale al servizio di una “governamentalità neoliberale” che dal riflusso degli anni ’80 e con più forza dalla fine della guerra fredda sino all’euroliberismo, risulta egemone nella sfera politica e nei gangli della società complessa. Naturalmente non si tratta di un Grande Vecchio ma della microfisica del potere, una molteplicità di interessi in continuo movimento che tuttavia lasciano margini di imprevedibilità. Ieri Giuliano Ferrara ha sottolineato provocatoriamente, benchè vil generalizzando col termine “magistratura”, il parallelo fra certe dinamiche del biennio italiano del 1992-1993 e ciò che sta accadendo in Brasile all’unica presidente di sinistra oggi al mondo, Dilma Rousseff, e al predecessore Lula. Purtroppo, anche portando all’estrema provocazione i parametri del realismo politico, Craxi non commise solo reati (peraltro facilmente tracciabili) ma gravi errori geopolitici legati all’assoluta chiusura del dialogo col Pci, precludendo ogni prospettiva socialdemocratica. A mio avviso non sono riscontrabili in Massimo D’Alema gli elementi di leaderismo e individualismo contestatigli, a meno che non si intenda la risultante indiretta del conflitto politico, rappresentando egli antropologicamente la resilienza dell’ex Pci alla deriva neoliberista e autoritaria con la quale Renzi, prosecutore del veltronismo con altri mezzi, ha indebolito dinamiche, struttura e cultura del partito di massa. Inoltre fu tutto l’Ulivo ad inseguire la Terza via neoliberale di Clinton e Blair, mentre concordo col lettore Giuseppe Maria Greco sul fatto che la grandeur nazionale e il merito non sarebbero elementi negativi qualora fossero declinati a sinistra. Per farlo bisogna decostruire la subcultura dominante che regala alle destre la tutela di interessi e particolarità di un paese. Rifiutare giustamente una politica estera aggressiva e uno sciovinismo nazionale e maschilista non significa rifuggire da un ruolo decisivo dello Stato. Come scriveva Eric Hobsbawm il capitalismo, al fine di proteggersi dallo spettro comunista che continuava ad aggirarsi per l’Europa, seppe adoperare elementi di socialismo con i piani di investimenti federali di Roosevelt e il modello sociale Beveridge. Pertanto, oltre a misure sociali fondamentali come il reddito minimo garantito presente nel resto d’Europa (Sel, Sinistra italiana, Sinistra riformista, imponete all’agenda parlamentare questo provvedimento urgente, salvifico per milioni di disoccupati sotto il ricatto di padroni e strozzini!) e la tassazione progressiva periodica, l’Italia potrebbe combattere l’euroliberismo e trattati come il Ttip da sinistra, opponendo strategie pubbliche per orientare l’economia verso la qualità delle produzioni, il rispetto della fatica, la parità del lavoro fra i sessi e dell’ambiente, nuovi tempi di vita affrancata.

I punti toccati nell’intervista di D’Alema al Corriere, su cui si sono soffermati Caldarola, Rondolino e Oggionni elaborando percorsi interpretativi interessanti, rimettono di fatto in moto un virtuoso materialismo dialettico. La pronta reazione di Marco Damilano su L’Espresso è la riprova del timore del mainstream nei confronti della Rinascita della Sinistra unitaria con tutte le sue forze migliori: https://www.facebook.com/stefano.santachiara.1/posts/983297151752553?pnref=story E Eugenio Scalfari, in occasione dell’anniversario del colpo di Stato delle Br del 16 marzo 1978, anzichè scrivere di Aldo Moro, ha prontamente inteso raccontarci di quando lui e Repubblica davano del tu a Enrico Berlinguer http://www.repubblica.it/politica/2014/03/16/news/berlinguer_scalfari-81114389/
Da tempo Massimo D’Alema è il nemico principale delle sovrastrutture mediatiche, a cominciare dai network poliziesco-finanziari. E’ giunta davvero l’ora di interrogarci sulla vera ragione, anziché continuare col misunderstanding degli elementi personali caratteriali. Purtroppo anche Norma Rangeri, direttrice del Manifesto, apre e chiude l’editoriale rispettivamente sui “vituperati giornalisti” e sulla “perfidia” della stoccata alla minoranza bersaniana che non riesce a incidere: http://ilmanifesto.info/il-bazooka-di-dalema Lontani i tempi del confronto sostanziale e schietto che nel suo naturale manifestarsi agevola il fondamentale processo cognitivo dei lettori. La conversazione con D’Alema riportata da Rossana Rossanda nell’ultimo libro Quando si pensava in grande (assieme ad altri dialoghi con personalità dello spessore di Allende, Sartre, Lukács e Althusser) verteva sulla Weltanschaaung e sull’azione di governo, e si caratterizzava anche per passaggi duri e prolungati, che sono l’esatto contrario dell’arroganza e del paternalismo: è la stima per l’acuta interlocutrice, ricambiata con altrettanta determinazione. In seguito nessuno si è interrogato sui fili che l’esecutivo D’Alema, primo post comunista alla guida del Paese, può avere toccato in quella delicata fase di trasformazione mondiale. Si provi a invertire il punto di osservazione. Perché gli attacchi mediatici partirono violenti (Marco Travaglio ripeteva in ogni dove la “merchant bank” di soggetti imprecisati “entrati con le pezze al culo a Palazzo Chigi e usciti ricchi”) quando l’allora presidente del Consiglio non impedì alla cordata di Roberto Colaninno di scalare la Telecom, e nessuno aveva trovato da eccepire sulla privatizzazione decisa dal governo Prodi, grazie alla quale gli Agnelli controllavano il colosso della telefonia con un piccolo pacchetto azionario? Purtroppo all’epoca non ero della partita, nel senso che scrivevo i primi articoli per la Gazzetta di Reggio Emilia: la crisi del Tessile, le denunce delle Gev in difesa dell’ambiente, la chiusura dell’ospedale San Sebastiano di Correggio, gli operai della zona che si esprimevano per la riduzione dell’orario di lavoro in una serie di interviste salutate con favore dai responsabili di Rifondazione Comunista Rina Zardetto e Gianni Tasselli e guardate con sospetto dal sindacato reggiano; in particolare, ricordo il dialogo con Renzo Testi di Nuova Sinistra Ds: https://stefanosantachiara2.wordpress.com/1999/11/22/testi-coop-nord-est-riaccendiamo-la-voglia-di-sinistra/ . Poco informato come la moltitudine assistevo, dalla parte delle guardie e dei giornalisti che si narravano “senza padrini e padroni”, ad un dispiegamento di forze mediatiche contro la breve esperienza governativa di D’Alema mai visto neppure per Berlusconi, il quale però beneficiava elettoralmente, come oggi Salvini e Grillo, della ridondante e spesso vacua polemica mediatica. Per non parlare dei condottieri transitati da Goldman Sachs ed elevati al rango di salvatori della patria (Prodi, Monti, Gianni Letta, Claudio Costamagna, nuovo presidente della Cassa depositi e prestiti imposto da Renzi). In altre parole, tanto meno abbiamo contezza del periodo di D’Alema premier in termini di manovre di palazzo (ad esempio, solo ora sta venendo alla luce sui mezzi di comunicazione generalisti che la guerra della Nato in Kosovo era già stata ratificata dal governo Prodi) e di progetti attuati (rimando alla chiosa su Damilano per comprendere una parte di orizzonte delineato in tema di protezione sociale della maternità), tanto più risulta sbagliato formulare un giudizio semplicistico. Il fact checking non si pratica solo per lo scoop ma risiede nella sperimentazione continua che è la penetrazione dell’esistenza. Nel caso in specie, ho potuto riscontrare che D’Alema ha compiuto errori e possiede difetti come tutti, ma si manifesta con autenticità e audacia. A mio avviso si tratta di un combinato disposto più importante dell’ìntelligenza, dal quale essa trae linfa. Chi frequenta questo blog sa a cosa faccio riferimento quando sottolineo che pochi magistrati e carabinieri, rarissimi giornalisti hanno scelto di non temere il Potere, nel mio caso si tratta di ambienti della polizia segreta italiana. D’Alema esprime opinioni nette che non avete mai sentito da altri statisti, tranne dal leader laburista Jeremy Corbyn o in passato da Francesco Cossiga, più sardo che democristiano. Il presidente di ItalianiEuropei ad esempio afferma: “Il Fatto Quotidiano è tecnicamente fascista”. Oppure, intervistato da Daria Bignardi: “Alan Friedman non mi piace”. All’incontro di sinistra riformista del 12 marzo a Perugia, spiega: ”Isis nasce da una scissione con Al Qaeda, a suo tempo usati contro la Russia. Il terrorismo non é frutto della disperazione”. Molinari gli domanda degli incontri con la conservatrice Rice, e D’Alema risponde: “Continuava a dire: let Israel make the dirty job”. No, le dissi, sono persone”. Per l’ex presidente del Consiglio non è una novità la tessitura politica votata alla soluzione di pace in Palestina, ma la dichiarazione è di un certo peso nei confronti degli Stati Uniti. Eppure nessuno dei giornalisti che assedieranno D’Alema all’arrivo e alla ripartenza ne farà menzione su agenzie e giornali. Naturalmente sono vittime, della loro ombra e della precarietà economica. Ma torniamo ai commander in chief, rovesciando ancora la base di osservazione. In dati momenti storici, i network scatenano raffiche di disinformazione intervallate da un prima, e un dopo, di oblio assoluto e di eliminazione degli spazi informativi della vera Sinistra. Adopero l’espressione che usai per le campagne di fango contro Jeremy Corbyn, inattaccabile sul piano dell’onestà fattuale e intellettuale.Ciò avviene quando una guida politica antropologicamente autorevole segna il punto di rottura, in tal caso nei confronti della socialdemocrazia ancillare alla governamentalità neoliberale, e incarna la Rinascita, nel proprio paese e internazionale, della Sinistra https://stefanosantachiara2.wordpress.com/2015/08/31/corbyn-il-socialista-che-guarda-al-futuro/

Questo è il nodo cruciale, anziché la vexata quaestio sul presunto tradimento dello spirito dell’Ulivo, o del centrosinistra col trattino, o del Pd, che ineluttabilmente si presenta all’ultimo grado di involuzione nel “partito della Nazione”. E il nodo pertiene allo scollamento tra il Paese reale e le forze che potevano e dovevano contrastare il capitalismo finanziario e patriarcale innervatosi nelle istituzioni e nella cultura di massa. Ben si comprende che la mutazione genetica del più grande e democratico Partito Comunista d’Occidente affondi le proprie radici nella Svolta della Bolognina. Anziché rimuoverle come si è fatto sinora, sarebbe necessaria un’analisi ampia: https://www.facebook.com/groups/178378735866581/permalink/195780067459781/

Lo spunto era arrivato qualche mese fa con la rivelazione dello storico leccese Francesco Martelloni, a suo tempo ideatore del simbolo del Pds poi presentato da Veltroni e Occhetto. Egli suggeriva la sostituzione di falce e martello in relazione all’urgente necessità, sottolineata giustamente da Oggionni, di interpretare i cambiamenti nel mondo del lavoro per estendere i diritti e i salari in costante riduzione. Nel frattempo il figlio Federico Martelloni, giuslavorista, è diventato il candidato sindaco della Coalizione Civica a Bologna, fonte di ispirazione per il rilancio della Sinistra a livello nazionale. L’Emilia Romagna due anni fa registrò il record di astensionismo in occasione dell’elezione del presidente renziano Stefano Bonaccini, sostituto non all’altezza di Vasco Errani e Pier Luigi Bersani nella regione del riformismo cooperativo e del welfare, oggetto di critiche anche per le recenti riduzioni di posti letto negli ospedali: http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2015/11-novembre-2015/piano-regione-gli-ospedali-entro-anno-815-posti-meno–2302174835185.shtml

Ogni piano strategico pubblico, siano investimenti di stampo keynesiano o potenziamento dello Stato sociale, sconta lo stigma preventivo dell’anticastismo militante, un vero e proprio senso di colpa inculcato negli italiani già influenzati dal cretinismo cattolico del sacrificio. Dopo Mani Pulite anche la Sinistra ha interiorizzato un’ethikos che Marx avrebbe definito strumentale e banale moralismo borghese. L’immagine di un popolo di  maneggioni, fannulloni e assenteisti campeggia costantemente in televisione e sulla stampa, agevolando la propaganda di Fatto e Movimento 5 Stelle per l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti e ai giornali, nonché i tagli sociali e le privatizzazioni articolati dall’instrumentum della governamentalità neoliberale internazionale rappresentato dalla troika.

La Sinistra non potrà che ripartire dai bisogni e dai desideri della maggioranza delle persone, da donne e uomini che dovranno impegnarsi a fondo sul piano culturale e divulgativo, giacchè restano spesso ignote le statistiche reali sui lavoratori, scovate con tenacia da colleghi come Marta Fana del Manifesto (capace di sbugiardare il ministro Poletti) e sopra tutto la materia economica, per la quale ci soccorrono le analisi di Alberto Bagnai e Vladimiro Giacchè. E’ grazie a loro che una parte dell’opinione pubblica comprende gli effetti nefasti dell’euro e dei patti di stabilità, concetti oscurati e falsificati dai media. Ad esempio, a chi come l’ambasciatore Sergio Romano si chiede se i problemi della moneta unica siano legati al disavanzo pubblico degli Stati e alle crisi finanziarie (private) http://www.corriere.it/lettere-al-corriere/16_marzo_19/-CHE-COSA-FARE-DELL-EURO-IL-FUTURO-DELLA-MONETA-UNICA_485f17e4-ed96-11e5-9277-b3acd54d3652.shtml basterebbe replicare che l’avanzo dello Stato comporta un indebitamento privato e viceversa, essendo vasi comunicanti. E ancora: quanti sanno che l’investimento di gruppi esteri aumenta il Pil ma non il Prodotto nazionale italiano e che i prestiti della troika alla Grecia non sono serviti a pagare le pensioni ma a ripagare le banche creditrici tedesche e del nord Europa? Quest’ultima denuncia entrò nel discorso pubblico dopo l’intervento a Rainews di D’Alema, promotore di quell’asse embrionale col governo Tsipras che sarebbe stato vitale per raccogliere le sfide della convivenza civile e dei diritti, e progettare un rovesciamento di prospettiva strutturale nella socialdemocrazia europea, da un ventennio subalterna ai dogmi dell’austerity. Muovendo da una sinergia multidisciplinare dove ciascuno potrà mettere in campo suggerimenti essenziali e azioni concrete, si potranno superare le insufficienze teoriche e le sperimentazioni del passato. Molti dicono che è troppo tardi per la Rinascita della Sinistra con tutte le sue forze migliori in lotta per il progresso e la giustizia sociale. Ma la vita è una sola, e non è mai troppo tardi.

 

D’Alema, svolta keynesiana. Fuori tempo massimo?

2 commenti

Una breve riflessione dopo l’intervista di D’Alema al Corriere della Sera: http://www.corriere.it/politica/14_novembre_29/d-alema-renzi-lasci-terza-via-bisogna-riscoprire-stato-dac59766-77b8-11e4-8006-31d326664f16.shtml
Malgrado un’autocritica poco approfondita sui gravi danni cagionati dall’impronta neoclassica e dalla tendenza allo svuotamento democratico impartita dalla Terza Via, sebbene permanga la contraddittoria rivendicazione di privatizzazioni e precarietà del mercato del lavoro spalmate dai governi di centrosinistra, un elemento esibito come fattore d’orgoglio e di modernità quando si tratta purtroppo della sottomissione al pensiero dominante e alla manipolazione lessicale del termine “Riforme”, antropologicamente finalizzate al progresso sociale, e benchè i risvegli tardivi sulle strategia del capitalismo battente bandiera renziana assumano un retrogusto di convenienza, Massimo D’Alema ha fornito un contributo importante. Francamente, non si possono equiparare le tardive riflessioni, soppesate col rigore e col coraggio dell’analisi keynesiana e socialdemocratica (fuori tempo, forse non massimo) che sfida i dogmi e le protervie del Potere, con lo stuolo di voltagabbana che popolano i ceti dirigenti e digerenti economici, istituzionali e politici. La storia di ciascuno, della comunità e delle idee da cui ha attinto e con le quali si è formato, mantiene il suo peso. Tantomeno possono confondersi i dibattiti reali col depistaggio costante dei poteri mediatici, finti avversari che attuano la “shock, ordinary, light disinformation” inculcando modelli diseducativi, caricando le menti dei lettori di polemiche personali e sovrastrutturali per evitare la questioni fondamentali socio-economiche e occultare la continuità cosmetica gattopardesca del sostegno alle maschere politiche di turno: prima a Berlusconi (per bloccare la Sinistra ancora non rieducata all’atlantismo e alle tecnocrazie liberiste) poi a Prodi, Monti e Renzi. La spinta propulsiva dell’avvenire non si costruisce con l’esclusione e coi giudizi sommari ma attraverso la continua empirica contaminazione dei saperi e delle esperienze.
P.S: Alcuni dei temi dell’intervista di D’Alema, e proposte come l’abolizione della concorrenza fiscale nell’Unione europea, erano stati trattati nel paragrafo del mio libro “Calcio, carogne e gattopardi” che avevo deciso di diffondere gratuitamente. Lo ripropongo qui: https://www.facebook.com/Santachiarra/posts/783186981727711

I CALCIOPARDI, LA RECENSIONE SU LEFT

Lascia un commento

Da LEFT AVVENIMENTI (18/10/2014)
I CALCIOPARDI
Il pallone e il controllo sociale, il tifo e il potere. Nel libro di Stefano Santachiara lo sport e la politica vanno a braccetto. Con risultati non esaltanti

di Emanuele Santi

Stefano Santachiara, in Calcio, carogne e gattopardi edito da Youcanprint offre un’analisi limpida e lineare della recente storia calcistica italiana che svela (spesso semplicemente ricordandoli) quelli che sono i mostri capaci, quasi fossero fiere dantesche, di irretire il gioco più bello del mondo svuotandolo del suo nobile significato. Ed è proprio sull’utilizzo che il potere fa del calcio come strumento di controllo dei fenomeni sociali che si vuole portare l’attenzione del lettore. Lo scopo è affrontare il rapporto tra calcio, politica e economia, anche quella mafiosa. L’autore articola il libro in sette capitoli. Partendo dalla Valenza sociale del football (non a caso nato in Inghilterra all’apice della rivoluzione industriale) vengono rievocate le lontane origini del gioco con la palla. Dal cinese Tsu-Chu al greco Epìskyros, dall’Harpastum dei legionari romani al calcio fiorentino del Rinascimento fino a una geniale citazione dal Re Lear di Shakespeare che attesta la notorietà di qualcosa di simile al calcio ancor prima del 1863, anno di nascita della Football Association. Dopodichè si passa a Dogmi reazionari, dove si racconta il pallone ai tempi del Duce rintracciando le linee d’ispirazione per tifoserie ancor oggi legate all’ideologia fascista: tutto merito della continuità tra la Repubblica di Salò e qualche presidente in auge nel (neanche tanto immediato) dopoguerra. Gli ingranaggi del sistema è dedicato al controllo sociale, al cosiddetto peggiorismo e al fenomeno del maschilismo ambientale. Il quarto: Da Maradona a Berlusconi piuttosto che mettere sullo stesso piano il genio di Lanùs e il tesserato n.1816 della P2, racconta le vicende politiche e finanziarie che garantirono i 13 miliardi pagati al Barcellona per portare el pibe de oro a Napoli e quelle giudiziarie che, l’anno dopo, accompagnarono il crack finanziario del Milan scongiurato dal passaggio di proprietà della società rossonera da Giussy Farina al Cavaliere. L’ultimo paragrafo del capitolo si intitola: Dell’Utri: calcio e Cosa nostra.Perfetto per introdurre il tomo successivo: Le mafie nel pallone in cui il protagonista non è soltanto Cosa nostra, spesso legata alla storia del Palermo, ma anche la ‘ndrangheta calabrese. L’industria del calcio individua le garanzie finanziarie e politiche di un sistema perfettamente concepito e architettato per essere controllo del fenomeno sociale. L’ultimo capitolo: Geopolitica calcistica espande l’analisi a livello internazionale con particolare attenzione al recente mondiale in Brasile e alle ragioni che hanno spinto la Fifa ad assegnare le due prossime edizioni alla Russia dello zar Putin e al ricchissimo Qatar, Paese la cui forma di Stato è ancora quella patrimoniale. Per chiudere, una considerazione finale sull’attuale presidente del Consiglio il quale, ancor peggio di Berlusconi, ha fatto ricorso a terminologia, linguaggio e comunicazione di derivazione calcistica, toccando il fondo con la proposta di “Daspo per i politici corrotti”. Ultimo sintomo, scrive Santachiara, del malcelato abuso che il potere fa del calcio.

Scanzi, il filo-renziano che “processa” Moretti

Lascia un commento

Con toni provocatori che certo non favoriscono un dibattito sulle colonne del giornale, Andrea Scanzi scrive http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/09/27/pd-caro-nanni-moretti-dove-sei/1135443/ una lettera aperta a Nanni Moretti: ”Oggi sembri felice – o anche solo accondiscendente, che forse è peggio – per l’ascesa del primo “cazzaro” che passava. Odiavi Craxi, ma voti la sua brutta copia. Odiavi Berlusconi, ma sostieni il suo erede. E lo fai – immagino – perché lui non ha più la maglia dei “cattivi” ma indossa quella dei “buoni”: dei giusti, dei compagni, dei rinnovatori”. Puntualmente Libero riprende la notizia parlando di “sconforto scanziano per l’ex idolo”. Moretti non ha certo bisogno di difensori ma nessuno fa notare l’esercizio di disonestà intellettuale di un processo alle intenzioni nei confronti di chi non si è espresso pubblicamente, a meno di poteri paranormali esegetici rispetto al libero pensiero altrui. La verità, banalmente, è che il regista non ha mai appoggiato Renzi, anzi: nel febbraio 2013 dichiarò di votare Pier Luigi Bersani comprendendo in tempo i pericoli di una mancata chiara vittoria del Pd. Al contrario, quasi tutto l’universo mediatico attaccava Bersani quale simbolo dei vecchi partiti e scommetteva sul prode “rottamatore” della Casta, sostenuto dal gotha dell’industria e della finanza e con la partecipazione alla Leopolda (sfuggita a tv e giornali) dello stratega americano Micheal Leeden, falco della destra repubblicana. Il tifo di Andrea Scanzi era evidente durante la prima sfida a Bersani http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/10/28/corsa-a-ostacoli-del-povero-primariante/396147. Anche dopo il trionfo alle primarie del novembre 2013, naturalmente da “civatiano”, l’ex giornalista de La Stampa si diceva divertito e incuriosito da Renzi, che non è certo “un incubo antidemocratico”, e lo invitava a far cadere il governo Letta: http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/12/09/renzi-stupiscici/806778/. Soltanto quando il “caro Matteo” (in questo caso, il tu, è appropriato) si è insediato a Palazzo Chigi, blindato fino al 2018, pian piano la stampa ha preso a criticarlo, con punte di attacchi ridicolmente ridondanti che si concentrano su gaffes, mancate promesse, scontri personali con imprenditori o politici a lui vicini, in modo tale da concedere il palco a posizioni non dissimili. Le questioni strutturali, ossia la politica economica di stampo turbo-liberista sotto l’egida delle tecnocrazie europee, in termini di riduzione dei diritti del lavoro e disossamento del sistema pubblico, non vengono affrontate nel merito ma lasciate in superficie, alimentando il classico divide et impera che mette in contrasto categorie e gruppi: giovani e anziani, italiani e stranieri, lavoratori privati e pubblici, dipendenti e partite Iva, precari e disoccupati.

Pur non conoscendo Moretti, ma da semplice osservatore presente alla “festa di protesta” dei Girotondi a piazza San Giovanni il 14 settembre 2002, ritengo che tanti cittadini mossi da sacrosanta indignazione nei confronti del berlusconismo imperante e dell’inerte opposizione di centrosinistra sui temi della giustizia, nel tempo abbiano perduto la speranza che il paese potesse voltare pagina. Dunque si sono “persi di vista” come accade anche ai movimenti animati dalle più nobili intenzioni, nei quali lo smarrimento sopravviene per carrierismi politici e carenza progettuale. Quella stagione di ritrovata passione civile rappresentava, oltre alla difesa dei principi di legalità, molto altro: l’impegno pacifista contro la guerra in Iraq, per una legislazione dei diritti civili, per la ricerca e la green economy, la difesa della sicurezza e del posto di lavoro richiesta dai 3 milioni stretti al Circo Massimo. Si trattava forse dell’ultimo appello per la rinascita di una nuova – vera – sinistra: Giovanni Berlinguer guidava il cosiddetto “Correntone” di minoranza Ds e Sergio Cofferati, secondo compagni e intellettuali come Moretti, avrebbe potuto guidare lo schieramento progressista. Invece al “cinese”, temuto dai poteri forti e tacciato di eccessivo radicalismo, fu affiancato il solito Romano Prodi per un presunto ticket che non si sarebbe mai concretizzato per via del dirottamento del segretario della Cgil alle amministrative di Bologna.

Nel frattempo si dipanava una sottile operazione mediatica di cancellazione di ogni battaglia per il progresso sociale, etichettata come “ideologica” secondo il Renzi style, e di appiattimento del malcontento crescente alla sola questione morale, un parametro che logicamente conduce allo sdoganamento di qualsiasi soggetto politico, foss’anche un reazionario clericale, purchè “onesto” e “nuovo”. Ad esempio Walter Veltroni, nel solco della pubblicistica dominante, ha esaltato la figura di Enrico Berlinguer per il rigore etico occultando di fatto l’impegno profuso dal segretario del Pci contro l’ingiustizia sociale. Matteo Renzi, che ne “I panni sporchi” e nei rari spazi concessi dai mezzi di informazione avevamo cercato di descrivere come il predestinato dei poteri forti e la prosecuzione del “veltronismo con altri mezzi”, ha consumato “l’omicidio politico” di quel che restava della sinistra politica. Che l’ultimo intervento di Moretti sia stato l’endorsement per Bersani, ovvero l’anima socialdemocratica del partito riorganizzatasi ora nella corrente di Gianni Cuperlo, non è dunque incoerente con lo sviluppo di tre governi di coabitazione privi di legittimazione elettorale e di reale sovranità nazionale. Nelle vuote grida del circuito mediatico, anche un silenzio può fare rumore.

“Calcio, carogne e gattopardi”: intervista dell’agenzia LaPresse

Lascia un commento

La cronaca per LaPresse è di Elisabetta Graziani, già giornalista de La Stampa di Torino.

Milano (LaPresse) – Stefano Santachiara, giornalista del Fatto Quotidiano e già autore de ‘I panni sporchi della sinistra’, presenta alla libreria Coop statale in via Festa del Perdono a Milano il suo nuovo libro ‘Calcio, carogne e gattopardi’ che prende le mosse dai fatti di cronaca più recenti, come la presunta trattativa ‘stadio-mafia’ avvenuta all’Olimpico in occasione della Coppa Italia, per cercare le radici di un male antico, risalente addirittura al ‘panem et circenses’ dell’impero romano.

 Qual è la tesi di fondo di Calcio carogne e gattopardi?

“La strumentalizzazione del calcio da parte del potere finanziario e politico. In questo libro, attraverso una ricerca documentale e interviste di protagonisti e esperti, ho cercato di riannodare i fili sulle origini, le ragioni e gli effetti del fenomeno del football rompendo un tabù. Le cronache ci raccontano dei casi singoli, di scandali scommesse che si susseguono a ritmi tali che non fanno più notizia, mentre dietro ci sono ingenti altri interessi economici che passano per la Fifa, le televisioni, i grandi brand e i guadagni stratosferici dei calciatori. Inoltre credo sia giunto il momento di descrivere anche l’uso e l’abuso che il potere fa del gioco più bello del mondo: le carriere politiche, le infiltrazioni mafiose, e un uso più sottile dal punto di vista culturale: il calcio nella storia è stato usato per legittimare feroci dittature, basti pensare ai Mondiale della vergogna di Argentina, ma anche nelle democrazie per distogliere dalle questioni sociali”.

Il libro descrive la commistione tra poteri forti che si reggono a vicenda e la esemplifica nelle vicende di Berlusconi e Renzi. Non è un parallelismo forzato? Renzi, fino a prova contraria, non ha mai presieduto una squadra, non si è esposto a favore dei Mondiali e Cesare Prandelli si è dimesso dopo la sconfitta in Brasile.

“Sì, i cosiddetti poteri forti hanno trovato in Berlusconi ieri e in Renzi oggi i propri terminali, i rappresentanti di un coagulo di interessi diversi, nazionali e internazionali. Certamente nell’ascesa politica di Renzi non ha avuto un ruolo fondamentale il calcio, e la televisione privata, come fu per Berlusconi ma anche l’ex sindaco di Firenze ha saputo adoperare il sistema-calcio in modo piuttosto efficace: si è mostrato più volte in pubblico assieme all’allenatore della Nazionale Cesare Prandelli sfruttandone la popolarità trasversale per i tifosi-elettori”.

La parabola berlusconiana cominciò con il Mundialito, di che si tratta?

“Il Mundialito ha rappresentato il primo via libera alla prassi illegittima che poi l’oligopolista Berlusconi ha praticato in abbondanza grazie a Craxi e poi al centrosinistra: trasmettere a livello nazionale con le proprie televisioni malgrado sentenze della Corte costituzionale lo vietassero. Nel 1980, grazie al nulla osta della Rai e del governo Forlani, Canale 5 potè mandare in onda con il satellite il torneo amichevole disputato in Uruguay, paese all’epoca nelle mani di una giunta militare fascista che ospitava Licio Gelli.

Nel saggio, coadiuvato da autorevoli sociologi (il professor Elio Matassi e lo scrittore Andrea Ferreri), viene sviluppata un’analisi sul controllo sociale, adoperando anche la metafora di Fantozzi inebetito dal triplo oppiaceo soldi, tv, calcio e incapace di reagire ai soprusi della politica. Il paragone ricorda l’opinione di Grillo sulla maggioranza degli italiani, e in particolare su quelli che hanno scelto Renzi alle Europee, vale a dire che non sanno votare e sono un popolo di immaturi. E’ d’accordo? Secondo lei, in caso di nuove elezioni, se gli italiani optassero per il Pd dimostrerebbero cecità di fronte al ‘controllo sociale’?

“Non esiste un rapporto di causa-effetto tra il voto a questo o quel partito e il controllo sociale che il potere, economico e politico, esercitano attraverso il calcio. La metafora del prototipo dell’italiano ‘passivo’ che incarna il ragionier Fantozzi credo renda l’idea della condizione attuale, in relazione alla scarsa partecipazione alla vita democratica di un Paese in crisi economica, ma ancor di più sociale e di valori. Lo sport è sempre stato, sin dall’antichità, uno degli strumenti di intrattenimento delle masse, ma in tempi recenti, soprattutto nel combinato disposto con la pubblicità e i media, si è rivelato un’arma di dispersione rispetto ai problemi reali. Gaber già nel 1973 cantava dell’avvento dei tecnocrati mentre la gente parlava di calcio e Pasolini si concentrava sui messaggi martellanti dell’instrumentum regni”.

Ritornando al parallelo Renzi-Berlusconi, il cavaliere oggi è più attaccabile di un tempo, è stato in parte ‘scaricato’ anche da chi lo sosteneva sempre e comunque. In una parola: ha meno potere. Tuttavia è ancora l’indiscusso presidente onorario del Milan. A partire da questa sua parabola discendente e dalla tesi del libro, sono prevedibli dei cambiamenti nel mondo del calcio italiano?

“Sì. Berlusconi ha perso la leadership da che i poteri forti lo hanno scaricato nel 2011, dopo le pressanti richieste della Troika, quando è stato costretto a dimettersi e Napolitano ha nominato Monti senza passaggio elettorale, proprio come i successori. Dunque anche nel calcio qualcosa sta cambiando e cambierà. Il mio timore è che accada proprio come nella politica. Vale a dire una finta palingenesi, un rinnovamento solo di facciata che però consente al potere di perpetuarsi identico. Per esempio, in questo senso, la nomina di Tavecchio: un altro collezionista di incarichi. Sono ancora tutti lì, i vecchi nomi: un carrozzone che va avanti come prima”.

In ‘Calcio, carogne e gattopardi’ c’è un interessante accenno al maschilismo nel calcio e alla discriminazione nei confronti del mondo sportivo femminile, riportata alla cronaca dalle dichiarazioni di Tavecchio. Senza scadere in tesi uguali e contrarie, cosa comporterebbe secondo te un maggiore riconoscimento del ruolo della donna nel calcio?

“L’Italia sta perdendo l’occasione di fare come gli altri Paesi europei che associano le squadre femminili e quelle maschili. Questo all’estero vuol dire più spazio sui giornali e l’uso delle stesse strutture da parte di sportive e sportivi. Siamo indietro e lo dimostra anche lo scarso numero di dirigenti e presidenti donne. Si tratta di un fenomeno del tutto speculare alla società patriarcale e maschilista italiana che si riflette anche nel linguaggio sportivo sovente sessista”.

(Elisabetta Graziani)

L’intervista dell’agenzia Lapresse:http://www.lapresse.it/cronaca/calcio-carogne-e-gattopardi-il-nuovo-libro-di-santachiara-sui-poteri-forti-1.576227

Sul Romanzo: “Se ha senso distinguere tra destra e sinistra? Sì, lottare contro le ingiustizie sarebbe ancor più necessario”

2 commenti

Stefano Santachiara è un giornalista d’inchiesta. Dal 2009 è corrispondente de «Il fatto quotidiano». La sua inchiesta sui rapporti tra ‘ndrangheta e Pd al Nord, nel comune appenninico di Serramazzoni, è stata ripresa anche dalla trasmissione televisiva Report. È autore, insieme al giornalista Ferruccio Pinotti, de I panni sporchi della sinistra, edito da Chiarelettere. Ha acconsentito a rispondere alle nostre domande e a dedicarci un po’ del suo tempo per parlare del libro, delle inchieste da cui ha avuto origine ma anche di se stesso.

Dalle tue dichiarazioni sembri avere un’idea molto precisa di quello che è o sarebbe il ruolo di un giornalista. In teoria persone come te dovrebbero lavorare fianco a fianco con la magistratura e le istituzioni ed essere loro di supporto nelle indagini; invece, nella maggior parte dei casi siete chiamati in causa dall’altra parte della barricata, ovvero come imputati. Cosa ti spinge a non tirarti indietro e a mantenere la determinazione per andare avanti?

La passione per il lavoro e il fatto che nella vita non riesco a restare indifferente alle ingiustizie. In generale l’informazione libera è fondamentale per una democrazia, non solo nel supporto alle indagini penali ma in tutte le sfere della società perché, svelando gli inganni del potere, rende maggiormente consapevoli i cittadini. Se i mass media svolgessero fino in fondo il loro diritto-dovere di informare sarebbero l’antidoto a molti soprusi e lo stimolo per una policy votata al bene collettivo.

Senza allontanarci troppo e senza addentrarci nei particolari, diciamo solamente che in Italia di giornalisti d’inchiesta come te se ne contano pochi. Sono i colleghi che preferiscono tarparsi le ali per ragioni di comodo? O è il pubblico che richiede a gran voce e preferisce notizie di gossip, curiosità, sport e altro? È il sistema che non funziona? Trent’anni di tv commerciale, riviste di pettegolezzo, film e produzioni da “panettone” hanno compiuto un vero e proprio lavaggio del cervello e la gente non ha più gli strumenti o la forza per reagire?

I fattori che hai citato sono concatenati. Esistono buone dosi di conformismo che sfociano nel servilismo, ma la condotta del singolo giornalista è influenzata in modo decisivo dal sistema, costituito da editori impuri, legati a interessi in altri settori e ai contributi di partitico conio. Come denunciò Pier Paolo Pasolini già prima della deriva berlusconiana, le tv generaliste si erano innestate come instrumentum regni dei poteri economici internazionali e dei rispettivi referenti politico-istituzionali. Il meccanismo è semplice: l’intrattenimento promuove una subcultura intrisa di modelli consumistici e superficiali; i fatti sono sottoposti a censure e manipolazioni sofisticate alternate a improvvisi messaggi di shock disinformation, propedeutici allo smantellamento del senso di giustizia e delle conquiste sociali.

Nella sezione “bio” del tuo sito personale si legge «vinto il concorso per un posto di impiegato in Comune, abbandonai presto per senso d’inutilità». Non vogliamo certo intendere che tutti gli impiegati comunali siano inutili, ma incuriosisce questa tua affermazione.

Mi rendo conto che questa affermazione possa essere associata ai cliché che generalizzano malvezzi presenti nel pubblico impiego. In realtà la frase traduce semplicemente la mia sensazione di allora, cioè di non potermi esprimere in quel ruolo incasellato. Voglio sottolineare che ogni funzione pubblica è importante e una corretta comunicazione dovrebbe trattare casi specifici di sprechi e inefficienze senza alimentare, con disonestà intellettuale, campagne per privatizzare beni e servizi.

A conclusione di un lavoro di studio e indagine durato due anni da parte tua e del collega Ferruccio Pinotti, la casa editrice Chiarelettere ha pubblicato, a novembre 2013, I panni sporchi della sinistra. A marzo 2014 il libro è giunto alla quinta edizione. Un lavoro editoriale importante, pungente, rischioso per certi versi. Sei soddisfatto del risultato che ha portato o sta portando il tuo impegno?

Sì, cinque edizioni sono un ottimo risultato. La molla che spinge a continuare nelle presentazioni del libro e nei dibattiti con intellettuali e magistrati è l’interazione, non solo con i relatori ma anche con i cittadini; una mescolanza che mi arricchisce ogni giorno di più.

Si sono lette molte critiche al contenuto de I panni sporchi della sinistra. In particolare viene considerato un azzardo riferire sui trascorsi di Giorgio Napolitano e sulla sua possibile appartenenza alla massoneria, basandosi anche sulle dichiarazioni di una fonte che ha preferito rimanere anonima. Il punto è che non è tale per te e per Pinotti. È presumibile che abbiate svolto accurate indagini per verificare le fonti prima di citarle. È corretto?

Certo, abbiamo vagliato documenti e testimonianze. Le critiche si sono concentrate su aspetti secondari anziché sulle nuove chiavi di lettura e sugli scoop: il luogotenente di D’Alema a Gallipoli, Flavio Fasano, in rapporti con un boss della Sacra Corona Unita, la condanna alla Corte dei Conti dello storico tesoriere Ds Ugo Sposetti, pedina cruciale nei rapporti col centrodestra. Ricordi quando Gazebo sorprese Sposetti e la quintessenza del berlusconismo, Denis Verdini, nella Galleria Sordi alla vigilia dell’accordo sulle larghe intese per il governo Letta? Altre verità scomode, ignote all’opinione pubblica, sono le persecuzioni politico-giudiziarie ai danni di magistrati che hanno reso concreto l’articolo 3 della Costituzione, come Clementina Forleo (gip di Milano sulle scalate bancarie) e Desireè Digeronimo (pm antimafia di Bari che ha anche scoperto la Sanitopoli pugliese). Mentre Berlusconi e altri possono essere giustamente sviscerati sotto ogni aspetto (ma non pagano con la detenzione per i crimini commessi), the other side of the moon evidentemente no. Le ruote dentate del sistema, basato su una ricattabilità reciproca, a raggiera, prevedono che oltre una certa soglia non sia consentito andare: i rari magistrati e giornalisti che lo fanno incidendo nei gangli della geopolitica, della finanza e dei poteri occulti ne pagano le conseguenze. Mi scuso per la digressione. Tornando alla tua domanda specifica, l’ipotesi dell’appartenenza di Napolitano alla massoneria atlantica, avanzata dai Maestri Gioele Magaldi del Grande Oriente Democratico e Giuliano Di Bernardo della Gran Loggia regolare d’Italia, credo sia interessante se inserita all’interno di un’analisi storica sull’ascesa dell’attuale capo dello Stato. Napolitano, di stirpe partenopea liberale, figlio di un avvocato massone, è stato nel tempo burocrate comunista fedele a Togliatti e a Mosca, collaterale a Craxi e a Berlusconi, garante degli ambienti atlantici e barometro delle tecnocrazie legate a doppio filo ai poteri finanziari. La comprensione degli avvenimenti è facilitata se lo scrittore realizza un compendio dei cursus honorum dei maggiorenti democratici, soliti alle agiografie, e riannoda i fili tra scandali giudiziari, conflitti d’interesse, rapporti tra partito e banche, cointeressenze che stanno alla base di politiche subalterne al berlusconismo e al liberismo sfrenato. Ritenevamo necessario decodificare le ragioni profonde dell’involuzione antropologica della sinistra, deprivata nel corso di un trentennio del patrimonio di idee e di etica civile.

In teoria non costituisce reato l’appartenenza a una setta o loggia. Perché allora, secondo te, in tanti stentano ad ammettere la loro fratellanza o l’ipotesi del loro coinvolgimento con la massoneria?

Perché essere associati a gruppi ontologicamente opachi è un fatto negativo, anche soltanto in termini di immagine. Al di là della questione penale che esiste nel caso di logge illegali come fu la P2 di Gelli, esistono tanti livelli di massoneria che operano in contesti ed epoche molto diversi tra loro, ma quanto condizionino i destini dei governi e delle economie transnazionali non è misurabile per la conoscenza ancora troppo parziale di questi fenomeni. Un discorso analogo vale per i club esclusivi internazionali che rendono noti gli elenchi degli ospiti ma non certo il contenuto delle tavole rotonde che si sviluppano tra banchieri, capitani d’industria e di finanza, manager, giornalisti selezionatissimi. Gli stessi protagonisti della vita pubblica dei rispettivi Paesi, poi, si ritrovano nei governi e nei salotti televisivi a dettare i temi dell’agenda mediatica tra i quali, putacaso, campeggiano i dogmi dell’austerity. Tutto il contrario della trasparenza e della deontologia.

Leggendo I panni sporchi della sinistra e riflettendo sui fatti e sui dati riportati, correlandoli alla contemporanea attività parlamentare e di governo, sembra quasi che la dicitura “di sinistra” o “di destra” sia solamente un escamotage per dividere il popolo, separarlo in tanti piccoli gruppi contrapposti l’un l’altro. I guelfi e i ghibellini del terzo millennio. E mentre le persone si azzuffano per difendere i rispettivi leader, questi stringono fra di loro larghe intese. Non sarebbe meglio abbandonare queste etichettature e concentrarsi sui fatti, sulle azioni concrete? Che siano queste fatte da uomini che si definiscono di destra o di sinistra alla fine non conta; ciò di cui deve importare e che deve contare è la sostanza.

Sono d’accordo che si debba valutare il lavoro svolto e non l’appartenenza, dietro il cui paravento si perpetrano le scelte più deteriori, effetto anche del consociativismo. La differenza di valori tra destra, centro e sinistra però ha ancora senso. In Italia non esiste più una sinistra (sia essa rossa, verde, socialista o keynesiana) che ponga come meridiano di Greenwich la giustizia sociale, le reali pari opportunità, la tutela dell’ambiente e del tessuto produttivo italiano, la laicità come forma mentis. Basti pensare alla lunga stagione di svendita di reti strategiche nazionali e servizi locali, alla precarizzazione del lavoro, al finanziamento delle scuole private e alla demeritocrazia patita da donne di talento, all’assenza di una qualsiasi progettualità Politica con la p maiuscola. Secondo la professoressa Mariana Mazzucato, docente di Economia all’Università del Sussex, lo Stato dovrebbe tornare a orientare l’economia, concorrendo in modo virtuoso con i privati e investendo in ricerche sperimentali, grazie alle quali, come insegna il modello della Silicon Valley, possono venire sviluppati prodotti innovativi. Invece si è lasciato che il capitalismo globalizzato continuasse a far leva sul gap di diritti e salari (altri, Usa e Cina compresi, hanno posto dazi doganali ad hoc per l’interesse nazionale) e che le industrie italiane, dato che anche le più illuminate non vivono per la gloria, trovassero più conveniente la rendita finanziaria. Non solo: queste maschere politiche, che hanno campato tra corruttele e familismo amorale, sono arrivate a svendere il futuro, sottoscrivendo accordi suicidi come il fiscal compact, che si traduce in un cappio al collo da 50 miliardi di euro l’anno per i prossimi vent’anni. l’introduzione in Costituzione del pareggio di bilancio accelererà la spirale di macelleria sociale e di contrazione delle risorse per settori come la cultura, che sono il traino delle società evolute. Il pareggio in bilancio è stato inserito in una Carta costituzionale vincolata all’ordinamento europeo dopo un rapido iter, nel dicembre 2012, col consenso politico e col silenzio mediatico generale, poco dopo il premier Monti firmò il Trattato del Fiscal Compact. Per questa somma di ragioni la sinistra di D’Alema, Veltroni e altri emuli del blairismo si è scritta da sola l’epitaffio, permettendo a Renzi di scalare il partito e di proseguire, sotto le mentite spoglie del rinnovamento, i dettami della Troika. D’altronde Renzi, come descriviamo nel libro, è prescelto da poteri fortissimi: la galassia ruotante attorno a Berlusconi, il mondo clericale da cui discende, la destra americana dello stratega repubblicano Micheal Leeden presente alla Leopolda, il gotha dell’industria e della finanza che lo sostiene sin dal principio.

Stai lavorando già a qualche nuovo progetto?

Mi avvalgo della facoltà di non rispondere. Ciao!

(Intervista di Irma Loredana Galgano)

Link a Sul Romanzo.

“La degenerazione morale e culturale della sinistra”. Intervista al Corriere del Ticino

Lascia un commento

«I panni sporchi della sinistra. I segreti di Napolitano e gli affari del Pd». Un libro-inchiesta di Stefano Santachiara, corrispondente de «il Fatto Quotidiano», e di Ferruccio Pinotti, giornalista del Corriere della Sera, nel quale emerge una sinistra che ruba, inquina e specula. Abbiamo rivolto alcune domande a Stefano Santachiara.

Nel vostro libro rimproverate a Giorgio Napolitano di essere intervenuto nella vita politica italiana ben oltre i limiti fissati dalla Costituzione. Nel caso della mancata nomina del nuovo capo dello Stato da parte del Parlamento, Napolitano non ha mostrato senso di responsabilità mettendosi a disposizione per un altro mandato?

«Non giudichiamo le intenzioni di Napolitano ma alcune prassi irrituali. Dopo le dimissioni di Berlusconi il capo dello Stato ha persuaso destra e sinistra a sostenere il tecnocrate Monti; con il pareggio elettorale dell’anno scorso ha inventato una sorta di pre-incarico collettivo, delegando a dieci saggi la stesura di una bozza di riforme istituzionali che creasse le condizioni per le ampie intese. Napolitano ha accettato il secondo mandato per l’assenza di un candidato unitario al sesto scrutinio. Si sarebbe potuto proseguire come avvenuto in passato (il socialdemocratico Giuseppe Saragat nel 1964 fu eletto alla 21.esima votazione), con nuovi candidati opposti al costituzionalista Stefano Rodotà indicato dal M5S».

Matteo Renzi vuole rappresentare il nuovo che avanza, ma così nuovo, considerati gli anni di militanza politica anche in altri schieramenti, non è. Un più rapido ricambio della classe politica potrebbe portare dei benefici al Paese?

«È il punto cruciale. Renzi è giovane anagraficamente ma neppure le moderne tecniche di comunicazione possono celare il suo tatticismo doroteo. Vedremo se manderà in pensione i dirigenti ex comunisti e democristiani che sono in politica da un trentennio benchè corresponsabili di una vera e propria degenerazione morale: accordi occulti con l’avversario Berlusconi, corruzione e inquinamento, commistione tra pubblico e privato, partito e banche. È come se la sinistra avesse sacrificato la Weltanschauung sull’altare del potere».

Visto quanto avvenuto in altri Paesi europei, si può dire che la metamorfosi della sinistra rappresenti un percorso obbligato. In cosa si differenzia il percorso compiuto dalla sinistra italiana, rispetto alle socialdemocrazie europee?

«Le socialdemocrazie europee hanno subìto l’influenza del liberismo e i dogmi dell’austerity. A differenza dell’Italia, però, la Francia ha sforato unilateralmente i vincoli UE sul rapporto deficit/PIL e nessuna nazione ha privatizzato reti strategiche. La subalternità culturale della sinistra italiana si desume anche dal silenzio sepolcrale che cala su iniziative come il referendum 1:12 sui salari dei manager tenutosi in Svizzera».

Mentre si discute di riforma elettorale, diversi politici italiani tessono le lodi del bipolarismo. Ma un sistema di voto che favorisca il bipolarismo riuscirà a unire la sinistra italiana che non solo ha visto a più riprese SEL e PD su posizioni distinte, ma anche un PD diviso al suo interno?

«Le divisioni sono talmente profonde che il PD non si è iscritto al PSE. SEL è un partito in crisi, il segretario Vendola ha perso appeal per alcuni scandali scoppiati nella regione di cui è presidente, la Puglia, dove le nomine della Sanità pubblica erano ripartite secondo logiche clientelari».

Enrico Letta e Matteo Renzi, posizioni diverse in uno stesso partito. Se il tandem si romperà sarà la fine di quella sinistra poco esaltante che emerge dal vostro libro?

«Letta è paragonato ad Andreotti per le capacità mediatorie e il ruolo di parafulmine rispetto alla pressione fiscale e ai tagli pubblici; Renzi può continuare a criticare l’immobilismo del Governo e a lanciare proposte come il job act. Eppure le sintonie sono molte: premier e segretario PD provengono dalla tradizione democristiana, sono liberisti e in rapporto con la galassia berlusconiana. Per queste ragioni, malgrado il dualismo alimentato dai media, ritengo poco probabile uno scontro che potrebbe provocare l’implosione del PD».

(Osvaldo Migotto)

Link all’articolo del Corriere del Ticino

Older Entries