Appalti alla ‘Ndrangheta, rinviati a giudizio ex soggiornante obbligato e sindaco Pd

2 commenti

Il ras locale del Pd Luigi Ralenti e l’ex soggiornante obbligato di Gioia Tauro Rocco Baglio sono stati rinviati a giudizio con le accuse di corruzione e turbativa d’asta in relazione alla concessione di lavori edili nell’ormai famigerato comune di Serramazzoni. Il gip di Modena Eleonora Pirillo, accogliendo quasi in toto le richieste dell’accusa, ha fissato per il 17 dicembre l’inizio di un maxi-processo che vedrà contrapporsi la Procura e i 9 imputati su presunti appalti irregolari, speculazioni edilizie, incendi dolosi e minacce estorsive. Ma l’inchiesta del pm Claudia Natalini sulla devastazione del dorsale appenninico non si ferma: proprio mentre in tribunale si celebrava l’udienza preliminare gli agenti del Corpo forestale dello Stato hanno posto i sigilli alla scuola materna e all’asilo della frazione di Riccò, costruiti senza una variante al piano regolatore e su un terreno considerato friabile. Il sequestro, che porta all’ iscrizione nel registro degli indagati di Ralenti e dell’ex capo dell’ufficio tecnico Tagliazucchi, rientra in una nuova indagine per abuso edilizio e abuso d’ufficio dopo i procedimenti penali sulle lottizzazioni immobiliari a casa Fenocchi e casa Giacomone.
La vicenda al centro del dibattimento, rivelata dal Fatto Quotidiano e poi oggetto di una puntata di Report, riguarda i progetti di ristrutturazione del polo scolastico e dello stadio di Serra affidati nel 2008, tramite la controllata comunale Serramazzoni Patrimonio, a un’associazione temporanea di imprese che a sua volta ha assegnato la parte edile alla Unione group, intestata alla moglie di Rocco Baglio. L’imprenditore edile calabrese, pregiudicato per detenzione di armi e bancarotta fraudolenta, avrebbe avuto buon gioco nel mettere le mani sugli appalti di Serramazzoni (il solo project financing per il restyling dell’impianto sportivo superava il 1 milione di euro) grazie ad una serie di incontri con Ralenti, primo cittadino dal 2002 al 2012. Secondo l’accusa il do ut des si sarebbe concretizzato nella promessa di vendita di un immobile a prezzi stracciati. Tutti gli imputati negano gli addebiti e si dicono certi di veder riconosciuta la propria innocenza. Rocco Baglio è accusato assieme a Salvatore Guarda e Marcello Limongelli di aver chiesto il pizzo in un night club e di aver incendiato la casa di campagna di Giordano Galli Gibertini, ex calciatore del Modena titolare di un’impresa edile. Secondo le indagini, Gibertini aveva trattato per Baglio e i due sodali l’acquisto di un terreno non andato in porto e si era trattenuto 100.000 euro per la mediazione. Davanti al portone di casa, inoltre, si era visto recapitare una testa di capretto mozzata. Malgrado queste condotte non è stata contestata l’aggravante del metodo mafioso perché la Dda di Bologna, competente in materia, l’aveva respinta a inizio indagine. La polizia giudiziaria tuttavia ha sottolineato come «le metodologie utilizzate dall’organizzazione erano quelle tipiche di stampo ’ndranghetista, particolarmente efficaci e convincenti» e il procuratore di Modena Vito Zincani ha ricordato che questa inchiesta è un unicum in Regione e al nord:”La criminalità organizzata ha fatto un salto di qualità, tessendo rapporti con il tessuto politico (Pd, nda). Cresce il livello di allarme per un sistema che prende di mira soprattutto i piccoli comuni».

Link all’articolo del Fatto Quotidiano

Annunci

Serramazzoni, arrestato il boss che otteneva appalti dal Pd

Lascia un commento

Stefano Santachiara, giornalista d’inchiesta

Un gruppo criminale legato alla ‘ndrangheta che era in grado di seminare il terrore tra gli imprenditori e al contempo di fagocitare appalti pubblici per 2 milioni e 700 mila euro a Serramazzoni, Comune dell’Appennino modenese sciolto nel luglio scorso dopo le dimissioni della Giunta. E’ quanto emerge nell’inchiesta del pm Claudia Natalini e della Guardia di Finanza che stamattina ha portato all’arresto di Rocco Antonio Baglio, ex soggiornante obbligato di Gioia Tauro, e dei conterranei Salvatore Guarda e Marcello Limongelli. Dunque non solo la Lombardia di centrodestra, dove la settimana scorsa è finito in manette per voto di scambio l’assessore regionale alla Casa Domenico Zambetti, ma anche l’Emilia rossa subisce una penetrazione mafiosa non priva di sponde politiche. Gli inquirenti modenesi non contestano l’aggravante dell’articolo 7 ai tre arrestati per associazione a delinquere finalizzata a vari reati, dall’estorsione all’incendio alla turbata libertà degli incanti, ma sottolineano come “le metodologie utilizzate dall’organizzazione erano quelle tipiche di stampo ‘ndranghetista, particolarmente efficaci e convincenti”. Il quadro ricostruito nell’ordinanza di custodia cautelare è composto da uno stillicidio di episodi: dalle minacce di provocare risse nei night club che non pagavano il pizzo all’invio della testa di un capretto adagiata lungo le scale di uno studio immobiliare che aveva osato sfidare gli interessi del sistema, da otto bossoli in busta chiusa di avvertimento per uno sgarro all’incendio dell’abitazione di un costruttore.
Altro

Serramazzoni, Sel propone scioglimento per mafia

Lascia un commento

Gli incontri tra un sindaco del Pd, Luigi Ralenti di Serramazzoni, con un ex soggiornante obbligato, Rocco Antonio Baglio da Polistena, scuotono la sinistra in Emilia Romagna. Rifondazione Comunista invoca le dimissioni del primo cittadino, l’assessore regionale di Sel Massimo Mezzetti chiede alla classe dirigente di valutare, se sarà necessario, anche la possibilità di sciogliere il consiglio comunale. Ralenti, militante dal 1972 nella Democrazia Cristiana poi confluito nel partitone con gli avversari di un tempo, governa da 9 anni il piccolo centro dell’appennino modenese (8mila abitanti a 800 metri d’altitudine) che nel 2007 lo ha incoronato con il 68% dei voti (lista civica Serra insieme). Da alcune settimane è indagato per corruzione e turbata libertà di scelta del contraente nell’inchiesta dei Pm Claudia Natalini e Giuseppe Tibis sugli appalti per l’ampliamento del polo scolastico (già realizzato al costo di 230mila euro) e la ristrutturazione dello stadio (progetto da 1 milione e 100mila euro) affidata in project financing a un’associazione temporeanea di imprese. La Guardia di Finanza, che ha notificato gli avvisi di garanzia anche al dirigente comunale Rosaria Mocella e al capo cordata Marco Cornia, presidente dell’Ac Serramazzoni, ipotizza un ‘do ut des’ per l’assegnazione dei lavori edili a due società a responsabilità limitata: la partner dell’Ati Restauro e Costruzioni intestata a Giacomo Scattareggia e la subappaltatrice Unione Group. Entrambe sarebbero riconducibili ad una vecchia conoscenza degli inquirenti, Rocco Antonio Baglio.
Altro

Appalti alla ‘ndrangheta: indagato sindaco Pd di Serramazzoni

6 commenti

Anche in Emilia la ‘ndrangheta ottiene gli appalti entrando nelle stanze del potere politico. E’ un quadro accusatorio senza precedenti quello che emerge dall’inchiesta della guardia di finanza nel Comune di Serramazzoni, centro di 8mila abitanti sull’Appennino modenese. Il sindaco Luigi Ralenti del Pd, al secondo mandato, è indagato per corruzione e turbata libertà di scelta del contraente in relazione a due commesse pubbliche: il recente ampliamento del polo scolastico (costo 230mila euro) e il project financing da un milione e centomila euro per il restyling dello stadio dove oggi milita la squadra di dilettanti e vent’anni fa segnava i primi goal il futuro campione del mondo Luca Toni. Nel mirino ci sono i lavori edili affidati a una coppia di società a responsabilità limitata, secondo gli inquirenti riconducibili a Rocco Antonio Baglio, considerato la longa manus della cosca Longo Versace di Polistena (Gioia Tauro), e al figlio Michele, una sorta di direttore di cantiere. La delicata inchiesta del Pm Claudia Natalini, poi affiancata dal sostituto Giuseppe Tibis, è partita nel luglio scorso dopo l’incendio doloso che ha devastato la villa di campagna di Giordano Galli Gibertini, ex calciatore del Modena titolare di un’impresa edile. Pochi mesi prima erano stati bruciati anche gli spogliatoi del campo sportivo di Serramazzoni: ignoti avevano impilato le magliette della squadra, versato olio bollente e appiccato il fuoco. Baglio senior è accusato da un lato di aver bruciato la villa del costruttore e poi di aver trovato un accordo col sindaco Ralenti per l’assegnazione degli appalti.
Altro