Il nuovo racconto: “La purezza del serpente”

1 commento

Ci siamo, “La purezza del serpente” è arrivato all’ultima riga. Desidero ringraziare coloro che hanno reso possibile questo nuovo racconto, un’avventura di fantasia calata nel contesto del 1918, vale a dire studiosi che mi hanno fornito documenti storici, amici e conoscenti che hanno permesso alla mia ispirazione di prendere forma e hanno scattato meravigliose fotografie. A proposito, fra pochi giorni saranno inserite nelle pagine finali del libro alcune foto di animali e paesaggi! Per anticipare alcuni spunti della storia li associo agli amici, ma in ordine cronologicamente sparso, per non spoilerare.

Giacomo Bertoni, responsabile di filiale del Credito emiliano e consulente finanziario, amico dai tempi del liceo, compagno di mille giochi (su tutti quelli da tavolo Diplomacy, Axis and Allies, calcio e tennis) e avventure

Mentre il dolore veniva lenito dalle carezze, le venne spontaneo di baciarlo. Le gote calzavano la maschera veneziana, dunque Elena spostò le labbra sul lembo vicino all’orecchio. Il colorito della pelle era appena abbronzato; il sapore inebriante, forse per la combinazione fra la salsedine e un sublime profumo orientale. Il capitano s’alzo bruscamente. “Che si sia ritratto per il mio gesto audace?”. Non lo seppe mai. Dietro di loro si erano avvicinati tre pirati. Scambiarono alcune parole in italiano, altre in spagnolo, altre ancora in un idioma intraducibile. Avendole pronunciate un marcantonio biondissimo, Elena ipotizzò una lingua scandinava.

Annalisa Luppi, istruttrice di nuoto a Carpi; amante della natura, dei delfini e dei cavalli in specialmodo; amici fin dai tempi del liceo, in questi anni abbiamo condiviso biblioteche, gite in canoa e concerti.

Stava per andarsene e lasciare il querulo Goffredo, quand’ecco che un flebile nitrito richiamò la sua attenzione. Era un cucciolo nascosto dietro una bellissima cavalla, utilizzata per gli spostamenti con la carrozza. “Lui! Voglio lui! Come si chiama?”. Il marito, rinfrancato per l’entusiasmo della moglie, s’inventò un nome su due piedi: “Publius!”. “In latino?” “Certo! Non sai che la mia dinastia è in parte etrusca e in parte romana? Orbene, devi sapere che l’imperatore Augusto…”. Elena lo interruppe provvidenzialmente. Non avrebbe retto altre lezioni sull’albero genealogico, più presunto che vero: “Ascolta, io mi prenderò cura di Publius, contento?”. L’uomo fece per abbracciarla da tergo ma avvertì un dolore acuto alle parti basse: “Ahia, che male! Come ti permetti brutta…?”. Goffredo credette di aver subìto una gomitata o un calcio all’indietro da Elena. Invece era stato il cavallino a sferrargli una zoccolata nel punto più sensibile. L’uomo lo intese un momento dopo, sedendosi per recuperare il fiato, allorché Elena e il suo pony erano già distanti. Gli saltò in groppa pur avendo scarsa esperienza. Da ragazzina aveva letto diversi racconti di ippica, anche sulle corse e sulle scommesse, ma incontrò solo il ronzino del mugnaio: nella fattoria dove prestavano servizio il padre e gli zii allevavano soltanto mucche, maiali e galline. Lo sguardo di Publius, che percepiva le sue emozioni più recondite, non l’aveva mai immaginato. Divennero inseparabili.

Mirko Rizla, amico cilentano con cui condividiamo alcuni interessi e giochi, il nostro prediletto è la “parola del giorno”, che consiste nel ricercare un termine arcaico e denso di significato per poi stupirci nel percorso etimologico

Nel sottoscala da cui si accedeva alla biblioteca, invece, era appesa una crosta che la inquietava: vi era raffigurato un uomo dall’espressione abietta, il volto tondeggiante, la folta barba nera e una benda sull’occhio destro. Mancava la firma sulla tela, segno che il pittore ne aveva disconosciuto la paternità. Quando scendeva con la candela nella penombra provava una sensazione straniante, come se il soggetto del quadro la stesse guardando. Intravvedeva qualcosa di pulsante, un principio di luccichio tetro nelle pupille. Era il riflesso della fiammella, ma pareva che si fossero mosse al suo transito. Allora accelerava, faceva marcia indietro e ripassava, la volta seguente cercava di distrarsi. Tutto inutile. Il tambureggiare sordo dei cattivi pensieri era sempre lì.

Daniele Ricci, mio principale Cicerone sull’isola d’Elba questa estate, i suoi ricordi e le magiche fotografie sono stati fonte di ispirazione inesauribile

L’elbana continuò specchiandosi nella pietra preziosa: “Qui ci sono luoghi fatati, inaccessibili”. “Relitti sommersi?”. “ Quando eravamo bambine io e la mia migliore amica, stanche di stare sulla riva ad aspettare, ci impossessammo di una barchetta”.
“Wow”.
“Eh, alla fine ci prendemmo una sgridata che ci ricordiamo ancora. Ma ne valse la pena. Remavamo con la forza di due mocciose, praticamente zero. Così fu soprattutto il vento a trasportarci”.
“Dove arrivaste?”.
“Nei pressi dello scoglio isolato, nella zona nord occidentale. Eolo decise di infilarci in una grotta segreta, quasi totalmente sommersa. La barchetta era alta un metro, giusto lo spazio tra le rocce e l’acqua… Noi ci abbassammo e spalancammo la bocca…”.

Sonia Bellucci e David Sarcina, Livorno, ma dovrei dire Calafuria, dove ci siamo conosciuti a pochi passi dal luogo famoso per il film “Il Sorpasso”. Sonia lavora, David fa il casalingo e coltiva la sua passione musicale; insieme mi hanno insegnato che con pazienza e sensibilità i gabbiani possono fidarsi di te al punto da diventare amici.

Pur non avendo una briciola di pane, la ragazza distese il braccio verso il mare aprendo il palmo della mano. Un gabbiano emise un garrito e iniziò a roteare nell’aria. Sebbene la traiettoria lo mantenesse ad una certa distanza, Elena ne colse l’intendimento: “Vuole venire da me”. Si sentì speciale. Non aveva fatto altro che sporgere una cinquina, mentre tutto l’equipaggio agitava le mani da ore. Sulla destra del galeone alcuni delfini nuotavano in superficie. Il gabbiano scese sotto il livello della nave rasentando l’acqua e sfiorando i mammiferi. Elena li contemplava beata, respirando l’aria frizzante. Era la privilegiata spettatrice di un balletto incantevole: “Qui, ora, il cielo danza con il mare nello spirito di due nobili esseri viventi”. Chiuse gli occhi ascoltandoli: le onde cullavano i fischi dei delfini e i versi del gabbiano. La sua mente vagava in una dimensione parallela, le sembrò di udire i flauti e i violini, Mozart e Beethoven, di percepire la sostanza della natura risorta dall’elemento primordiale.

Massimo Manfredi, Pietrasanta, ideatore di un progetto di fattoria didattica per ragazzi disabili appena fuori dalle mura della città d’arte; ora ci sono gli struzzi, poi arriveranno anche i daini e altre specie

L’orso digrignò i denti emettendo un terribile barrito, poi avanzò di un paio di metri. Era sul punto di sbranarli, la ragazza gli guardava la poderosa mandibola, pensò al dolore che avrebbe provato. L’orso però inspiegabilmente si voltò all’indietro, distratto non si sa da cosa. Il bestione stava affrontando un essere sfrecciato a velocità incredibile, alla stregua di un cavallo scuro nella notte. “Cos’è quel grosso pollo nero?”. Si trattava di uno struzzo, l’uccello più alto del pianeta, scattante e gagliardo ma incapace di volare. Alcuni esemplari erano stati importati a Firenze a metà dell’Ottocento dal figlio di un ricchissimo ambasciatore russo. Tutti li sapevano in cattività negli zoo, ma non era improbabile che qualche struzzo fosse fuggito per riprodursi nella selva. Nei paraggi Elena notò voluminose uova, proprio dietro il cespuglio da cui era spuntato l’orso. Lo struzzo, che era un maschio, evidentemente le stava covando. In quella specie animale è la femmina a viaggiare libera lasciando al proprio compagno il compito di prendersi cura dei pulcini. E che cura! L’uccello, preoccupato per le uova, era accorso a spron battuto ad onta della stazza dell’orso, mettendolo in fuga con una rapida serie di beccate. Agli occhi di Elena quel “grosso pollo nero” era l’erede del Tirannosauro, la sua evoluzione naturale.

Jessica Bianchi, responsabile redazionale del “Tempo”, e autrice con Antonella De Minico de “Il silenzio delle campane”, libro sulle reazioni e le tracce a Carpi del devastante terremoto del 2012. Ama le persone che sanno ascoltare, le donne coraggiose, un buon bicchiere di vino e il vento sulla faccia. La nostra amicizia risale agli inizi di entrambi nei giornali a fine anni ’90, è sua la foto del retro della copertina, scattata durante la vacanza sull’Elba.

Lo sfruttamento dei lavoratori si era ridimensionato, Elena aveva concesso pause maggiori e paghe più sostanziose, anticipando persino le rivendicazioni che i sindacati avrebbero avanzato altrove negli anni a venire. Ne conseguirono immediati benefici nei raccolti e nella commercializzazione dei prodotti. Butteri e contadini erano meno angustiati, nei loro occhi, sempre stanchi e timorosi, si percepiva un velo di leggerezza ritrovata. Elena, che si alzava sempre al sorgere del sole, li salutava mentre sfilavano coi forconi e gli animali per andare nei campi, e li accoglieva gentile al tramonto. Ma al centro dei suoi pensieri non stava l’economia, o piuttosto quel rivoluzionario modo di intendere i rapporti di lavoro che aveva inaugurato a sua insaputa. L’apatia che la attanagliava in quella condizione agiata e di relativa libertà era incomprensibile. In primo luogo a se stessa. E non mutava col trascorrere dei giorni, delle settimane, dei mesi. Aveva perduto interesse per l’arte, la musica, la letteratura, il teatro. Specchiandosi in una goccia sull’agapanto si domandava il senso. Non sapeva neanche più se, quel frammento iridescente sul petalo, fosse effetto della rugiada oppure un dono del suo occhio.

Luca Giannecchini, Lido di Camaiore, attore di teatro e informatico esperto: mi ha aiutato a resettare il computer infestato da virus e si è appassionato all’avventura del libro, suo figlio ha comperato una settimana fa non una, ma due copie de “I panni sporchi della sinistra”, edito nel 2013!

Lo smeraldo dei suoi occhi non la metteva in soggezione, magari indicava una certa irrequietezza ma era assolutamente puro. Lo riconosceva dal fischio, forte e prolungato, con cui amava chiamarla a giocare o salutarla dopo una giornata nei campi. Partiva all’alba, stando attento a non svegliarla, con solo un po’ di frutta nelle tasche e rientrava al tramonto. Sempre con la stessa camicia beige a maniche corte, i pantaloncini e i sandali spelacchiati. Lei gli si gettava al collo, le piaceva tastare i muscoli e pure l’odore della vecchia giacca sgualcita, che si scoloriva col passare delle stagioni. Luca le era apparso come un gigante delle fiabe fin da poppanti, l’aveva presa per mano e non l’aveva lasciata mai. Nelle piccole gioie e nei dolori che i bambini provano per mancanza di attenzione degli adulti. E poco importava, a Luca, se era sempre la sorella a vincere il bignè.

Elisabetta Morandini, Forte dei Marmi, friulana di origini canadesi, ha frequentato la scuola Altieri, lavorato come modella e hostess, è appassionata di arte in tutte le sue forme, adora il mare e il tennis. Ci siamo conosciuti sull’Elba, in un forno col pane ai cereali, mi sovrastava con la sua simpatica bombetta nera. E’ sua la foto di copertina.

A inizio secolo Elena attendeva con la sacralità di un rito la mattina della domenica, quando zia Genoveffa la portava con sé. L’ingresso nella bottega era una gioia paragonabile all’accomodarsi nel loggione d’onore per Madama butterfly. Nemmeno avesse il binocolo da teatro, i suoi occhi azzurri individuavano tutti i colori dei pasticcini, ordinati e perfetti come i soldati che vedeva sfilare per le strade con la banda musicale. Elena li pregustava attraverso un girotondo dei sensi e della fantasia: il fiuto dei primi odori le porgeva un pennello immaginario con cui anticipare il confezionamento dei dolci e il primo contatto manuale; il fruscio della carta poteva essere un’onda marina o un vento leggero che disegnava arabeschi sulle nuvole del piacere. I bignè.

Patrizia Gucci, designer, pronipote di Guccio Gucci, fondatore della maison che ha portato nel mondo lo stile italiano; si è occupata delle relazioni internazionali per il gruppo cominciando dalle mansioni più umili come tradizione di famiglia, è appassionata di archeologia e di letteratura, da qualche tempo collega mi onora della curiosità per il lavoro svolto.

Elena possedeva un personalissimo gusto, anche se non lo ostentava affatto, persuasa che la moda fosse una deminutio entro cui relegare l’attività femminile. Si levò gli stivali per rilassarsi meglio. Addocchiò un paio di forbici e dispiegò il talento: il panno divenne una sottana sbarazzina, che legò con una corda da ormeggio. Coordinata al nero della blusa ormai senza maniche le infondeva un’immagine grintosa, ma anche elegante come un’antica tunica romana.

Lara Comi, vicepresidente del Ppe, ci siamo conosciuti durante lo studio e la scrittura del libro ‘I Panni sporchi’, abbiamo in comune la passione per il calcio (lei gioca, io non più, e tifa il Milan come me) e per le bellezze del nostro Paese. Lara è stata premiata come miglior europarlamentare, ha sempre sostenuto il made in Italy, adora leggere e ha il raro pregio di saper cogliere in profondità.

Cominciò a rassettare, lieta che il fratello fosse lì: “Sta sorridendo, sicuramente sogna”. Ripensò alle nottate d’infanzia sullo stesso saccone ripieno di paglia, un giaciglio stretto e scomodo la cui sola praticità era il ricambio di imbottitura la mattina: “Bastava livellare uniformemente la paglia con un’asta di legno infilata nel saccone tramite le tasche. Anna e Piero impiegano un quarto d’ora almeno per rifare i letti”. Luca si sdraiava supino, ma teneva le gambe dritte per lasciarle lo spazio. “Dormivo spesso per prima, dandogli la schiena. E meno male: se attaccava a russare…”. Accese il sorriso: “Sperimentavo la qualunque! La molletta sul naso era chic, ma non serviva a nulla. Idem le spintarelle, l’unico rimedio efficace era farlo rotolare sul fianco. Se non era sufficiente usavo i tappi per le orecchie”. Ciononostante il saccone era il momento più atteso: “Ci sentivamo come due pulcini che rientrano nel guscio dopo ore di tribolazioni, angherie diurne nel pollaio. Luca mi faceva addormentare raccontando la sua giornata nei campi, soprattutto gli scherzi agli adulti”. Il fratellone si nascondeva fra le spighe di mais per consentirsi un bagno al fiume. Si denudava, nuotava fra i paperi e si rivestiva svelto spacciando la pelle bagnata per sudore. “Non so se fosse tutto vero, ma io amavo la sua leggerezza, la capacità di non lagnarsi per la fatica e i postumi del duro lavoro”.

Sabina Guzzanti, attrice romana. Ci siamo conosciuti nei primi anni Duemila attraverso il mio direttore Marco Travaglio, con cui presentava bellissimi spettacoli di satira. Due anni fa ha creduto nel progetto del film sulla meravigliosa vita di Lou Salomé, una personalità che penetra dentro tutti i miei lavori. Non si molla!

Strascicava la lunga vestaglia con noncuranza. Ogni stanza era preceduta da una scultura in marmo: condottieri romani, divinità greche. Cosa avrebbe dato da bambina per averle fra le mani, o anche solo nelle proprie fantasie, mentre parafrasava i poemi omerici? Ora invece le esaminava con freddezza. Nessuna delle opere, scovate dal marito durante qualche asta o presso mercanti d’arte, le trasmetteva emozione. Maggiore attenzione concedeva ai quadri, nature morte che offrivano un punto di vista, scorci agresti dell’entroterra. Elena avrebbe desiderato dedicarsi alla pittura, ma era sicura di non possedere quella speciale attitudine. Da quando Chiara le regalò la scatola dei colori ad acquerello, lei diede libero sfogo all’estro: intingeva le mani con mille idee in testa ma poi non osava ritrarre persone, oggetti, paesaggi; mescolava tante sfumature disordinatamente, come un flusso di pensieri senza filtro, trasfigurando l’acqua nel fuoco, l’aria nella terra. Che il suo spirito selvaggio avesse trovato un canale per esprimersi pienamente? Elena rinunciò a comprenderlo: smise di disegnare poche settimane dopo la partenza di Chiara.

Angelo Martinelli, giudice e scrittore, ci conosciamo dal primo giorno di lavoro nel giornale di Modena, quando mi concesse un’intervista. Adoro i suoi libri, ma più ancora le sue immagini evocative. Cosa pensa uno struzzo, che come una donna di Modigliani ha gli occhi lontani dal cuore? Angelo mi perdonerà se dedico questo passaggio del libro non allo struzzo ma ad una farfalla aliena che brillava nella notte. Il primo giorno era azzurra, nella città bianca e nel brindisi era di mille colori, infine nel mare, guardando il cielo, si specchiava. Non volerà mai più qui ma è un ricordo incancellabile.

La ragazza estese il sorriso come una farfalla aliena che brilla nella notte. Un effetto mirabile che le luci soffuse incorniciarono, tratteggiando i delicati e forti lineamenti. Su quella sedia di castagno la silhouette pareva già una scultura, il collo affusolato l’elevava oltre le fiammelle del candelabro, ma quel batter d’ali, ossia di ciglia, era l’incanto che concede all’arte di vivificarsi; ad Elena di scintillare con la sua iridescente azzurrità.

Mi scuso con quanti non ho citato, vado a memoria ringraziando Raffaella Brignoli, responsabile della Biblioteca di Piozzano, Silvano Nannini, professore di Letteratura studioso di Dante, Giuseppe Pallini, medico di Firenze, l’allenatore Alessandro Pistolesi e le amiche calciatrici Francesca Papaleo, Rachele Baldi, Giulia Mastalli, i mister Carolina Morace e Gianpiero Piovani, l’infermiere livornese Luca Ercole, Giuseppe Recupero, proprietario dell’appartamento in cui risiedo e responsabile dell’ambulatorio medico di Pietrasanta, Alessandro e Grazia, esperti di fumetti e grafici provetti romani, la scrittrice elbana Daria Giuffra, gli attori friulani Paolo Massaria e Claudia Blandino, e l’interprete veneziano Giambattista Rizzardo protagonisti dell’audiolibro di Corpo, la regista di Mirandola Sandra Moretti e le sue allieve Miriam Treglia e Agnese Negrelli, il regista Francesco Guida e il musicista Antonio Sessa di Castellabate, il carpigiano Stefano Stradi, il ferrarese Lucio Russo, gli altri interpreti e tecnici di Corpo pronti a tornare al lavoro.

Audiolettura di Corpo, terzo frammento

Lascia un commento

Il parco archeologico di Apanestum si trovava su strada per l’università, dunque Monika acconsentì a visitarlo. Se Charles appariva rigenerato dall’atmosfera densa di storia ellenica, lei era più raggiante che mai. Passeggiavano fra le rovine come due alieni, isolati dal resto dei turisti, non soltanto le comitive che si aggregavano alle visite guidate ma anche le famiglie e le coppiette autoctone. Come fossero giunti dal passato o dal futuro, si esprimevano ora in greco e in latino, ora in inglese e in francese, centellinando aneddoti epici. Nei pressi del tempio di Athena, transennato dopo alcuni danneggiamenti, lui commentò da perfetto cicerone: <<Questo edificio fu consacrato venticinque secoli fa… Impressionante vero? I greci realizzarono le colonne con l’arenaria estratta da una cava sommersa nella scogliera alle pendici del colle che si vede dal Castello del Frate. E’ quel bosco incontaminato da dove sei arrivata, ricordi? Ha un non so che di mistico, non ci vive nessuno, solo il mare che batte sui faraglioni e tante specie animali. Io lo trovo un po’ inquietante, si dice che vi trovassero rifugio le streghe, ai tempi della Santa Inquisizione: orge inenarrabili, contatti mefistofelici con l’aldilà… Chissà se si era palesata anche Athena, magari assumendo le sembianze di una civetta. Lei, la dea della guerra e della saggezza…>>. <<Della giustizia>> lo corresse Monika, che non condivideva il suo punto di vista sulla presunta stregoneria perseguitata dalla Chiesa. <<Sì, era la protettrice di Ulisse. Gli prestò il casco di Davide per non farlo riconoscere dai Proci, che infestavano Itaca senza pietà per donne e bambini, e il suo arco benedetto… Ah, se Athena scendesse qui, oggi, e m’infondesse l’ispirazione, il coraggio… >>. L’uomo soppesava le parole: <<Solo grazie ai suoi influssi, Ulisse riabbracciò Penelope. Attese venti anni…>>.  La ragazza preferì indulgere alla celia: scavalcò la recinzione e si mise a saltare nel tempio. Charles non ebbe la forza di rimproverarla né di seguirla, eppure il suo cuore palpitava più forte di quello di Monny.

Ella raccolse un bastone e lo fece roteare, poscia vivificò la divinità: <<Achei, sono Pallade Athena, la vostra padrona. Vi ordino di sbaragliare i Troiani!>> gridò conficcando a terra la lancia di legno per poi celarsi dietro una colonna. Charles era l’unico privilegiato ad assistere alla pièce. <<Ora che il nemico è vinto, rendetegli l’onore delle armi. Basta violenza, basta arroganza… E non pensiate di molestare le donne, o vi giustizierò con una folgore>>. Incedendo, con la mano rivolta al regno di Zeus: <<O mortali, coltivate l’intelletto, godete della grazia nelle arti e nella natura>>. Lo scrittore, oltremodo partecipe, esalò un sì. La ragazza accennò un inchino, riunendosi all’amico. <<Cosa ti suscita il tempio?>> <<Il senso di potenza femminile>>. Charles trasalì. Il modo con cui lei s’imponeva nei discorsi, illuminandoli e chiudendoli, o rigirando i temi secondo la propria visuale, per un verso lo scombussolava, per l’altro incendiava la sua passione. L’uomo cercò di dissimularla invitando l’amica a visitare il tempio di Poseidone: <<…il grande persecutore di Ulisse…>>. Monny, che pure amava il sapore epico dell’acqua, ebbe una sensazione straniante: immaginare Odisseo oppresso dall’energia creatrice del mare le scatenava un turbinio interiore. Così, specchiandosi nel sole di mezzodì, spiccò il volo: <<La mitologia ellenica è un ricchissimo sciame di fantasia>>. << Di meteore o di api?>>. <<Di miele>>. <<Che visione melodiosa>> <<Sì, è un tesoro inesauribile>>.  <<Destinato a durare nei millenni>>. <<Per sempre>>. Charles e Monika intrecciarono istintivamente le mani. Egli fiutava di nuovo quel suo profumo di rosa, la desiderava con ardore. Ella ridivenne il bocciolo, le sue pupille brillavano come gocce di rugiada, le labbra erano soavi petali.

Si erano calati nell’identico incanto, dentro di loro risuonavano i violini e i flauti del Valzer. Il tempo si era fermato, come se la natura stesse vagheggiando vere e proprie affinità elettive. Allorché lui socchiuse gli occhi, approssimandosi adagio, l’attimo si dissolse in un batter d’ali. Gli schiamazzi di un drappello di visitatori li investirono come una frotta di afidi e Monika scivolò via. Le mani e la bocca, oramai, erano petali al vento. La ragazza avanzò di scatto per eclissare le emozioni, ma ben presto si rese conto di essere la prima a non comprendere il proprio turbamento. L’unica reazione esterna era stata imbarazzante: davanti al volto scosso di Charles le era spuntata un’espressione sardonica, come se fosse diventata arguta spettatrice dell’ironica sorte, compiacendosene. <<Perché lo schernisco? E’ stato dolcissimo… Forse rido dell’amore?>>. Lo sguardo dell’uomo era risucchiato dalla sua schiena imperiale: l’ombra muliebre, assottigliandosi fino al tempio di Athena, si mostrava sopraelevata rispetto alla colonna. Monny disperse l’uragano dell’inconscio e, girandosi lieta, riprese a dialogare…

Audiolettura di Corpo, secondo frammento

Lascia un commento

Sul versante opposto della casa, nella camera degli ospiti, Monika rifletteva supina. Si era coricata senza cambiarsi, subito dopo aver preparato lo zaino. Posizionando il ritratto della madre, ripensava a lei: <<Mamma non è mai stata felice con il generale, eppure non lo ha lasciato e non lo lascerà…>>. Mano a mano le tornavano alla mente i bei momenti vissuti insieme motteggiando sul treno per il mar Baltico, le pallate di neve, alleate con la nonna contro gli uomini di famiglia, le risate a crepapelle in cucina: << Portai a compimento la prima torta, un’installazione ridicola che pencolava, nondimeno rigida come un sasso>>. Le tante volte in compagnia della pittrice nella cantina dei misteri. <<Se ne stava lì, assisa sulla seggiola policroma, ogni tanto si spostava il ricciolo dei capelli che le cadeva sul viso, e dava ai suoi occhi celesti mano libera. Mi dipingeva, ore ed ore. Le piaceva che fossi io a decidere chi impersonare. Favoloso. C’era pure una piccola finestra che si affacciava sul lago Balžis, un paradiso naturale circondato da pini profumatissimi. Con sprezzo del rischio mi concedevo delle fughe… Salivo sul grosso ramo vicino al pertugio e scendevo giù per il fusto! Quel pino era il mio amico, custodiva il nostro segreto, la qual cosa mi faceva divertire doppiamente: credevo che nessuno se ne sarebbe mai accorto! Un giorno però mamma, a tavola, fece riferimento al grande albero e ad una scoiattola astuta che sguazzava nel lago… Lei quindi lo sapeva ma non aveva fatto la spia>>. I ricordi, lontani dalle durezze della vita, erano ancora più teneri e vivi. La genuinità delle sensazioni le rubò una lacrima di commozione. <<Mi sentivo a mio agio in quel vecchio deposito impolverato, zeppo di sorprese…>>. Il contrario della camera in cui si trovava adesso, aristocratica e fredda. L’alta finestra semichiusa e il gigantesco specchio dai contorni in legno dorato, nei pressi del letto, la mettevano in soggezione. Anche per questo aveva spento subito la luce. <<Nella cantina dei misteri diversamente mi addentravo con la torcia, esplorando fra le cianfrusaglie accatastate: il mobile senza un piede, l’orologio a cucù che avevo rotto centrandolo con una biglia di vetro, i libri avvolti nelle ragnatele e quelli negli scaffali più alti, per me irraggiungibili”.

Sorelle d’Italia, presentazione del libro

Lascia un commento


https://www.lanazione.it/pisa/cronaca/sorelle-d-italia-il-volume-scritto-da-santachiara-1.5498031

https://www.google.com/amp/s/www.gonews.it/2020/09/12/pistolesi-empoli-deborah-pavoni/amp/

Le immagini della serata

Audiolibri: Corpo interpretato da Paolo Massaria

Lascia un commento





Camminava anche quel giorno al ritmo dell’auricolare mentre calpestava per diletto le foglie sul sentiero, quasi a segnare un punto in un moderno videogame importato dall’America. Lo zaino bordeaux, un ricordo di Parigi, le ciondolava sul dorso come se una delicata percussione carezzasse la melodia di Le chic et le charme di Paolo Conte. Monika sceglieva le musiche non in base all’umore ma allo stato d’animo verso il quale sentiva di tendere, erano il preludio e così amava gustare ogni nota, ogni strofa, ogni silenzio. Ugualmente si acconciava la mattina. Se la salopette di jeans, che lasciava scoperte le bianche spalle e metà coscia era funzionale alla scarpinata, la lunghissima e rigorosa treccia sembrava un simbolo epico. Non un archetipo matriarcale o qualche teoria che gli intellettuali potessero confinare in un bolso dibattito sul significato politico e psicologico del look, neppure un’esaltazione estetica delle forme giunoniche sulle quali si accomodava senza malizia. Viceversa, quel serpente che aveva per capelli suggeriva un rapporto di simbiosi con la natura. Ad esempio, nel corso della passeggiata la sua coda si allontanò dal corpo per ficcarsi in un cespuglio: Monika aveva lanciato un bastone nella boscaglia e la treccia, per effetto del movimento, si era avvinta con vigore ad un rametto spinoso. Non c’era verso di staccarla, sicché la ragazza si fece largo con premura nell’arbusto, abitato da tanti piccoli esseri che svolazzavano fra le foglioline ovali. Avvertì un profumo intenso, seguendone la scia scoprì una pianta di rosa nascosta in mezzo ai rovi. V’era un unico bocciolo, in procinto di schiudersi. Invisibile agli animali, quel fiore si presentava di un rosa sì vivo da commuovere. <<Amazement>> sospirò ammaliata nella lingua che per prima aveva imparato in Unione sovietica, studiando clandestinamente testi occidentali. Le capitava non di rado che qualcuno o qualcosa, d’incanto, la riportasse all’essenza. Il momento era sublime quanto sfuggente, benché non fosse in grado di decodificarne il senso, l’accoglieva con letizia ascendente. Proprio come un’artista con la sua opera, arrivava a immedesimarsi nell’oggetto, in un attimo la cui relatività temporale soggiace alle leggi della creatività. Ora Monika sarebbe stata quella rosa per tutte le volte che avrebbe desiderato in futuro, un turgido bocciolo che è sempre sul punto di svelarsi, adornato di minuscole gocce di rugiada, vezzeggiato da buffe coccinelle, baciato da frizzanti api, corazzato di spine necessarie, forse utili a tener distanti gli spiriti maligni, forse letali per cuori vulnerabili. Monika chiuse gli occhi e si tuffò con la totalità del viso nella fragranza, abbandonandosi fra i morbidi petali con estrema delicatezza, come calzasse una seconda pelle di raso rosa.

La libertà che Luna non riesce ad accettare

Lascia un commento

C’erano una volta Luna e Lupo. Il riferimento è allo scrittore Pietrangelo Buttafuoco (già al Secolo d’Italia, scrive sul Foglio di Giuliano Ferrara, che è contemporaneamente comunista, socialista, berlusconiano, dalemiano, renziano, ora pro Salvini, per sua ammissione legato alla Cia, insomma la quintessenza del sistema politico), il quale per anni, attingendo a un suo vecchio romanzo, pubblica ogni tot giorni sul Foglio una dedica a Luna e Lupo. La sua rubrica però smette di essere dedicata a Luna e Lupo il 22 giugno 2018, con quest’ultimo messaggio: Luna aspetta Lupo per l’estate. https://www.ilfoglio.it/il-riempitivo/2018/06/22/news/la-luce-del-solstizio-201828/

Ma cominciamo dall’inizio, cioè a molti, molti anni fa. Luna è una giovane magistrata, lavora con impegno e dedizione ma è sfortunata, nel senso che le capita di gestire una guerra mondiale al servizio del sistema politico contro i suoi nemici. Lupo è un giornalista che lavora per un quotidiano che non riceve finanziamenti pubblici, la sua carriera è in ascesa, pubblica anche un libro sulla corruzione di alcune parti importanti del sistema politico. Fra Luna e Lupo nasce un’amicizia forte, che cresce con la frequentazione lavorativa, nella quale rientra anche un’inchiesta di Luna, sostenuta da Lupo, relativa a quella guerra mondiale. Inizialmente è Lupo a provare un sentimento che va oltre l’amicizia per Luna, che è fidanzata e fedele. La loro frequentazione si dirada col tempo per la distanza dei rispettivi luoghi di lavoro e residenza, ma si mantiene solida. Nell’estate 2015 Lupo si reca nella zona di Luna per un dibattito pubblico, lei lo va a trovare alla fine dell’incontro. Nel mese di agosto, mentre Luna è col fidanzato, Lupo si gode l’arte dei luoghi. Un giorno incontra Stella, una filologa anglonormanna che ama viaggiare nello spazio e nel tempo. La dimensione del loro incontro è magica, irripetibile, come quelle che soltanto la casualità del destino può regalare. Trascorrono tre giorni meravigliosi. Lupo trova in Stella l’unicità dell’amore. Stella riparte per il nord, resteranno in contatto a distanza come amici. In quell’estate accade un fatto strano: qualcuno fa trovare a Luna le prove telematiche dei tradimenti del suo fidanzato, sicchè lei lo lascia. A fine gennaio 2016 Luna e Lupo si telefonano e concordano di rivedersi l’estate seguente, anche perché Lupo sta scrivendo un libro sulle donne protagoniste nelle rispettive professioni. Sono contenti naturalmente di trascorrere tempo assieme ma mentre per Lupo si tratta solo di amicizia, per Luna è scattato qualcosa di più. Lo vuole tutto per sé, gli propone un libro a quattro mani, gli dice che quella sua villa è troppo vuota per una persona sola, a fine estate vorrebbe che Lupo non tornasse nella sua abitazione; quando lui parte, lei lo aspetta l’estate seguente. Ci sono segreti e bugie nel lavoro di Luna, che ha rapporti con la politica ad alto livello e con un agente dei servizi segreti, per ordini superiori ha usato Lupo in passato e non gli ha mai detto i nomi dei suoi referenti, ma il suo cuore è sincero: Luna ama Lupo. Il problema è che Lupo non è innamorato di lei, in quei mesi lui non sa ancora di chi.

Durante un viaggio verso la Sicilia per un weekend assieme, vedendo un’immagine artistica, Lupo ripensa a Stella e palpita. Anche se ormai si trova in hotel a pochi passi da Luna, sente il desiderio di scrivere a Stella. Quando Luna arriva, pochi minuti dopo, lo saluta con un “wonderful” sarcastico. Lupo non ci fa troppo caso sul momento, anche se Luna non ha mai parlato in inglese in vita sua. Il weekend procede serenamente. Al rientro Lupo e Luna continuano a frequentarsi, festeggiano anche il compleanno di lui ma il cuore di Lupo, quando si accorge di una dedica artistica che ha creato Stella per lui, torna felice come mai. Lo dimostra soltanto con un banale like. Luna, che non ha un profilo social, telefona a Lupo prima della consueta uscita a cena e gli dice che è contrariata e resta a casa. Lupo capisce il motivo e dentro di sé pensa: “meglio così, Luna ha capito che amo Stella”. L’indomani Lupo riparte e non scrive più una riga sulla guerra di Luna, decide di avventurarsi nelle sceneggiature, nei film autoprodotti e nei romanzi. E’ il 2018. Luna e Lupo si sentono ancora al telefono, lei è pressante, lui le fa capire che sono soltanto amici, anche perché ormai non ha più dubbi: sogna soltanto Stella.

Sa che il sistema politico che lo ha elogiato per molti anni, anche dopo le inchieste e il libro sulla corruzione (digeriti perché evidentemente il sistema politico considera Luna e Lupo pedine da usare nella guerra contro i loro nemici), sarà di ostacolo al suo lavoro creativo. Politicanti, sotto varie spoglie, lo raggirano anche economicamente, ma non perde la pazienza, è felice, scrive davanti ai gabbiani perché pensa a Stella. Sapendo di essere intercettato illegalmente da molti anni (dall’inizio dell’inchiesta di Luna, e da ambedue le parti in guerra) nell’ aprile 2018 decide di scrivere una lettera cartacea a Stella per chiederle di rivedersi. Sono trascorsi tre anni, ma sembrano ieri, un minuto prima. Il suo cuore batte ancora per quel lungo appassionato bacio di arrivederci. Stella risponde gioiosa a fine aprile, desidera incontrare di nuovo Lupo, ma una montagna di problemi frana improvvisamente su di loro. Per prima cosa una politicante frequentata superficialmente da Lupo a suo tempo (una mostra e una cena cui Lupo va con un amico e sua moglie nel 2014), l’allora sindaca Meteorite, a inizio maggio si reca lassù da Stella per infangare Lupo, con vecchi screenshot salvati e pure con falsi profili social insieme ad altri politici che odiano Lupo per il vecchio libro di successo sulla corruzione. Contemporaneamente, in quei giorni, Lupo viene provocato da politicanti noti e ignoti, diventa nervoso e iperattivo, ad un certo punto risponde pubblicamente, come aveva fatto in occasione di minacce e truffe subite in passato, in modo sbagliato. Stella, delusa anche dal fatto che Lupo si dedica alle battaglie contro la cricca politica e non pensa di andare a trovarla subito in Inghilterra, gli dice addio. Meteorite può aver commesso una diffamazione finalizzata a distruggere un rapporto soltanto per vendetta personale perché dispiaciuta per la lontana fine di superficiali contatti con Lupo? E’ più probabile che Meteorite fosse in accordo con i suoi colleghi politici e forse anche con Luna: infatti dimostrava di sapere cose private di Lupo e di controllare il profilo social di Stella; dopo l’ addio di Stella a Lupo Meteorite festeggiava pubblicamente. Missione compiuta? Il sistema politico esprime chiaramente la volontà che Luna diventi la fidanzata di Lupo, ma lui resta libero. Con Stella a causa della cricca è finita per sempre, non resta neppure l’amicizia. Luna e Lupo invece tornano a sentirsi telefonicamente nel 2020 perché il rapporto si è sempre mantenuto cordiale e Lupo ancora non immagina che una valente magistrata abbia tenuto dei comportamenti scorretti. Lupo continua a pensare che le scorrettezze siano soltanto del sistema politico: ad esempio l’ambientalista Mercurio, poi rivelatosi uno squallido politicante, chiedeva spesso a Lupo “come va tra te e Luna?”; l’anziano magistrato Tetris, sodale di Luna, si è presentato all’inizio del 2020 per chiedere a Lupo cosa analoga ricordando le “altissime qualità” di Luna.

Ad un certo punto però, a giugno 2020, Lupo capisce che anche Luna si comporta male: quando lei, scrivendo un messaggio, dimostra di sapere esattamente cosa Lupo sta facendo: gli invia una canzone dedicata. Lupo mette in fila i puntini e ricorda di quando Luna gli aveva parlato del suo amico dei servizi segreti, rammenta anche altre stranezze come la telefonata di Luna a fine 2017, nella fase in cui Lupo, ripartito per la sua casa, sognava di rivedere Stella: Luna, dopo aver riferito dolci promesse come l’albero di melograno presso la sua villa, gli disse che casualmente aveva incontrato un importante editore per scrivere un libro insieme. Il termine “casualmente”, per una magistrata che si rapporta a capi politici e alle massime cariche istituzionali (andava in aereo con il “capotavola” della politica D’Alema), stonava. Lupo riflette con un avvocato che per questioni di lavoro conosce sia lui che Luna e con un’amica portavoce di un ministro a conoscenza dell’importante amicizia: non ha la prova (e come potrebbe averla?) di uno spionaggio illegale di Luna e della sua partecipazione ad azioni diffamatorie ma la sensazione è quella. A luglio 2020 Luna scrive su whatsapp un “Siiii” all’ipotesi di rivedersi in estate, Lupo peró si accorge di nuovi fastidi, cioè di diffamazioni che raggiungono persone a lui vicine, stavolta senza Meteorite e sempre senza le impronte digitali di Luna (dopotutto la cricca ha sempre un cugino sindacalista, un carabiniere in pensione, un cognato maestro di teatro, un amico dipendente comunale…). Lupo ripensa alle stranezze del wonderful e dell’arrabbiatura di Luna dopo i messaggi privati con Stella. Ripensa alla sparizione improvvisa di Stella durante il viaggio di Meteorite nel suo Paese. E dice chiaro e tondo a Luna, senza accusarla perchè non ha le prove, di tutte queste stranezze. Lo fa in un vocale a luglio 2020, appena pochi giorni dopo il “Siiii” di Luna all’ipotesi di vacanza insieme, ma Luna tace. Non risponde. A Lupo non interessa rovinare la reputazione di alcuno, vorrebbe vivere la vita in pace e basta. Senza politici che provano a usarlo ai loro scopi, e questo l’ha già ottenuto, e senza persone che, per volere di cricca politica o infatuazione morbosa, interferiscono nei suoi rapporti sociali. Parlando con due amici magistrati, che naturalmente non sanno nulla nel merito, riceve la sensazione che: “Sì la politica fa cosi. A me hanno fatto il vuoto intorno dopo le indagini sul governatore e sulla cricca politica. Fortuna che ho un posto fisso e un marito che non crede alla loro fogna (diffamazioni senza prove nda) “.Questo racconto non sarà neppure letto da Stella, farà capire a Luna e ai suoi di voltare pagina e di lasciar vivere liberamente Lupo?

Sorelle e fratelli

Lascia un commento

Fra pochi giorni presenteremo il libro sul calcio femminile ‘Sorelle d’Italia’, una giusta parentesi che poi lascerà spazio al romanzo ‘Corpo’, molto richiesto per le presentazioni nelle librerie, al sogno del film sulla vita di Lou Salomé e ai nuovi scritti che fluiranno nel prossimo venturo.

“Liberté, egalité, fraternité” (principi della Rivoluzione francese)

“Tutti gli uomini sono stati creati uguali, che essi sono dotati dal loro Creatore di alcuni Diritti inalienabili, che fra questi sono la Vita, la Libertà e la ricerca delle Felicità” (Costituzione degli Stati Uniti d’America)

“Il Papa sente che per rappresentare tutto gli uomini deve cancellare se stesso e allora rinuncia” (Nanni Moretti, Habemus Papam)

Corpo, le opinioni dei lettori e le recensioni dei giornali

Lascia un commento

Il 5 luglio si è svolta a ‘l Circolo di Sovigliana, frazione di Vinci, paese del grande Leonardo, la prima presentazione di Corpo. Ecco alcune immagini

  1. Recensioni su Amazon

Ho appena finito di leggere Corpo. L’ho trovato appassionante come trama ed interessante nei contenuti. Da archeologo non ho potuto fare a meno di apprezzare la narrazione della storia della cava, mi è piaciuto il riferimento al legame con il mito, cosa vera e confermata in quanto alla divinità si legava non solo il tempio ma anche tutti coloro che vi lavoravano e le cave per estrarre il materiale per la loro realizzazione. Devo dire che la soluzione mitologica per legare il territorio del C. del Frate ed Apanestum l’ho trovata geniale. Complimenti.
Mi ha colpito il modo in cui si sviluppa la storia nella quale gli iniziali momenti o personaggi apparentemente slegati tra loro si ritrovano pagina dopo pagina attraverso metafore evocative e piccoli dettagli, diventando pezzi di un puzzle strabiliante, un mosaico ricco di sorprese.
L’unica cosa che per me stona è l’impaginazione. Non ci sono i numeri delle pagine, i capitoli iniziano in posizioni diverse e non c’è l’indice. Forse, però, questi difetti sono il frutto della mia abitudine a consultare testi accademici.
Comunque, a parte queste mie fisime, devo fare i miei complimenti davvero per l’ottimo lavoro e consiglio a tutti la lettura di questo romanzo.
Cordiali saluti e buona Pasqua

(Francesco Adamo)

——-

In questo momento “buio” e molto difficile che tutti noi stiamo vivendo ho avuto la possibilità di svagare con i pensieri ed immedesimarmi nel mondo del romanzo “Corpo”: è stata una lettura molto coinvolgente in una trama che regala molti spunti e temi sempre d’attualità, dove non mancano le sorprese ed i colpi di scena. Ovviamente mi aspetto il sequel e ,come ha scritto il suo autore Stefano Santachiara in un passo del suo romanzo per tramite di Monika…. “santa polenta !!”….. ci conto !!

(Cliente Kindle, acquisto verificato)

———

Ottimo libro carico di suspence. Consigliato.

(Gabriele)

——-

Sono soddisfatto dalla scelta di un thriller come Corpo. Non voglio svelare niente dell’avventura perchè vi rovinerei il piacere di un viaggio molto coinvolgente che ti fa immaginare e poi ti sorprende lasciandoti in bilico fino alla fine. Vorrei però segnalare una tematica che l’autore sviscera molto bene, quello del sistema clientelare che infesta l’università italiana. Ricatti sessuali, ghettizzazione delle studentesse che rifiutano le avances, favori a protetti del barone politicizzato di turno. Le protagoniste del racconto, ragazze davvero in gamba, denunciano il marciume di “vassalli, valvassini e valvassori”.

(Cliente Amazon, acquisto verificato)

———-

Si fa leggere tutto d’un fiato tenendoti sempre attaccato alla storia. Semplicemente avvincente.

(Alessandro Pistolesi)

———

Fin dalle prime pagine Corpo si dimostra un romanzo avvincente e misterioso. Affronta in modo non banale tematiche molto attuali e controverse. In particolare ho apprezzato molto la caratterizzazione della protagonista Monika che rappresenta in modo efficace l’autodeterminazione femminile, il cosiddetto girl Power. Come sfondo alle avventure della ragazza troviamo paesaggi Incantevoli che le parole dell’autore rendono vividi nell’immaginazione del lettore. Il libro si legge tutto d’un fiato e tiene incollati fino alle ultime righe. Complimenti!

(Alice Catellani)

———

Ho appena terminato di leggere “Corpo” e posso dire che è un romanzo che ti prende sin dalle prime pagine e non puoi fare a meno di finirlo per sapere cosa succede.
È un romanzo ricco di potenza femminile, le ragazze della storia sono in gamba e riescono a fronteggiare il problema del patriarcato. Per non parlare dei bellissimi sfondi che incorniciano quest’avventura, si conoscono le bellezze di diversi paesini nascosti, ulteriormente arricchiti da costanti riferimenti alla mitologia. Consiglio a tutti di leggerlo perché è un thriller davvero appassionante.

(Sarah Di Luccio)

———-

Bello! Bello! Bello. Mi è piaciuto molto.
Bella la trama ricca di suspense nonchè di poesia nel descrivere emozioni e paesaggi.
Bello il personaggio di Monika. Dotta, coraggiosa e sincera. Insomma “una vera perla nell’oceano”.
Lo consiglio.

(Lara Turra)

———-

Ci sono libri che finito un capitolo ti fanno venir voglia di iniziare immediatamente quello successivo x vedere come prosegue la storia…
Questo libro è uno di quelli!!
Molto belli gli intrecci tra i due protagonisti attraverso i “classici” del passato, che oltre a denotare una notevole cultura da parte dello scrittore, rendono la storia tra i due particolarmente intrigante, aggrovigliata, ma piacevolmente scorrevole su diversi piani (reale, animico…)
Bello anche l’intreccio “passato” finale! ( di cui non posso dire di più, naturalmente, x evitare spoiler… 🙂 )
Un romanzo fatto di attrazione..Tra i protagonisti, tra la storia ed il lettore, tra la realtà e la cultura…..
Bello!

(Dario)

In Foto l’ultima recensione apparsa su Il QUOTIDIANO

QuotidianodelSud

Lou Salomè, l’audio-video della scena I

Lascia un commento

Una vita ricca di incontri e scoperte, viaggi nei principali centri culturali e nella più profonda interiorità. Lou Salomè (1861-1937) attraversa due secoli sublimando ragione e istinto,filosofia e arte, narrazione e psicoanalisi. Spirito libero e acuta studiosa, respira affinità cerebrali peculiari e rapporti ardentemente delicati, laddove il senso di sorellanza non refrena le passioni tormentose degli innamorati, ricambiate solo in rari casi, come quello del poeta Rainer Maria Rilke, di 15 anni più giovane. Una selettività naturale che non le sottrae la preziosa amicizia di intellettuali e avventuriere impegnate nella lotta per i diritti delle donne, da Malwida von Meysenbug a Frieda von Bulow, e l’invisibile filo che la lega alla madre Louise Wilm. Il percorso esistenziale di Salomé si intreccia a quello dei massimi pensatori di fine Ottocento e inizio Novecento, dimensioni illuminate dal genio e dalla meraviglia in un vortice di emozioni e di crescita che spicca il volo a Roma con l’amor fati di Friedrich Nietzsche e si libra gioiosamente nel cuore del vecchio continente. Al culmine di traiettorie ardite soggiunge alla scienza di Sigmund Freud, spingendo sempre oltre l’iridescente curiosità.

Due anni fa scrissi un libro biografico, una commedia sulla vita di Lou Salomè, il nostro progetto di realizzare il film ora si arricchisce: grazie alla collaborazione degli attori Paolo Massaria e Claudia Blandino, e al montaggio di Francesco Guida, abbiamo realizzato l’audio-video della scena I. L’iniziativa è sostenuta pubblicamente da Sabina Guzzanti, candidata al ruolo di Lou Salomè. Se son rose, fioriranno…

Studio di Sigmund Freud, novembre 1912.

Qui trovate il romanzo biografico in forma di commedia:

Corpo, ben accolti il trailer e il romanzo

Lascia un commento

Il trailer di Corpo confezionato dal grande co-regista Francesco Guida! A spettatori e televisioni interessate a trasmettere il film ricordiamo che bisognerà attendere alcuni mesi poiché il lungometraggio è iscritto a festival del cinema, che potrebbero saltare vista l’emergenza Covid, ed è stato selezionato all’università del Connecticut dalla prof. di Cinema e Letteratura italiana Monica Martinelli come spunto educativo per le tematiche trattate che sussumono nei gender studies.

Nel trailer scorrono le immagini di alcuni degli interpreti: giovani talenti della compagnia teatrale Fatamorgana di Sandra Moretti, Miriam Treglia e Agnese Negrelli, l’attore di cinema Lucio Russo, il regista stesso, gli attori di teatro Luigi Pascale, Gerardo Bove, Paolo Agresta, nuove promesse come Anna Aversano e Luigi Tramutola, ma non dimentichiamo chi non compare, ossia i bravi Deborah Guercio e Stefano Stradi, le gag divertenti di Costabile Scarano, già in Benvenuti al sud, e naturalmente il compositore di tutte  le musiche del film, Antonio Sessa della Snapbeat.

Ne approfitto per ringraziare i tanti che ci hanno inviato pareri sul trailer e sul romanzo, ricchi di spunti e di indicazioni utili, anche per la preparazione di un sequel. Sui social alcuni lettori hanno pubblicato con post fotografici la copia di Corpo appena ricevuta dal corriere di Amazon, oppure una parte dell’ebook che li ha particolarmente colpiti. Prossimamente farò una raccolta delle migliori opinioni a cui dedicherò sul blog uno spazio personalizzato!

Naturalmente le sequenze del trailer suscitano curiosità senza lasciar trasparire la trama, sono volutamente disordinate, rapidissime e ritmate affinché tutti possano beneficiare pienamente dell’avventura e dei rapporti fra i personaggi. Anche il romanzo non è etichettabile in un genere definito, secondo il magazine Tempo si tratta di una storia psicologica e thriller, un inno alla libertà che vi farà inerpicare “nei meandri mitologici di Paestum e nei misteri di centri medievali, lungo i sentieri di luce fra la verde montagna e l’iridescenza marina, laddove le relazioni umane disvelano l’interiore profondità, fra l’incanto e gli abissi”.

 

Miriamok

Vi lascio un piccolo frammento

… La macchina procedeva piano come la musica classica della cassetta nell’autoradio. Tutti e due l’ascoltavano immersi nei pensieri più disparati. La strada, salendo, compiva il periplo del rilievo più alto. <<Quello è il Castello del Frate>> spiegò Charles senza approfondire la genesi toponomastica del borgo. <<Tra il castello e il campanile c’è la mia casa>>. Era il suo buen retiro, quivi aveva scelto di trasferirsi anni addietro ma non si era mai appassionato alla disputa storica e religiosa che divide le grazie d’altura da quelle marine. Di lassù, ormai prossimi alla villa, scendendo con gli occhi potevano ammirare un <<colle interamente verde>>, prima base greca via via miracolosamente scampata alle devastazioni di guerra e ora alla cementificazione del Belpaese; il porto e le pinete, i faraglioni e le grotte marine oltre le quali aleggia il mito di una sirena dell’Odissea. Mentre l’uomo era intento a sistemare l’auto nel parcheggio Monika ruotò verso il mare, espanse il sorriso come una farfalla sugli alberi in fiore che si stagliavano sul panorama. L’impulso era di correre sull’orlo del burrone per tuffare lo sguardo nell’infinito, ma si contentò di stendere il collo lungo e affusolato per alzarsi sulle punte. Come per magia, dominava l’uomo in altezza. <<La casa è nel parcheggio?>> disse ilare. Al suo cospetto, Charles rimase senza respiro. Il viso di Monika, candido e fiero, combaciava con il sole calante sulla linea del blu.

 

 

 

 

Corpo, il romanzo ispirato al film

4 commenti

Care lettrici e cari lettori, è giunto il momento di donarvi l’inizio del romanzo Corpo. Soltanto un attimo  di pazienza per spiegarvi che la fonte di ispirazione è stato il film girato la scorsa estate. I ringraziamenti nei titoli di coda del lungometraggio sono davvero tantissimi, per cui rinvio al precedente post con frammenti del set https://stefanosantachiara2.wordpress.com/2020/01/31/corpo-il-nostro-film-sara-proiettato-nelluniversita-del-connecticut/ .
Per quanto riguarda il libro una menzione speciale merita Costantino Vassallo, architetto e scrittore con la passione per il cinema, autore dell’interessante saggio Drive e le strutture distopiche. E’ stato Vassallo a suggerirmi l’idea, al termine della riprese di Corpo, di creare il romanzo. Forse perché, sfogliandolo, vi inerpicherete nei meandri mitologici del Parco Archeologico Paestum e nei misteri di centri medievali, lungo i sentieri di luce fra la verde montagna e l’iridescenza marina, laddove le relazioni umane disvelano l’interiore profondità, fra l’incanto e gli abissi. O forse perché i dettagli realistici della narrazione traggono linfa da luoghi, sguardi e punti di osservazione, ma anche dagli stati d’animo e dagli interscambi fioriti in modo spontaneo durante i ciak tra attori di teatro e tecnici del nord e del sud. Segnalo in particolare i giovani talenti campani Francesco Guida, co-regista, responsabile del montaggio, già vincitore del festival internazionale di Salerno vent’anni orsono; l’assistente tecnico Enrico Nicoletta e il compositore delle musiche Antonio Sessa. Gli attori e tutti gli altri componenti del cast e della troupe li conosceremo via via che andremo svelando anticipazioni della storia, rigorosamente piccole e iniziali. Non solo perché contrari allo spoiler in genere, ma per il fatto che il film Corpo non sarà visibile al pubblico ancora per molti mesi: parteciperà ai festival del cinema, che richiedono l’inedito, e sarà proiettato all’università del Connecticut nell’ambito delle lezioni di Monica Martinelli, insegnante di Italiano, Letteratura e Storia del Cinema.

Anche il romanzo è autoprodotto e indipendente, si trova solo su Amazon che non apprezzo per lo sfruttamento nei confronti dei lavoratori ma non avevo alternativa: nessuna casa editrice ha scommesso su Corpo malgrado il successo del mio saggio d’esordio http://www.chiarelettere.it/libro/principio-attivo/i-panni-sporchi-della-sinistra-9788861904279.php

Pazienza, so che facendo questa ammissione perderò l’interesse di chi sceglie in base all’importanza dell’editore mentre alcuni lettori affezionati ai libri d’inchiesta (grazie sempre a Chiarelettere, che sfortunatamente non si occupa di narrativa) non seguiranno questo cambiamento di genere. Non c’è problema, Corpo, sia il film che il romanzo, sono una nuova avventura!

 

 

Scheda dei primi due personaggi che incontrerete:

Miriam Treglia, giovane attrice di teatro presso la compagnia Fata Morgana di Mirandola di Sandra Moretti

Lucio Russo, fotografo professionista presso Miraggiodilux, ha interpretato piccoli ruoli in Coliandro 6  e Gomorra 4, ha recitato la parte dello spacciatore ne Il Caso Pantani, da maggio al cinema, e sarà nella fiction di Rai2 L’alligatore. 

 

corpoinizio2

corpocamminata

 

 

CORPO

 

 

 

 

I.

 

 

 

Camminava in un meriggio di primavera nel mezzo di una selva oscura, con lo sguardo rivolto all’insù. I raggi solari giocavano a nascondino tra le crine di querce millenarie creando un nobile intarsio sul cielo, a tratti le rischiaravano i capelli color nocciola. Il suo anello a forma di girasole splendeva sul dito mignolo, la luminosità pungente l’induceva a sbattere gli occhi azzurri e a formare sulla bocca un sorriso singolare, sapido e sfrontato.
Camminava sul sentiero parallelo all’unica strada asfaltata che taglia la macchia verde e intanto s’inebriava, la brezza spirava dal golfo mescolandosi agli odori degli aghi di pino e delle resine. Avanzava sicura, sostenuta da piedi piatti stretti nelle scarpe nere da ginnastica e da gambe lunghe e toniche come fusti di piante. Indugiò solamente su un albero che si distingueva per robustezza e altitudine: radicato sul terreno ricco di minerali, profondo e ben drenato, si adattava al gelo e all’estate più calda, alle tempeste e alla siccità. I rami in fiore erano puntati verso l’empireo, eternamente gioiosi. La sua fervida fantasia faceva sì che le mani di quel portento più antico della Magna Grecia pian piano iniziassero a muoversi al modo di Pinocchio ma, a differenza del burattino di Geppetto, esse beneficiassero della facoltà di animali magici: uccelli policromi con le branchie. E così le dita lignee levitavano leggiadre, si libravano con le traiettorie ardite di un albatros, roteavano sul crinale dipingendo orbite ellittiche, fendevano l’atmosfera rarefatta della cima sfiorando le divine nubi, e poi planavano giù fra le cascate e i ruscelli accelerando come le rapide del fiume. Nel mare si divertivano a rasentare l’acqua come il vento che l’increspa prima della burrasca e, alfine, svanivano nel blu infinito senza lasciare traccia.
Così si sentiva Monika, una ragazza di ventuno anni cresciuta in fretta, sgusciata da un passato che le aveva impedito di spiccare il volo. Nella nuova vita, spinta da una sconfinata sete di conoscenza, si era elevata come un albero animato, durante il rigoglioso sviluppo aveva potato i rami secchi dell’ordinario per assaporare i bagliori cangianti del particolare, anche il più apparentemente insignificante. Da allora camminava pure su fondamenta ispide e scivolose. Il piglio determinato e la postura, ritta e imperiosa, indicavano un’ambizione visionaria, tuttavia immune da superbia e cupidigia, dacché era stata capace di rimuovere i sentimenti negativi per custodire gelosamente il côté più esclusivo: la purezza del suo universo interiore.

corposorriso

Camminava anche quel giorno al ritmo dell’auricolare mentre calpestava per diletto le foglie sul sentiero, quasi a segnare un punto in un moderno videogame importato dall’America. Lo zaino bordeaux, un ricordo di Parigi, le ciondolava sul dorso come se una delicata percussione carezzasse la melodia di Le chic et le charme di Paolo Conte. Monika sceglieva le musiche non in base all’umore ma allo stato d’animo verso il quale sentiva di tendere, erano il preludio e così amava gustare ogni nota, ogni strofa, ogni silenzio. Ugualmente si acconciava la mattina. Se la salopette di jeans, che lasciava scoperte le bianche spalle e metà coscia era funzionale alla scarpinata, la lunghissima e rigorosa treccia sembrava un simbolo epico. Non un archetipo matriarcale o qualche teoria che gli intellettuali potessero confinare in un bolso dibattito sul significato politico e psicologico del look, neppure un’esaltazione estetica delle forme giunoniche sulle quali si accomodava senza malizia. Viceversa, quel serpente che aveva per capelli suggeriva un rapporto di simbiosi con la natura. Ad esempio, nel corso della passeggiata la sua coda si allontanò dal corpo per ficcarsi in un cespuglio: Monika aveva lanciato un bastone nella boscaglia e la treccia, per effetto del movimento, si era avvinta con vigore ad un rametto spinoso. Non c’era verso di staccarla, sicché la ragazza si fece largo con premura nell’arbusto, abitato da tanti piccoli esseri che svolazzavano fra le foglioline ovali. Avvertì un profumo intenso, seguendone la scia scoprì una pianta di rosa nascosta in mezzo ai rovi. V’era un unico bocciolo, in procinto di schiudersi. Invisibile agli animali, quel fiore si presentava di un rosa sì vivo da commuovere.
<<Amazement>> sospirò ammaliata nella lingua che per prima aveva imparato in Unione sovietica, studiando clandestinamente testi occidentali. Le capitava non di rado che qualcuno o qualcosa, d’incanto, la riportasse all’essenza. Il momento era sublime quanto sfuggente, benché non fosse in grado di decodificarne il senso, l’accoglieva con letizia ascendente. Proprio come un’artista con la sua opera, arrivava a immedesimarsi nell’oggetto, in un attimo la cui relatività temporale soggiace alle leggi della creatività. Ora Monika sarebbe stata quella rosa per tutte le volte che avrebbe desiderato in futuro, un turgido bocciolo che è sempre sul punto di svelarsi, adornato di minuscole gocce di rugiada, vezzeggiato da buffe coccinelle, baciato da frizzanti api, corazzato di spine necessarie, forse utili a tener distanti gli spiriti maligni, forse letali per cuori vulnerabili. Monika chiuse gli occhi e si tuffò con la totalità del viso nella fragranza, abbandonandosi fra i morbidi petali con estrema delicatezza, come calzasse una seconda pelle di raso rosa. L’armonia indicibile le stava procurando piacere cerebrale, purtroppo venne infranta dal rombo di una vettura in lontananza. La ragazza si ridestò: <<E’ l’occasione propizia per tornare all’ostello prima del crepuscolo>>. Lesta, si riversò sul ciglio della strada ed esibì il pollice. L’auto, una jeep nera di fabbricazione giapponese, accostò.
Il conducente era un signore bruno con la capigliatura folta e una barba bislunga che lo faceva somigliare a Rasputin, il mistico consigliere degli zar Romanov, e mal si conciliava con la giacca e la cravatta. A suggellare lo stile pittoresco contribuivano un paio di mocassini marron, un vistoso orologio e una grossa catena al collo di oro finto. Ad ogni buon conto quell’uomo aveva un’aria familiare, le ricordava uno zio delle steppe siberiane, una persona rude e goffa che si spingeva in città soltanto a Natale portando un sacco di doni e di cibi genuini. Molto religioso senza dubbio, ma digiuno dei riti ortodossi che ammorbavano i fanciulli delle famiglie agiate come la sua, con la dacia, il vasto giardino e accanto una chiesa sfarzosa, il luogo più congruo per l’anima esigente che pasce con la parola del pastore. No, quell’uomo era intriso di una spiritualità anarchica, incolto e balordo finché si vuole ma ricco di generosità contadina, prodigo di consigli pratici per i più giovani. <<Grazie>> esordì briosa Monika sedendosi. Lo <<zio>> aggrottò le folte sopracciglia, i suoi occhi erano privi della bonomia agreste e non cessavano di squadrarla da capo a piedi. Dell’idea che si era fatta permaneva in lui solo un primordiale istinto di lotta per la sussistenza, che trasfigurava la giovane in mercanzia o, piuttosto, in mucca nella stalla. Quando Monika fu costretta ad avanzare leggermente per sistemare lo zaino sul sedile posteriore, l’uomo pose viscidamente lo sguardo sul primo bottone slacciato del vestito. <<Dove scei diretta?>> chiese con un marcato accento bolognese che cancellò definitivamente l’immagine del vecchio zio. Monika sottolineava il distacco mantenendo le braccia conserte, rispose senza guardarlo e, in virtù di un lampo di diffidenza, senza riferirsi al giaciglio notturno: <<All’università>>.
<<Che brava. E cosa fate a quest’ora, un party?… Io sono Giacomo, ma tu puoi chiamarmi Jack>>.

corpomacchina

Malgrado il nome comune e la perfetta pronuncia di Monika, Giacomo sfoggiò una certa perspicacia: <<Allora Monny, che si dice al Nord? Perché non sembri italiana>>.
<<No>>.
L’uomo non si curava delle repliche monosillabiche, era convinto di poter aggirare con facilità le altrui resistenze e tradiva pure una venatura razzista: <<Comunque vieni dall’Est Europa, io non sbaglio mai su queste cose… E dai, durante il viaggio dovremo fare due chiacchiere. Sai, io sono molto conosciuto in paese… Sei appena arrivata?>>. Neanche il cenno di diniego lo persuase a moderare quella specie di interrogatorio: <<E che ci fai qui?>>. Monika era stufa di venire esaminata e oggettificata da un tale che non aveva alcun interesse nei confronti della sua persona.
Le riaffiorarono i tornei di scacchi in Unione sovietica. Adorava i giochi di strategia, anche se le sue grandi passioni erano il nuoto, l’equitazione e il tiro con l’arco, ma alcuni scacchisti erano insopportabili. Avrebbe preferito interagire con individui, se non proprio interessanti, almeno garbati. Quando andava bene si annoiava a morte, nella peggiore delle situazioni le sedevano dirimpetto anziani bavosi o volgari rampolli, cui avrebbe voluto stampare in fronte un alfiere in alabastro. In tal caso moltiplicava l’impegno per conquistare presto la vittoria, conscia di doversi sciroppare lagnose scempiaggini maschiliste, una serie di giustificazioni patetiche che l’uomo forniva dopo essere stato sconfitto da una ragazza, tediose quanto i comizi di partito e le parate militari. Stavolta però Monny non poteva darsela a gambe. Era imprigionata nell’auto di quello <<zio>> per un viaggio che non sarebbe terminato prima di un’ora. Decise dunque di trasmettere l’irritazione scandendo: <<Stu-dio all’uni-ver-si-tà>>.
Arrocco inutile. <<Cosa di bello?>>.
<<Lingue e Letterature straniere>>.
Cominciava ad allarmarsi. Giacomo infatti alternava espressioni banali da corteggiatore petulante a occhiate oblique tipiche di un delinquente. Aveva come l’impressione che nella tasca della giacca color beige, da un momento all’altro, potesse estrarre un coltello. Mentre lei si annebbiava in quei grigi pensieri, l’uomo, grattandosi la barba, domandò: <<Chi ti mantiene?>>.
<<Nessuno>> rispose con raccapriccio.
<<Eh, ne ho viste tante di giovani come te>> continuò lui, nient’affatto scoraggiato. Anzi pareva stimolato, come se non stesse aspettando che una ragazza bella e indipendente per sfogare le proprie frustrazioni. O peggio.
<<C’è chi vuole diventare interprete, chi sogna il cinema… Ma dove finiscono? Le vedi in fila dal regista per un provino e per un invito a cena, disposte a tutto… E poi te le ritrovi a fare le sguattere>>.
Sì, il capro espiatorio femminile non rappresentava una gran novità. Se non sono mogli e madri, alle donne si addicono i ruoli di meretrice e di addetta alle pulizie. Monika batteva il piede per il nervoso: <<Chi non ha bisogno di qualcosa?>>.
<<Io mi sono organizzato bene, e non dipendo da nessuno. Gli affari sono il mio pane, ne fiuto uno anche a mille miglia>>.
<<E ne trova di tarfufi?>>.
Sorpreso dall’ironia della passeggera, Giacomo si fece più scuro. <<Sei simpatica, ma il mondo non va avanti a battute>>.
<<Solo col denaro giusto?>>.
<<Se hai problemi economici non preoccuparti. A tutto c’è una soluzione… Qualora avessi bisogno di assistenza… >> seguitò mettendo la mano all’interno della giacca. Non ne uscì un’arma ma un biglietto da visita di agente finanziario.

Piovani, da bomber a mister del Sassuolo femminile: “Le atlete ti danno più soddisfazioni”

1 commento

piovanicoach

L’aurora del 2020 per il calcio femminile, in Emilia-Romagna, è rappresentata dai gol e dallo spettacolo che baciano il cuore di Sassuolo. O di Sasol, espressione dialettale che comprime il toponimo del terzo comune della provincia di Modena per numero di abitanti. Questa città, oggi divisa fra la gloriosa ceramica e le scintille del calcio, pare l’anello di congiunzione fra arte manuale e fantasia, passato e futuro, così come il nome conserva una doppia origine: i termini latini saxum e solum rimandano al territorio roccioso, su cui probabilmente sorgevano i primi villaggi, e al petrolio, molto presente nel sottosuolo. Sia come sia, la ricchezza calcistica di Sassuolo attualmente sgorga da un altro binomio, quello che unisce, sotto il marchio dell’industria chimica Mapei, la squadra di Roberto De Zerbi e la formazione femminile.
Le ragazze allenate da Gianpiero Piovani giocano nello stadio Enzo Ricci, costruito nel 1929 in piazza Risorgimento, in pieno centro storico. Non tragga in inganno l’età dell’impianto, intitolato al dottor Ricci, schermidore reggiano e medico sociale del Sassuolo. Lo stadio, più volte rimodernato dal Comune che ne è proprietario, accoglie fino a quattromila spettatori. La squadra maschile lo ha utilizzato prima di trasferirsi nell’avveniristico Mapei stadium di Reggio Emilia e, per gli allenamenti, fino alla sfida di saluto nel maggio 2019, quando si sono affrontate due undici misti, composti da calciatrici e calciatori del Sassuolo. L’ amichevole del Sasol si è conclusa in parità nei tempi regolamentari, con reti di Michela Cambiaghi per i verdi ed Elisabetta Oliviero per gli arancioni, poi vincenti ai calci di rigore. Lo stadium era stato teatro di un importante evento sportivo tre anni prima: la finale di Women’s Champions League vinta dall’Olympique Lione contro il Wolfsburg.

contrasto

La prima parte del campionato per il Sassuolo femminile è positiva, si va confermando il quinto posto della prima stagione. L’esordio casalingo del 2020 contro l’Hellas Verona si conclude 4-1 in forza di un gioco frizzante ed efficace, con tripletta di Claudia Ferrato e autogol provocato da un cross forte e teso di Martina Lenzini. Anche la portiere belga Diede Lemey risulta decisiva per alcuni interventi nei momenti di forcing delle scaligere. Passeggiando al termine dell’incontro, Piovani non si sofferma sulla mossa vincente di inserire Ferrato dopo neanche mezz’ora di gioco: “Prima della gara mi premeva di dire che le giocatrici più importanti sono quelle che vengono dalla panchina, già la scorsa partita Claudia era entrata confezionando l’assist del gol e procurando un rigore. Le ragazze sono tutte importanti: Diede è stata molto brava ma anche Nicole Lauria (la numero 12, classe ’99, nda) lavora bene, abbiamo un ottimo preparatore, Raffaele Nuzzo, a me piace che i portieri sappiano giocare coi piedi e loro si applicano molto bene, con voglia e determinazione”. Obbiettivo la permanenza nella massima serie, con la consapevolezza di poter confermare il quinto posto della prima stagione e di continuare a crescere. Il mister sottolinea: “Sempre con la massima umiltà”. Assieme alla caparbietà e alla visione di gioco, è uno dei tratti distintivi dell’ex bomber del Piacenza maschile di Gigi Cagni.
Ci ha sempre creduto, Gianpiero Piovani, fin da bambino, quando sgambettava nel campetto dell’oratorio di Orzinuovi, antica cittadina della provincia bresciana. “Sin da allora mi muoveva la passione: mamma Dina veniva a chiamarmi alle otto di sera in oratorio dicendomi che era pronto in tavola. Io dicevo “arrivo fra cinque minuti, poi continuavo a giocare a calcio fino alle dieci. Quando tornavo a casa, trovavo la tavola vuota e andavo a letto senza mangiare”. Gianpiero viene notato dagli emissari del Brescia, che lo inseriscono negli under. La prima partita in serie A reca la data del 14 settembre 1986. Al centro del rettangolo verde, a stringergli la mano, è il numero dieci del Napoli: Diego Armando Maradona. Il ricordo di Piovani è vivo più che mai: “Esordire a 17 anni in serie A con la maglia della mia città, Brescia, e contro Maradona che è stato uno dei migliori giocatori al mondo, è un’emozione indescrivibile. Credo che ci sia poco da dire. Ancora oggi mi viene la pelle d’oca”.
Nei quattro anni seguenti viene mandato a farsi le ossa, con la formula del prestito, nel Parma in serie B e nel Cagliari, con cui ottiene la promozione dalla C1 alla seconda serie e una Coppa Italia di C. Nel 1990 torna in Emilia Romagna nella città più lombarda: Piacenza, voluto da Luigi Cagni, allenatore bresciano che lo aveva tenuto d’occhio anche nelle stagioni dei prestiti. Il trainer lascia sei anni dopo, mentre Piovani dispiega quell’avventura lungo undici primavere costellate da gioie e imprese sportive: la promozione in A e le quattro salvezze consecutive, e ancora, dopo due retrocessioni, altrettante promozioni, con Piovani stabile punto di riferimento. A titolo statistico il Gianpiero nazionale, ché l’azzurro avrebbe meritato per quanto dimostrato sul campo, fa registrare il maggior numero di presenze nella storia del Piacenza, 341, e il podio dei goleador, come terzo miglior marcatore di sempre nel club: 57 reti, delle quali 15 realizzate nella stagione 1994-1995 in appoggio a Filippo Inzaghi. Ma la sua crucialità negli equilibri di gioco andava oltre: Piovani non era un attaccante puro, partiva defilato sulla destra e svariava su tutto il fronte, dialogava coi compagni alla ricerca di soluzioni geometriche, incisive e spettacolari.

piovanipiacenza

 

 

Il passare degli anni e dei successi non ne hanno scalfito la cifra del professionista serio e disponibile. Quando l’allenatore del Piacenza Walter Novellino lo ha messo da parte, Piovani è ripartito senza batter ciglio dalla serie C con il Livorno, contribuendo a riportarlo in B dopo un trentennio. Poi Lucchese e Lumezzane, le esperienze in serie D nel Chiari, nell’Ivrea e nell’associazione calcio Rodengo Saiano, vivendo con queste ultime due squadre la promozione in serie C1. Appende le scarpette al chiodo nel 2001, sempre in D, con la Nuova Verolese. Dal mondo dilettantistico comincia l’esperienza in panchina, che prosegue con tenacia anche dopo aver acquisito a Coverciano, dieci anni dopo, il titolo di tecnico di prima categoria Uefa pro, ossia il diritto ad allenare nella massima serie. Piovani si accorge che il suo posto è nei vivai, ama insegnare calcio e crescere, sognare assieme ai ragazzi, forse perché lui medesimo non ha perduto la purezza del fanciullo.
Dopo tre anni da allenatore della Feralpisalò, con le categorie allievi nazionali e berretti, nell’estate 2017 Piovani riceve una proposta dal Brescia femminile, impegnato a sostituire Milena Bertolini. Le leonesse sono reduci da un secondo posto dietro la Fiorentina e da una finale di Coppa Italia persa sempre con le viola. La società ridisegna la squadra per via della partenza delle nazionali Sara Gama, Martina Rosucci, Valentina Cernoia e Barbara Bonansea. Piovani spiega come avvenne il contatto con il calcio femminile: “Giocando la domenica con i ragazzi, il sabato mi capitava spesso di andare a vedere le partite delle ragazze del Brescia. Ero molto incuriosito da questo movimento che in quel periodo era ancora poco seguito. Mi notarono il direttore sportivo Cristian Peri e il presidente Cesari ad una partita, per l’esattezza Brescia-Fiorentina. Terminò 1-2 e diede lo scudetto alle Viola con due-tre giornate di anticipo. Organizzarono un incontro con me e da lì parti tutto… Accettai subito con grande entusiasmo pur sapendo che l’anno dopo più della metà della squadra sarebbe andata alla Juventus”.

piovanigirelli1

Il Brescia trattiene ancora per una stagione la bomber della nazionale Cristiana Girelli, i portieri Camelia Ceasar e Chiara Marchitelli, nonché Daniela Sabatino, attaccante che aiuta Piovani a comprendere in profondità il calcio femminile. Inoltre si aggiungono Manuela Giugliano e Brooke Hendrix, oggi centrocampista del Washington Spirit. Il gruppo, presto plasmato secondo le idee del nuovo coach, supera una ad una le avversarie vincendo la Supercoppa e salendo in vetta al campionato. La sconfitta contro la Juve nello spareggio di Novara, ai calci di rigore, nega loro lo scudetto. E’ soltanto la prima amarezza per le leonesse. La società non riesce a trovare le risorse sufficienti per iscriversi al campionato e deve ripartire dalla categoria Eccellenza. Quindi sfuma anche la partecipazione alla Women’s Champions League ottenuta sul campo. Per Piovani, che riceve la panchina d’oro di serie A, la delusione è grande, ma l’idea di mollare non lo sfiora. “Assolutamente non ho mai pensato di abbandonare il femminile. Avevo voglia di ripartire e la fortuna volle che il Sassuolo grazie a Terzi e all’amministratore delegato Carnevali mi fecero questa proposta… Anche qui, vedendo la serietà delle persone e del progetto che avevano in mente, non ci ho pensato un attimo e ho accettato”.
Il Sassuolo di Giorgio Squinzi, patron della Mapei che nel maschile sta ottenendo ottimi risultati, confida nel mister bresciano per raggiungere traguardi anche con la squadra femminile. Del resto Squinzi e la moglie Adriana Spazzoli, recentemente scomparsi, sono stati innovatori anche nello sport. Ne è testimone autorevole la presidente del Sassuolo Betty Vignotto, miglior marcatrice della storia della nazionale italiana con 107 gol, e ancora 467 reti in campionato, sei scudetti e quattro Coppe Italia. Ebbene, in mezzo secolo di calcio, di cui venti giocati, la campionessa originaria di San Donà di Piave ha vissuto, accanto a gratificazioni ed esperienze bellissime, anche molte difficoltà economiche e organizzative. Vignotto vinse tre titoli a Reggio Emilia, dove era giunta nel 1988, e otto anni dopo assunse la carica di presidente in sostituzione dell’industriale Renzo Zambelli. La dipartita di Zambelli ridusse in modo drastico gli investimenti e la Reggiana ripiombò nella crisi. Le granata rimasero aggrappate alla serie A per undici anni di filato e vinsero pure una Coppa Italia nel 2010, ma la stagione successiva non riuscirono a iscriversi al campionato, ripartendo dalla C. “Eppure ogni anno che passa aumentano i numeri delle iscrizioni” ricordava all’epoca Vignotto, amareggiata per le sue giovani: “‘E’ davvero triste veder crescere il movimento alla base ma non poter garantire alle ragazze più brave di vivere con i proventi di questo sport, facendo le professioniste. Altrimenti è difficile fare risultati quando agli allenamenti si sommano anche gli impegni di lavoro e/o di studio”.
Ciò finché Squinzi, seguendo il virtuoso esempio della Fiorentina, non decide di puntare sul calcio femminile creando la prima squadra di calciatrici nella capitale della piastrella. Nel 2015 il gruppo è composto da venti bambine under 12 che partecipano con entusiasmo al torneo provinciale dei Pulcini, affrontando i maschietti di pari categoria. Nel giro di un anno le due realtà della pianura padana convolano a giuste nozze: la Reggiana viene affiliata al club dell’industriale. Vignotto, come tutto il movimento del calcio femminile, è grata a Squinzi, poiché subentrando, il Sassuolo, fornisce un modello di integrazione, una condivisione di conoscenze e di risorse, una solida base da cui spiccare il volo in termini di logistica e di promozione. La società emiliana anzitutto sarà in grado di realizzare in località Cà Marta un centro sportivo di 45mila mq, comprensivo di tre edifici e sei campi, uno dei quali con tribuna coperta, dove si allenano prima squadra e settore giovanile, uomini e donne. Inoltre firmerà, al pari di Milan e Chievo, per un progetto in cui si impegnano ad insegnare il metodo futsal all’interno degli allenamenti di calcio a 11, basato sulla alta qualità tecnica che ha prodotto in Sudamerica. La commozione di Betty nel giorno della presentazione nasce dal sollievo economico ma anche dai valori, dalla “completezza di intenti con una realtà sportiva maschile che afferma la dignità delle ragazze che giocano a calcio e dà a loro opportunità di crescita sportiva e non solo”.

piovanisocietà

(da sinistra De Zerbi, Piovani, Adriana Spazzoli)

Quando Piovani si presenta alle neroverdi, che si sono appena salvate ai play-out con l’allenatrice uscente Federica D’Astolfo, trova uno spogliatoio rinnovato per effetto di diverse cessioni e di innesti qualitativi come Martina Lenzini, cursore di fascia capace di difendere e di proporsi in fase offensiva, in virtù della buona velocità e della precisione nei cross. E Claudia Ferrato, miglior realizzatrice a Padova con trenta reti in due stagioni, nazionale under 23, punta dinamica che lavora molto per la squadra ma riesce a mantenere il guizzo nell’area piccola.
Il mister cerca subito l’amalgama durante il ritiro, dove chiede e ottiene grande attenzione. In un campionato più competitivo per l’avvento di corazzate come Milan e Roma femminile, il Sassuolo esprime un buon gioco e si piazza al quinto posto. Sabatino segna 12 dei 27 gol complessivi. Il commento finale del Gianpiero nazionale è un manifesto per il movimento del calcio femminile: “Le ragazze sono sempre sul pezzo, non ho mai finito un allenamento pensando che non mi fosse piaciuto. Non si sono mai risparmiate. C’è poco da fare: ti trasmettono qualcosa in più rispetto agli uomini”. In estate la società, su indicazioni di Piovani, rafforza l’ossatura della squadra nei vari reparti: oltre ai due portieri, arrivano difensori come Grace Cutler dal West Virginia university ed Erika Santoro dal Pink Bari, in mezzo al campo le sorelle Kamila e Michaela Dubcova dallo Slavia Praga, ma anche Emma Errico dal Tavagnacco, mentre il reparto offensivo si dota del capitano Daniela Sabatino, della centravanti della Roma Luisa Pugnali e delle giovani Camilla Labate e Danila Zazzera, in prestito dalla Fiorentina. Pronti, via: allenamenti ogni giorno, martedì e giovedì seduta doppia. Il tecnico assembla rapidamente il nuovo gruppo, le calciatrici più esperte e le giovanissime. Come Maria Luisa Filangeri, siciliana classe 2000, difensore delle viola e della nazionale under 19. Piovani, che l’aveva osservata attentamente l’anno precedente, impiega Filangeri come centrale nella difesa a tre. “E’ brava e duttile, farà bene”.
Il tecnico dunque trasmette alle atlete del Sasol le sue qualità di calciatore e uomo, dentro e fuori dal campo, dove sono fondamentali la capacità di ascolto e di dialogo, l’impegno e la valorizzazione di tutti i componenti. “Credo che il gruppo al giorno d’oggi sia fondamentale per ottenere risultati. Porto sempre esempi alle ragazze di quando giocavo ai tempi del Piacenza dove una squadra tutta italiana riusciva a salvarsi e giocarsela con le big perché si formava un gruppo che prima di essere squadra era famiglia e questo ci ha portato a toglierci grandi soddisfazioni…”.

triangolazione

Piovani, in che modo il calcio femminile italiano può raggiungere i livelli che merita, ovvero quelli di nazionali come Stati Uniti, Olanda, Francia e Regno Unito?

Credo che per arrivare ai livelli delle top nazionali si debba lavorare ancora molto in ottica di forza e tecnica, mentre a livello tattico siamo avanti rispetto a loro e il mondiale appena giocato ha dimostrato questo…

Betty Vignotto sostiene che la crescita del femminile passa attraverso i club maschili.

Assolutamente d’accordo e noi ne abbiamo l’esempio in casa. Il Sassuolo calcio è una famiglia creata e voluta fortemente dal dottor Squinzi e la dottoressa Spazzoli e noi siamo fieri e orgogliosi di portare in giro per l’Italia questo stemma e questa bandiera… La speranza è che altri club seguano per permettere a più ragazze di entrare in questo magnifico mondo.

Si unisce alla lotta per il professionismo delle calciatrici italiane?

Sicuramente le atlete, per la dedicazione e la voglia di migliorarsi che mettono durante gli allenamenti, meriterebbero di essere retribuite nel modo giusto e soprattutto tutelate sotto ogni punto di vista.

Il calcio resta un ambiente iper maschilista. Si sente spesso in tv o alla radio “va beh, ora passiamo a parlare di calcio vero”. Cosa risponde a questi uomini?

Si sbagliano perché la volontà e la passione che ci mettono le ragazze va oltre… I riscontri che ho avuto sono davvero straordinari.

Le idole della nazionale creano i sogni nelle ragazze e una nuova consuetudine negli occhi e nella mente di addetti ai lavori, spettatori e genitori. In concreto è migliorata la situazione per le bambine e le adolescenti che si affacciano con interesse al calcio?

Oggi le bambine o ragazze che si affacciano al mondo del calcio sono in forte crescita. Si parla addirittura del 30% in più rispetto al passato ma si spera che col passare del tempo si arrivi ad una percentuale molto più alta.

Ha vissuto il calcio maschile e quello femminile, che differenze riscontra? Cominciamo dai campi: alcuni osservatori sostengono che siano troppo grandi.

Per quanto riguarda le misure del campo lascerei tutto così com’è anche perché le ragazze hanno capacità aerobiche importanti e velocità di esecuzione. È normale che a livello di forza non siano come gli uomini ma…

Creatività?

Le vedo fare gesti tecnici di grandissima qualità.

Applicazione degli schemi.

In allenamento c’è molta abnegazione. Il lavoro è improntato più sulla fase offensiva perché la percentuale di gol nel femminile è molto bassa e quindi lavoriamo per alzare la media…

La differenza quindi?

Le ragazze ti danno più soddisfazione degli uomini per il modo di approcciarsi all’allenamento e alle partite. Anche in una squadra molto giovane come la nostra, che dovrà lavorare tanto ma in futuro potrà ottenere importanti gratificazioni.

 

piovanicoach2

Pignagnoli, portiere che gioca coi piedi e con la testa

Lascia un commento

parata1

Se la vita fosse un campo da calcio, chi mantiene un solido radicamento ai principi e al tempo stesso intraprende molte avventure rappresenta un portiere moderno, che bada al sodo tra i pali e sa giocare coi piedi. Così è effettivamente Alice Pignagnoli, che di lavoro indossa il numero uno: per tre lustri ha girato la penisola come una trottola, difendendo le porte di 13 squadre senza piegarsi né ai rimproveri familiari nè allo sfruttamento lavorativo. Nel 2020 diventerà madre, pronta a re-indossare i guantoni.
Pignagnoli, classe 1988, tira i primi calci nel cortile di casa con lo zio Aldo, un ex giocatore che ha dovuto interrompere a causa di un brutto incidente in motorino. Aldo regala alla nipotina le prime scarpette e lei non riesce a star ferma: all’aperto, o chiusa in casa, cerca sempre il pallone. Da bambina, come Alice nel Paese delle Meraviglie, piomba al centro della Terra, il suo mondo interiore è ricco di quella magia intellegibile solo ai veri amanti del calcio. Sembra di essere nella partita a croquet voluta dalla Regina di Cuori. Gli alberi come i pali, i cespugli come segnalinee, il profumo dell’erba, i raggi solari che si specchiano negli occhi di bambine e bambini, le corse animalesche accanto a cani e gatti, i capelli che si sciolgono, i respiri corti e le urla smisurate, i tuffi senz’acqua dei portieri per afferrare il pallone: liscio o fangoso, sfuggente o pronto a ricevere un caldo abbraccio, coerente come un sasso o stregato, ammaliato dagli effetti più strani.

Alla prima occasione Alice si misura coi maschietti vicini di casa e i compagni della scuola che frequenta a Reggio Emilia. Calcisticamente nasce centrocampista, ha gambe, fiato e visione di gioco. Se ne accorge un allenatore della zona, che la porta nell’atletico Santa Croce, una squadra maschile di quartiere dove comprende la passione, la predisposizione per il calcio. I genitori però costringono la figlia a giocare a pallavolo dai 10 a 14 anni: “Allora c’era un rapporto molto conflittuale. Da bambina molto vivace ma altrettanto brava a scuola, non capivo come mamma e papà potessero ostacolarmi in una cosa tanto innocua come praticare uno sport. Si nascondevano dietro i vari “è uno sport da maschi” e “prendi freddo a giocare all’aperto”, poi sono riuscita a fargli confessare la loro vera paura: in anni in cui il calcio femminile era alla stregua di un ghetto, temevano che il far parte di un gruppo fortemente caratterizzato dalle dinamiche omosessuali, avrebbe potuto orientare i miei gusti sessuali”. Pignagnoli non demorde, sceglie di iscriversi al liceo scientifico Aldo Moro dopo aver visto appesa una foto della Reggiana femminile, a quei tempi all’apice del ciclo vincente. “Ho iniziato entrando a far parte della squadra di istituito, di cui facevano parte tante componenti del settore giovanile della Reggiana, tra cui alcune nazionali, e con cui poi ho vinto un titolo italiano, e raggiunto un terzo posto l’anno successivo. Successivamente la responsabile del settore giovanile mi fece fare un provino per la primavera granata”. La sistemano tra i pali per motivi molto pragmatici, a seguito dell’infortunio dell’unico portiere arruolato in primavera. E lei si innamora del ruolo, per il quale sono necessari talento, coraggio e personalità: “Sì, è così, il portiere si trova da solo di fronte a tutti. Il mio mito è sempre stato Buffon per la personalità, il carisma e per come ha rivoluzionato il ruolo del portiere: meno attenzione ossessiva alla tecnica, e più ai risultati e al ruolo di guida per la difesa e la squadra tutta”.

pignarinvio3

Alice Pignagnoli viene aggregata a sedici anni in prima squadra in serie A nella Reggiana che poi raggiunge il quarto posto e il pass per la Italy Uefa womens cup. Due anni dopo disputa 21 gare da titolare su 22 in B con la polisportiva Galileo Giovolley, che si classifica terza, a un soffio dalla promozione in A2. Poi Varese e Milan, dove approda in concomitanza col primo anno di università. A vent’anni esordisce in serie A nell’arena civica Gianni Brera ma non prova un’emozione particolare: “Ero già molto determinata e ambiziosa, e l’ho visto solo come un primo gradino per il raggiungimento di obiettivi più “alti”. La cornice era pazzesca ma il campo aveva un fondo terrificante: era una struttura ormai da tempo destinata a concerti e spettacoli”. Ciò che conta davvero, però, non afferisce agli stadi: “Gli obiettivi primari per il nostro movimento sono le tutele e le garanzie minime che rendano appetibile questo sport per famiglie e ragazzine e almeno un “semi-professionismo” che consenta alle atlete di preferire questa attività a un lavoro retribuito mediamente”. Mentre gioca a Como Alice consegue la laurea a pieni voti in Scienze della Comunicazione presso lo Iulm di Milano, con la seguente tesi: Verso un’etica della differenza: la promozione della figura femminile tra cultura di massa e società dell’informazione.
Lavorerà nel giornalismo sportivo, accumulando collaborazioni precarie in tv e quotidiani locali, e per sei anni in una web agency in cui arriverà a dirigere il reparto produzione composto da 14 persone, un ruolo che mal si concilia con lo sport ad alto livello. Nella parentesi al Napoli, finalmente, può fare la “solo” la calciatrice: “Un’esperienza unica, potermi permettere, anche economicamente, di fare una scelta ancora una volta contraria a quello che avrebbero voluto i miei genitori, e di essere totalmente autonoma. Conoscere e integrare modi di vivere e di pensare diversi dal mio”. Pignagnoli accetta la proposta della fortissima Torres, dove nel 2011/12 vince Supercoppa e scudetto. Tutto però svanisce a causa della disparità di genere: un uomo in serie C2 guadagna abbastanza per mantenere una famiglia mentre lo stipendio di una donna nella migliore squadra della Serie A è più basso di quello di un operaio: “Non era possibile far venire il mio compagno a Sassari senza un lavoro. Così sono andata al Riviera di Romagna. Fu una scelta obbligata, la stessa per cui dovetti rifiutare Fiorentina e lo scudettato Verona in serie A un paio di anni dopo, per ritrovarmi a giocare a Oristano in serie B (una serie B a 4 gironi, molto diversa da quella attuale, nda), perché il lavoro che avevo trovato non mi permetteva di allenarmi al pomeriggio come già facevano molti club di serie A”. Il wonderland del rettangolo verde appare sempre più lontano, perché Alice deve fare i conti con l’ingiustizia: “Questo passaggio è stato uno dei più traumatici della carriera, una realtà totalmente diversa da quelle che avevo vissuto e per cui avevo fatto grandi sacrifici fino a quel momento. Purtroppo la prospettiva di una casa, una famiglia e un matrimonio, mi imponevano di lavorare e non si poteva fare diversamente. E’ stato in quegli anni in cui mi sono letteralmente “inventata” l’ennesima risorsa: con la scusa di non poter andare ad Oristano ogni giorno per gli allenamenti, ho chiesto alla società di eccellenza in cui giocava il mio fidanzato Luca Lionetti di essere ospitata per gli allenamenti settimanali. Inizialmente è stato molto complesso, poi mi ha permesso di continuare ad accrescere il mio bagaglio tecnico e personale, anche con gesti che nel femminile, quantomeno allora, non venivano curati particolarmente, come le palle alte”.

pignatuffo2

Alice Pignagnoli mette in pratica i nuovi insegnamenti nel Valpolicella – Chievo Verona, nel 2016 torna a Cervia nel Riviera e convola a nozze con Lionetti. Una curiosità: due anni dopo partecipa alla trasmissione Rai I Soliti Ignoti. La concorrente che avrebbe dovuto indovinare la sua professione, fra le opzioni proposte, scarta praticamente subito quella del portiere di calcio. Gli sguardi stupefatti del pubblico la dicono lunga su quanto la società italiana debba ancora progredire. Pignagnoli intanto cambia squadra di anno in anno: veste le maglie di Imolese, Mantova e Genoa Woman, infine Cesena. “Ho solo ricordi di inclusione, dopo primissimi momenti di diffidenza i ragazzi con cui mi allenavo quotidianamente mi hanno fatto sentire una di loro, mi hanno rispettata come donna e come atleta e hanno riconosciuto il mio spirito di sacrificio. Forse l’unico ricordo negativo è quello dello scorso anno, quando dopo tanti tira e molla, a mio marito è stata comunicata una mancata conferma, solo ad agosto: poi abbiamo saputo che la mia presenza era diventata ingombrante e mister e preparatore dei portieri hanno preferito fare scelte diverse. E’ stato un momento molto duro, in quanto per l’ennesima volta ho sentito che le mie scelte pesavano anche sulla vita di mio marito, ma lui non si è perso d’animo, ha trovato una nuova squadra, la Fidentina, in cui sono stata subito accettata da tutti e, addirittura, vista dal preparatore dei portieri Marco Palmucci come un’occasione di crescita per i suoi ragazzi”. Alice svolge tutta la preparazione alla prima parte della stagione con le bianconere fino a quando, dopo un duro colpo in area avversaria, già alla quinta settimana di gravidanza, scopre di essere incinta. E’ proprio Palmucci a darle il primo supporto: “Ti aspetto ad agosto per la prossima preparazione, avrai qualche deficit fisico, colmato da una forza mentale che sarà il doppio del solito. E sai che forza ti può dare.. una donna sportiva motivata la paragono a un bilico lanciato in discesa senza freni”.

 

incinta

 

Cosa hai provato, temuto?

“Inizialmente è stato parecchio traumatico. La paura era più grande di tutto. La paura di perdere tutto quello per cui mi ero sacrificata per anni, come donna e come atleta. Poi la società e le mie compagne hanno ridimensionato queste paure, trasformandole in gioia e opportunità”.

In Spagna le atlete hanno salario minimo, ferie pagate, garanzie per infortuni e maternità, in America ci sono asili nido per le mamme che giocano. Il Cesena come si è comportato?

La società mi paga i rimborsi per seguire le compagne di squadra in trasferta e soprattutto mi ha assicurato la conferma per l’anno prossimo.

Com’è oggi il rapporto coi tuoi genitori? Sono migliorati?

Attualmente è molto positivo, loro hanno fatto grossi passi verso la mia passione, e io ho accettato le loro “debolezze” come genitori. Mia sorella minore gioca a basket, un altro sport con problematiche simili a quelle del calcio, e non è stata mai ostacolata, anzi, viene tuttora seguita quotidianamente. Questo a dimostrazione del loro passo indietro nel confronti dei pregiudizi.

Come vedi il tuo futuro?

Conto di rientrare quanto prima, mi piacerebbe essere a disposizione per l’inizio del prossimo campionato a ottobre. In questo modo avrò la possibilità di passare del tempo che molte mamme lavoratrici non hanno, con mio figlio e allo stesso tempo continuare a costruire Alice come atleta.

 

pignauscita

 

 

Settecasi, l’amazzone che si batte per i diritti: “Noi donne siamo il futuro del calcio”

Lascia un commento

settecasiprimafoto

La storia di Gabriella Settecasi, siciliana che attualmente gioca in Alto Adige, è paradigmatica di un modo d’intendere il calcio e la vita. Il confronto con l’altro e la capacità di contaminarsi, la tenacia in nome di una grande passione, non importa quanto sottopagata, oscurata, svilita come il calcio femminile di provincia. Se la corsa a ostacoli dell’esistenza fosse narrata con la mitologia, si tratterebbe di un’amazzone: Settacasi cavalca irresistibile lungo la fascia e mira la porta con la precisione di un’arciera; fuori dallo stadio però non dismette l’armatura interiore denunciando ogni ingiustizia ai danni delle ragazze.
Gabriella nasce nel 1991 ad Alessandria della Rocca, nell’Agrigentino, il padre è commerciante, la madre dirigente scolastica. Bambina curiosa e vivace, all’asilo disegna cavalli, quando esce all’aperto segue le partite del fratello maggiore. A soli 5 anni, senza chiedere permesso, va a tirare per la giacca l’allenatore: “Anche io”. Come altre coetanee, Settecasi si dimostra più brava dei maschietti: per due volte è la capocannoniere del torneo misto, rispettivamente con sette e otto marcature, vince trofei come miglior giocatrice. Sennonché in zona, di calcio femminile, non si vede nemmeno l’ombra. I maneggi pure sono lontani, ma il desiderio più grande di Gabriella è di trotterellare sul prato con la palla fra i piedi. Il padre vorrebbe esaudirlo, un giorno lascia il negozio in gestione all’altra figlia e si mette a girare in lungo e in largo per la provincia di Agrigento. Finalmente, a Ribera, scopre una squadra di futsal femminile. “Senza pensarci due volte mi ha iscritto” sorride Settecasi pensando alla famiglia: “Mi hanno sempre sostenuto, accompagnandomi tutte le domeniche per 7 anni alle partite. Anche dopo il trasferimento al nord ci sono sempre stati col cuore, quando possono vengono su a trovarmi e a vedermi giocare. Grazie all’amore che mi hanno dato sono riuscita a rialzarmi da avvenimenti negativi e a tornare in campo più sicura e soprattutto più matura”. La sua prima maturazione tecnica deriva dal cosiddetto “calcetto”, uno sport che ancora oggi molti, con superficialità, considerano minore, un ricettacolo di “pensionati” o di scartati dal Dio pallone. “Nella mia formazione è stato fondamentale il calcio a 5, perchè l’atleta, essendo sempre a contatto con la palla, acquisisce maggiore tecnica e maggiore rapidità nello svolgimento di un’azione. Così, quando ho iniziato a giocare nel calcio 11, ero avanti rispetto alle altre mie compagne”. Gabriella Settecasi vince campionati provinciali, regionali e nazionali con il Ribera, con cui segna fra i 20 e i 25 gol a stagione. La sensazione è che la sua favola possa proseguire all’infinito e contribuire, da Agrigento al resto d’Italia, alla crescita del futsal. Conseguito il diploma tecnico di servizi sociali, tuttavia, la giovane promessa non resiste al richiamo del calcio a 11 accettando l’offerta del Marsala, anche se ciò comporta il trasferimento a 140 chilometri da casa. Sul rettangolo verde viene schierata terzino sinistro per una ragione basica: è l’unica mancina della squadra. Benché la maglia sia la numero 3, la buona corsa e la visione di gioco convincono tutti ad affidarle compiti da ala. Le sue incursioni sulla fascia sono una spina nel fianco costante, dal momento che Settacasi punta e salta l’avversario in scioltezza, trovando lo spazio per quei cross dietro le difese che mandano in difficoltà ogni formazione. E’ la regina dei calci piazzati, comincia dai corner e ben presto acquisisce il diritto a calciare le punizioni. Lega le lunghe crine in una coda, come una valchiria prima del galoppo, scocca tiri che sembrano calibrati con l’arco, dardi fantastici che non si sa donde vengano ma soltanto dove s’incuneano: nel set. Dopo le tre stagioni a Marsala, passato dalla C alla A2, si trasferisce a Palermo, ma la voglia di sperimentare nuove emozioni è troppo forte. “Nel 2012 mi ha contattato il presidente Luca Dalla Torre del Sudtirol Damen e allora ho deciso di intraprendere questo nuovo percorso. Appena arrivata a Bolzano mi sono accorta delle differenze ambientali: lassù le persone sono impassibili, non si fanno conoscere. A livello umano, in generale al nord, dovrebbero aprirsi di più per godersi fino in fondo il calore delle persone che li circondano. Comunque con la Sudtirol Damen mi sono trovata subito bene, ho anche dovuto imparare il tedesco ma ne è valsa la pena. Mi sono detta che l’Alto Adige avrebbe rappresentato il sogno della promozione in serie A e, perché no, di puntare anche alla nazionale”.

 

acese

La massima serie giunge due anni dopo, nel modo più imprevedibile, ossia in provincia di Catania. Settacasi, che pure era intenzionata a restare in una realtà più organizzata, si tuffa nell’avventura della Acese in B, persuasa delle potenzialità del progetto del presidente Rosario Maugeri. La squadra di Aci Sant’Antonio aveva ben figurato nella stagione precedente, al termine della quale si era piazzata terza nel campionato del centro-Italia dietro Pink Bari e Roma. La nuova arrivata si integra alla perfezione con le compagne, le atlete di esperienza Gioia Masia, Daniela Di Bari e Roberta Giuliano, le giovani promesse Agata Sciacca, Giorgia Foti e Giulia Risina, la regista Jenny Piro e le attaccanti Giusi Bassano, Melania Martinovic e Veronica Privitera, che metterà a segno ben 33 reti. Gabriella sottolinea l’affiatamento del gruppo: “Eravamo proprio unite, dentro e fuori dal campo. Abitavamo quasi tutte nella stessa villa del presidente, ed è stata questa la mossa vincente. Solo tenendo unito un gruppo si ottengono grandi risultati!”. Nel sistema di gioco del tecnico Valerio Caniglia la jolly è Settacasi. In virtù delle molteplici qualità, la numero 3 svolge il ruolo di cursore di fascia, assist-woman e in generale si rivela preziosa nell’equilibrio della squadra, dettando i tempi dei cambi di ritmo. Delle gesta acesi sembra cantare Virgilio nell’Eneide: Intorno a lei scelte compagne stanno: Tulla, Larina vergine e Tarpeia che bronzea squassa le bipenne; italiche che a fregio aveva da se stessa elette la dia Camilla ed a ministre buone per tempo delle pace e della guerra. Tra le “nemiche” nell’arena di gioco, la Roma è la più titolata. Le giallorosse inizialmente sembrano prendere il largo ma l’Acese macina vittorie su vittorie, nel girone di ritorno supera le capitoline facendo registrare un filotto da record: in totale 24 gare vinte su 26, primo posto a 74 punti, ben 13 di distacco sulla Roma. E’ il trionfo pirotecnico delle amazzoni: Allorquando batton del Termodonte le correnti e pugnano con l’armi variopinte o a Ippolita dintorno o alla guerresca Pentesilea che sul suo cocchio torna, e fanno festa coi lunati scudi… [tratto da Virgilio, Eneide, Canto IX, versi 923-944].  La gioia immensa pervade Gabriella a Chieti, città che vuolsi fondata da Achille, l’invincibile acheo, assassino della regina amazzone Pentesilea nella guerra di Troia. E’ il 22 febbraio 2015. Il calcio piazzato di Settecasi, che al secondo minuto trafigge il portiere Nardulli e consegna il primato all’Acese, assume contorni epici. L’atmosfera elettrica attraversa gli spalti e le panchine, tanto che l’allenatore del Chieti sarà espulso, ma è la parabola arcuata e imprevedibile della punizione a rivelare la beffa divina. Il dardo, sospinto da un effetto metacalcistico, s’eleva nell’iperuranio e plana verso l’incrocio finendo per infilarsi in uno spazio angusto, quasi invisibile, fra le mani del portiere e il palo. Come se l’arciera del gol, 3000 anni dopo, avesse vendicato la morte dell’antica regina, scovando l’unico pertugio vulnerabile del Pelide, quel tallone d’aria attraverso il quale la palla si è insinuata in rete.

 

Per Gabriella Settecasi è il gol più importante: “Quella vittoria sofferta per 1-0 ci ha permesso di anticipare la promozione in serie A. Il mister non aveva mai vinto in quel campo ostico e mi ha fatto piacere di avergli regalato questa doppia soddisfazione”. Dopo gli anni d’oro della Jolly Componibili, dell’Orlandia 97 e delle Aquile di Palermo, la provincia di Catania ascende all’Olimpo del calcio. Nel dì di festa l’allenatore Caniglia commenta l’impresa ringraziando gli “innesti mirati” che hanno garantito “una formazione equilibrata in tutti i reparti con alcune individualità di spicco ed altre giovani promesse che in questi anni sono maturate fino a divenire atlete di sicuro affidamento. Il mantenimento della categoria sarà il nostro obiettivo per il prossimo anno”. Il presidente Maugeri promette di organizzare una squadra all’altezza ma le sue parole di una notte di mezza estate sfumano nel grigiore autunnale, al ticchettio di una calcolatrice. Gabriella Settecasi ricorda la mazzata come fosse ieri: “Dopo esserci sudate quella tanto attesa promozione in A, il presidente, quasi a inizio stagione, decide di ritirare la squadra già iscritta al campionato per le troppe spese da affrontare”. Della Sicilia conserva bei ricordi: “Le compagne, le amiche. I tifosi, che con la mia famiglia erano sempre presenti alle partite casalinghe”. E un’amara consapevolezza: “Al sud la realtà del calcio femminile è piuttosto differente rispetto al nord ed in generale il nostro movimento non gode della medesima visibilità. Sicuramente sono stati fatti dei passi in avanti ma ancora, a mio parere, c’è tanto da lavorare per poter arrivare ai livelli di tante squadre italiane”.

settecasiazione

Le offerte fioccano per la terzina speciale, che per un periodo indosserà il 7 e poi la maglia numero 22, in onore della nonna. La sua scelta ricade nuovamente sul Sudtirol Damen, che ha conquistato la massima serie nel girone d’alta Italia. In Alto Adige Settecasi trova lavoro a Vipiteno come operaia nell’azienda del presidente Dalla Torre: si alza presto la mattina, fino alle 16 assembla pezzi per costruire gazebo in un reparto di soli uomini, poi merenda e alle 19 corsa al campo per tre ore di allenamento. In seguito viene assunta al negozio di articoli sportivi Decathlon di Bolzano. Tutte le atlete di provincia, ancorché di valore, percepiscono rimborsi insufficienti, eppure resistono. Per Gabriella l’esordio nella massima serie contro il Mozzanica è il coronamento del sogno: avrà vita breve come la viola del pensiero, fiore privo di profumo come quell’erba di Serie A. Una serie di incidenti sul lavoro fermano la sua cavalcata: “Il momento più brutto è stato l’infortunio al legamento crociato dopo due sole presenze in massima serie. Rientravo da un’altra operazione al ginocchio, mi è crollato il mondo addosso. Non avevo mai pensato di smettere, ma quel terzo infortunio al crociato nel giro di 2 anni mi aveva tolto le forze e l’entusiasmo di andare avanti”. Sospira: “Ho trascorso periodi bui, ricevendo chiamate da tante squadre di A, cito solo il grande Brescia del presidente Cesari che ha giocato la Champions, ma ho dovuto rifiutare perché ero ancora in riabilitazione. Con la forza e la determinazione giusta ho ripreso a calciare quel pallone che tanto mi fa emozionare…”.
Settacasi, l’amazzone che domina la fascia e centra l’angolino, si cura le ferite e indossa l’armatura dell’Unterland Damen, sempre in Alto Adige. A due anni dall’ultimo infortunio riprende a giocare nel campionato nazionale di serie C. “Siamo seconde in classifica e stiamo lottando per poter salire in B come spera il presidente. Non ho perso l’ambizione di puntare sempre in alto e magari qualche soddisfazione ancora potrebbe arrivare…”. Duecentodieci presenze, 30 reti, caterve di assist, il pubblico che si stropiccia gli occhi. “Gli ultimi gol più importanti li ho realizzati contro corazzate come Riozzese, Vittorio Veneto, oggi in B, e Jesina. Ho segnato negli ultimi minuti su punizione regalando gioiose vittorie di misura all’Unterland Damen”.

La calciatrice che più ammiri e quella a cui ti ispiri come modello?

Sicuramente Barbara Bonansea è il mio modello. Avendo lo stesso ruolo, guardando le sue partite, ho imparato movimenti e tocchi di palla che fanno fuori l’avversario. Quella che più ammiro attualmente milita nella Pink Bari in serie A. E’ Jenny Piro, grande esempio di atleta e di vita nello stesso tempo. Giocava già con me ai tempi di Palermo…

Hai disputato altre partite contro i maschi dopo i 12 anni?

Ho giocato con i ragazzi da piccola e la mia tecnica, spesso, era superiore alla loro. Ho rigiocato con i maschi in diverse amichevoli con squadre femminili e in certi casi, ad oggi, la tecnica della donna prevale non solo nell’eleganza e nella creatività di esecuzione, ma anche per lo sviluppo del cervello femminile in sè, che ha una capacità di ascolto maggiore (dovuta all’ippocamo, nda) rispetto a quella degli uomini: la donna apprende cose importanti che l’uomo sottovaluta o crede già di esserne in possesso. Quando si è piccoli, la differenza muscolare non è evidente, ma dopo lo sviluppo la forza fisica di un uomo non è paragonabile a quella della donna, anche perchè le nostra ossa sono più sottili, con una predisposizione maggiore verso gli infortuni.

Le piccole società mettono a disposizione preparatori atletici e fisioterapisti?

Nelle piccole società trovi un/a fisioterapista a disposizione della squadra, ma spesso, e mi dispiace dirlo, non sono all’altezza per recuperare o trattare ragazze sportive. Di preparatori atletici, invece, ce ne sono pochi in giro, e spesso in squadre di categoria inferiore non ce ne sono proprio, sia perchè la mentalità da dilettante non ti fa investire sulla salute delle calciatrici, sia, appunto, per la categoria inferiore stessa che non te lo permette economicamente. Io ho avuto la fortuna di incontrarne uno molto in gamba al Sudtirol: mi ha recuperato dopo 3 operazioni al legamento crociato permettendomi di giocare, ma soprattutto di ambire ancora.

La condizione di dilettante vi lascia senza alcuna copertura sanitaria. A tuo parere si arriverà al professionismo?

Spero il più presto possibile perchè non siamo per niente tutelate e se qualcosa va storto, ti arrangi. Le società se ne lavano le mani, detto chiaro e tondo. Quindi come sempre a lottare saremo noi calciatrici, appassionate di questo sport, cercando di farci notare quando è il momento giusto. Vedi i mondiali disputati in Francia nel 2019, dove molti italiani si sono chiesti: ”Ma perchè le donne giocano a calcio..?!”. Commenti assurdi che sentiamo ancora oggi.Siamo tanto indietro rispetto ad altri nazioni europee, per non parlare degli USA, abbiamo bisogno di più sostegno e più visibilità per raggiungere una parità di diritti con il calcio maschile. Da sempre abbiamo fatto grossi sacrifici, andando a lavorare, ritagliando spazi della nostra giornata per gli allenamenti e le partite domenicali e non. Siamo dilettanti, infatti i nostri campionati iniziano a fine ottobre e se sai giocare al massimo porti a casa 800 euro al mese. Ma ci trattano da professioniste quando ci fanno giocare il 23 dicembre, il 6 gennaio, il 25 aprile…

Cosa dovrebbero fare i club per migliorare la situazione delle calciatrici e favorire l’accesso al calcio delle bambine?

In primis dovrebbero partecipare a formazioni, riunioni, aggiornamenti che si svolgono a Coverciano; introdurre tutte le categorie del femminile, partendo dalle giovanissime fino alla prima squadra, e dovrebbero spingere di più la Federazione ad investire sul calcio femminile, perchè… Noi donne siamo il vero futuro del calcio, un calcio pulito, pieno di passione vera, di fair play, che regala emozioni ad ogni singola persona.

settecasiultima

Fussball/ Frauen Serie C: Unterland Damen – Padova CF, am 14.10.2018 in Kurtinig.

Carolina Morace, intervista esclusiva

3 commenti

carolina2

Carolina Morace. Avvocato, pioniera del calcio femminile, bomber e allenatrice, opinionista, Fifa’s Legend, Fifa e Uefa Instructor. Sempre per la FIFA impegnata in Papua Nuova Guinea e in Iran. Prima donna nel 2015 ad entrare nella Hall of Fame istituita dalla Fgci e dalla Fondazione museo del calcio quattro anni prima. Scendendo in campo per un’intervista, mi tremano le gambe… ci provo.

1) Morace centravanti. Esordio a 11 anni a Venezia, tre anni dopo già in Nazionale, un’avventura durata un ventennio e 105 gol, con la quaterna di Wembley nel ’90 che resiste come record assoluto fra uomini e donne; due volte finalista agli Europei, dodici scudetti e 13 volte capocannoniere. Qual è stata la più grande emozione sul campo?

Sicuramente i 4 goals a Wembley. Credo che per ogni individuo che ami il calcio, Wembley rappresenti il Tempio di questo sport. Ed il mio allenatore me l’aveva detto: “Se segni qui puoi dire di essere una giocatrice di calcio”.

2) Che differenze riscontra a livello di gioco fra le squadre femminili di allora e di oggi?

Oggi tatticamente le squadre sono più preparate, noi marcavamo a zona mista con il libero comunque staccato, mai in linea. Era la zona mista di Sacchi con Baresi posizionato sempre qualche metro dietro alla linea difensiva… Adesso giocano tutti a zona poi, in base alle capacità del tecnico, puoi anche vedere un gioco organizzato, i sistemi di gioco sono ben definiti.Tecnicamente eravamo molto forti, certo oggi la velocità è maggiore. Però non è un caso che la mia generazione sia arrivata ad essere per due volte vice campione d’Europa. C’erano giocatrici straordinarie come Vignotto, Ferraguzzi, Bonato, Ciardi, Marsiletti. Tante altre forti, dovrei citarle tutte. Ma non c’era la televisione, anche i dirigenti sono colpevoli perchè venivano a vederci raramente. Sono sicura che avremmo entusiasmato la gente.

3) Solo dal 2015 alcune società professionistiche investono nel calcio femminile, ma le atlete restano ancora senza salario minimo, assistenza sanitaria, contributi previdenziali, Tfr, maternità e ferie pagate. Quali passi concreti occorrono per raggiungere la parità?

Quando si parla di parità bisogna essere chiari. Qui non si invoca la parità salariale. I calciatori generano un business che, forse, un giorno raggiungeremo anche noi. Ma ora siamo solo all’inizio del nostro percorso. Tutto ciò che hai menzionato deve essere la priorità perché è impossibile dare il massimo se non si hanno le minime garanzie sul proprio futuro. Cosa accadrà quando le atlete smetteranno di giocare ed entreranno nel mondo del lavoro con un ritardo di almeno 15 anni rispetto i loro coetanei? E molte atlete decidono di non proseguire gli studi.

4) Nel suo libro, La prima punta (People editore, 2019), racconta come le venne spontaneo giocare a calcio nella struttura della Marina Militare (per via del padre ufficiale) dove c’erano attrezzature sportive.

E’ naturale che in presenza di strutture sportive i bambini siano liberi di sperimentare e scegliere lo sport preferito senza essere condizionati dai genitori. Che di solito, inevitabilmente, scelgono per i figli lo sport da praticare.

5) Il sistema non destina risorse adeguate nei settori giovanili e nelle categorie inferiori del calcio femminile poiché considera insufficiente il ritorno economico in termini di immagine e pubblicità. Come superare questa barriera anche culturale?

Scegliendo le giuste persone nei posti chiave. Non è un caso che il progetto di sviluppo del calcio femminile sia stato fatto da un manager cinquantenne, Michele Uva, quando era direttore generale della Federazione (dal 2009 al 2018 nda).

6) Passiamo a Morace tecnico: prima donna al mondo ad allenare una squadra maschile, la Viterbese in C1 nel 1999. Come andarono le cose?

Dopo la partita persa fuori casa con il Crotone per 5 a 3 (con 3 calci di rigore contro) mi chiamò Gaucci dicendo che voleva licenziare il mio preparatore fisico, il professor Luigi Perrone. Io gli risposi che se avesse mandato via lui avrebbe dovuto mandare via anche me. Gaucci mi disse ‘no, lei non la mando via’ ed allora io gli dissi che mi sarei dimessa. La stima era reciproca. Mi fece poi chiamare da tutti ma un’interferenza del genere, quando capita una volta, capiterà anche la seconda volta. Tanti allenatori accettano, io no.

7) Alla guida della Nazionale italiana nel 2004 conquistò il quarto posto nella Algarve Cup, dopo aver battuto Cina e Finlandia. La Federazione, all’epoca, aveva intenzione di investire nel progetto?

No.

8) Da ct del Canada, con staff tutto italiano, conquistò la Concacaf Women’s Gold Cup nel 2010, poi è stata allenatrice e direttrice tecnica di Trinidad e Tobago. Le sostanziali differenze tra questi paesi e il nostro come organizzazione e come impatto sul pubblico?

In Canada il calcio femminile è lo sport più popolare, in Italia siamo ancora indietro ma sulla buona strada se la Figc continuerà a credere in questo sport. A Trinidad & Tobago sono in via di sviluppo ed hanno molti problemi organizzativi in genere.

9) Perché le calciatrici Usa sono le più preparate atleticamente del mondo?

Il bacino in cui scegliere è molto ampio, crescono da generazioni a generazioni facendo sport. Sarà in grado di battere le americane una squadra che reggerà il loro passo, con l’aiuto dell’organizzazione di gioco: si può fare. In questo Mondiale ho visto qualcosa tatticamente solo dalla nazionale olandese e da quella italiana.

10) Alla vigilia indicò come sorpresa del torneo proprio l’Olanda, poi arrivata in finale attraverso un gioco veloce e divertente. Il loro campionato esiste solo da 12 anni, sono semiprofessioniste da poco, l’attenzione mediatica è scarsa e gli stadi semivuoti. Qual è il loro segreto?

La cultura. Ogni paese ha la sua cultura.

11) Cosa pensa dell’insegnamento del futsal nelle scuole calcio come fanno in Sudamerica?

Se troviamo nelle nostre scuole uno spazio da adibire a futsal perchè no? Ma non credo ci siano molti spazi nelle scuole italiane. E’ giusto che lo sport in Italia sia demandato alle squadre dilettantistiche, che perciò dovrebbero essere sostenute maggiormente dal governo soprattutto con la formula degli sgravi fiscali. E mi riferisco alle sponsorizzazioni, unica fonte di sostentamento per queste società.

12) Trent’anni fa a Roma lei fondò una scuola di calcio mista. Oggi è finalmente una prassi diffusa – da alcune ricerche ho scoperto che in alcune realtà, come Parma e nel Bresciano, le prime squadre interamente femminili, a 12 anni, hanno battuto i coetanei maschi. Fino a che età pensa sia utile giocare contro i ragazzi in campionato e quando invece incontrarli solo in amichevole?

Io non sono nemmeno per le amichevoli. Se una squadra professionistica contrappone alle donne dei quattordicenni, fisicamente rimangono leggermente più forti, magari meno coordinati ma il loro è un calcio da ragazzi, non da adulti. Il calcio delle donne è un calcio da adulti. Il misto va bene dall’età infantile fino alla pubertà.

13) Il maschilismo ambientale oggigiorno è diminuito? Ricordo un suo gol spettacolare da trenta metri: lo definirono casuale, eppure, se fosse stato Maradona…

In Italia ci sono tante persone intelligenti e di media cultura ma anche molti ignoranti. E l’ignoranza qui è un vanto, non una vergogna. Io da tanto tempo non mi interesso più dell’opinione delle persone che non stimo. Poi, avendo vissuto all’estero, vedo sempre più il nostro paese come una piccola parte di un universo ben più grande.

14) Il talento va riconosciuto e coltivato. Esiste oggi fra le donne, in termini assoluti, un genio alla Messi o forse è nascosto in qualche campetto di periferia?

No, non c’è attualmente una Messi ma tante brave giocatrici.

15) La ct Bertolini ha sostenuto che il “calcio di Guardiola è femmina”, perché le atlete sono più propense al possesso palla, al fraseggio e al gioco corto. Parlando di tattica il femminile semiprofessionistico non esisteva ai tempi delle squadre maschili che hanno fatto la storia: la grande Honved, l’Olanda di Michels, il Milan di Sacchi o il calcio utilitaristico di Herrara e Trapattoni. Quale sistema di gioco preferisce e quale pensa sia più adatto al calcio femminile?

Non c’è un sistema più adatto al calcio femminile, valuto quello che è più adatto alle qualità delle mie giocatrici, dei miei giocatori. Per questo motivo noi allenatori non dovremmo avere un sistema preferito.
(intervista realizzata il 31 gennaio 2020)

carolina3 Altro

Corpo, il nostro film indipendente negli States Sarà proiettato all’università del Connecticut

Lascia un commento

corpo2

Corpo, la sceneggiatura, il film… e presto arriverà il romanzo
corpo3

Una bellissima esperienza che ha visto crescere insieme professionisti e giovani provenienti da settori diversi. Il film indipendente diretto da Francesco Guida e dal sottoscritto è stato girato l’estate scorsa nelle zone fra Paestum, Agropoli e Castellabate. La sceneggiatura di Corpo era stata buttata giù mesi prima, currenti calamo, e non è stato necessario organizzare casting particolari. Fortunatamente avevo già collaborato con alcuni attori di teatro emiliani, in particolare le allieve di Sandra Moretti, insegnante del liceo Pico e fondatrice della compagnia Fata Morgana di Mirandola. Le loro interpretazioni di Lou Salomé (Miriam Treglia) e Friedrich Nietzsche (Agnese Negrelli) in occasione della rappresentazione dell’aprile 2019 nelle sale della Biblioteca annessa al liceo Pico, erano state sottolineate dal plauso generale di professori, assessori comunali e spettatori, ma non si trattava di una novità, giacchè Agnese e Miriam avevano calcato e presto calcheranno di nuovo i teatri con la mia Salomè adattata da Sandra Moretti (se la Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola darà i contributi, come ha sempre fatto in passato per altre opere, alla compagnia Fata Morgana). L’esperienza di Corpo, un film autoprodotto della durata di 73 minuti, è stata arricchente perchè ha visto crescere la collaborazione fra due gruppi, quello emiliano e quello campano. Accanto a  Sandra, come actor coach, si è aggiunto Paolo Agresta di San Marco di Castellabate, assieme a Miriam Treglia e Agnese Negrelli hanno recitato Luigi Pascale, attore della compagnia teatrale Eduardo De Filippo, Lucio Russo, fotografo ferrarese che ha avuto piccoli ruoli nelle fiction Coliandro 6, Gomorra 4, Il Caso Pantani e L’alligatore, il 18enne poliglotta Gerardo Bove, il carpigiano Stefano Stradi e altri attori di Castellabate quali Costabile Scarano, Anna Aversano, Luigi Tramutola, Assunta Della Mura, Deborah Guercio, Martina Pinto, Sarah Di Luccio, Fatima Sarnicola e tanti altri che leggerete nei titoli di coda.  Si ringraziano per la partecipazione straordinaria anche Lucio Isabella, poeta e artigiano del Cilento, le suore della comunità Santa Scolastica, la famiglia Malzone per la location sul belvedere e la famiglia Vassallo per gli studi di Costantino, che ha incentrato la sua prolusione di presentazione del film, alla fiera dei libri del sud, sul concetto di Corpo come prigione in Proust. Anche a livello tecnico la sinergia è stata importante: Francesco Guida era il mio assistente alla regia, ma di fatto è il co-regista, ha curato tutti i montaggi in studio ed ha supportato le riprese accanto ai cameraman Lazzaro Addesso e Antonia Agresta; Enrico Nicoletta ha fornito ulteriore competenza tecnica e per quanto riguarda le musiche il compositore Antonio Sessa ha realizzato la colonna sonora e tutti i sottofondi esclusivamente per Corpo.
corpo5

Com’è andata? Presto per dirlo, non abbiamo la possibilità di distribuire la pellicola nelle sale ma siamo iscritti a festival del cinema ai quali non dovremmo (salvo censure sovietiche della solita partitocrazia) avere problemi a partecipare: a prescindere dal giudizio sulla storia (nel prossimo post anticiperò il primo capitolo del romanzo…) e sulle performance degli attori, il livello tecnico elevato rispetto alla media è garantito da Francesco Guida, premiato già vent’anni orsono come miglior regia e montaggio al Festival Internazionale di Salerno (qui in foto con Claudia Koll durante la consegna del primo premio).
koll

 

Inoltre, se in occasione della prima proiezione privata, a Castellabate, espresse apprezzamento l’unico ospite esterno, il prof. Gennaro Malzone, fondatore della Fiera dei Libri del Sud, nella seconda proiezione a casa dei genitori di Agnese (nella foto sottostante) è stata invitata un’insegnante di Cinema e Letteratura italiana negli Stati Uniti, la pdh Monica Martinelli. Alla serata “nordica” erano presenti tutti i componenti del cast e della troupe tranne gli amici del Cilento, impossibilitati per la distanza ma collegati in diretta tramite mezzi telematici per vivere assieme emozioni e commenti. Le azioni e i dialoghi più avvincenti non hanno riguardato solo i due protagonisti maschile e femminile, laddove l’interpretazione di Miriam Treglia è stata mirabile, ad esempio la sintonia registrata fra Agnese Negrelli e Luigi Pascale ha stupito tutti per professionalità e passione. L’intreccio degli avvenimenti ha evidenziato le differenze caratteriali e anche dialettali dei personaggi del film, come lo scaltro emiliano Lucio Russo e il melodrammatico “napoletano” Paolo Agresta, mentre Gerardo Bove, in forza dei propri studi delle lingue slave, ha esibito un ottimo accento russo. Costabile Scarano, già in Benvenuti al Sud, è stato accreditato della battuta più divertente, ma è stata tutta la squadra a partecipare con gioia e intensità. Al liceo Alfonso Gatto di Agropoli le studentesse in autogestione, supportate dalla professoressa Antonella Lauretti e dal dirigente Saverio Prota, hanno dato vita a una scena coinvolgente assieme alle attrici protagoniste, così come il Parco Archeologico di Paestum è stato teatro di momenti particolarmente suggestivi. Le cornici paesaggistiche delle scogliere e di una montagna incontaminata che si affaccia sul mare cristallino non sono da meno dei significati storici e simbolici dei paesi attraversati. Alla fine l’insegnante di Cinema e Letteratura italiana in America, Monica Martinelli, è rimasta colpita favorevolmente dal nostro film e ha già proposto di far proiettare Corpo (dopo i festival, nel prossimo semestre) durante le lezioni che tiene all’università del Connecticut, come “spunto educativo per le tematiche trattate”: Gender studies e altro, ma non vorrei “spoilerare”!
corpo1

 

Il film Corpo:

corpospavento

scuolapaesemareanello

tempio

nottecorpo6

Patrizia Caccamo, la pittrice del gol

2 commenti

 

 

Premiata

In vista della pubblicazione del mio primo libro sul calcio femminile anticipo la storia di Patrizia Caccamo, che sabato scende in campo per l’esordio con il Deportivo a Palma di Maiorca. I suoi tabellini sono da record, ma i duecentosei gol e gli innumerevoli assist dipinti in vent’anni fra serie A e B, non ne tratteggiano appieno il talento e il percorso extra-ordinario.

Vive il periodo d’oro della Fiorentina dei Della Valle, apripista dei club che investono nel calcio femminile, durante il quale si aggiudica lo scudetto, due coppe Italia e la Supercoppa. Gioca otto partite in Nazionale, l’ItalViola del commissario tecnico Antonio Cabrini che si qualifica agli Europei dei Paesi Bassi e getta le basi per il successivo exploit mediatico delle azzurre ai Mondiali. Gli addetti ai lavori e gli spettatori beneficiano delle splendide giocate di Patrizia,  un esterno offensivo che parte a sinistra e dialoga con le compagne, ama sterzare verso la porta e scoccare conclusioni a giro con ambedue i piedi. Il dribbling secco, arricchito da un possesso palla funambolico, e la potente velocità inducono non pochi tifosi a invocarla nell’altra metà del calcio, in luogo degli attaccanti viola.

Se Alex Del Piero, rientrando dalla fascia, pennellava nel sette come Pinturicchio, restando nelle arti figurative Patrizia Caccamo rimanda all’espressionismo. E’ tutta la vita di questa ragazza a rappresentare un inno alla fantasia, un vortice che tocca profondità arcane, assumendo i contorni metasportivi di un viaggio ai confini della realtà.
germania

Patrizia Caccamo nasce nel 1984 a Wickede, nel nord della Renania, dove i nonni e i genitori siciliani sono emigrati per lavorare in fabbrica. La famiglia favorisce l’emergere della sua vocazione, e poi la sostiene unitamente: “Da bambina ero spesso nervosa, così il pediatra disse ai miei di farmi praticare sport per scaricare la tensione. Giocavo sempre con il pallone in casa, ovunque, allora papà mi iscrisse alla scuola calcio. Avevo solo sei anni. Mi ricordo la prima partita: facevo i castelli di sabbia con un compagno, ma da quel giorno la mia vita è cambiata”. Che stia accadendo qualcosa di grande si percepisce subito. Patty gioca nel campionato maschile coi coetanei tedeschi, è l’unica femmina e si destreggia ottimamente: a 8 anni è la capocannoniere del torneo. Una volta alla settimana va a lezione di italiano, continua nel misto fino a tredici anni, quando si misura con due campionati diversi: sabato quello maschile, domenica le partite con le ragazze. Dalle giovanili in Germania alla Serie A italiana il passo è lungo quanto il ritorno nel suolo patrio. “Nel maggio del 2000 ero andata in vacanza in Sicilia dai nonni, un cugino mi fece fare un provino col Gravina. Mi presero subito, senza esitazioni, anche perchè io non volevo trasferirmi. Mamma utilizzò le sue vacanze per riportarmi in agosto e consentirmi di andare in ritiro con la squadra. Lei poi salì in Germania a lavorare lasciandomi coi nonni… Ma nel giro di due mesi i miei genitori ci raggiunsero: da sempre avevano l’obbiettivo di tornare in Sicilia. Si conobbero in Germania, anche se a Paternò stavano a sei traverse di distanza”. Il fato. “Io credo nel destino”.

Patrizia Caccamo a sedici anni esordisce nella massima serie. La squadra non è attrezzata per traguardi ambiziosi, lotta con le unghie e con i denti per restare in serie A, ma Patty si distingue subito. Col pallone fra i piedi disegna arabeschi e vede subito la porta. Dopo tre partite è già in Nazionale Under 18: alla prima amichevole indossa una maglia pesante, il numero 10. “Gravina è la mia famiglia, dove i grandi si prendevano cura dei piccoli. Il presidente non mi diceva mai brava per paura che mi montassi la testa. Bellissimi momenti… Rifiutai la proposta della Torres perché volevo stare in squadre in cui eravamo amici”. Il calcio come momento ludico collettivo che unisce, quella è la dimensione fondamentale. “In Sicilia si gioca ancora per strada, nei piazzali, davanti a casa, usando il garage come porta. La gente si lamenta, ogni volta che tiri si sente un boato”.

Le ragazze del Gravina, quasi tutte della provincia di Catania, sono affiatate in partita perché si aiutano nella vita, si ospitano a vicenda proprio come una famiglia allargata. E su quel campetto ai piedi dell’Etna non mancano le giocate pirotecniche. Caccamo ne ricorda una particolare: “Mi lanciano, io parto e vado in contrasto con un armadio, siamo Davide contro Golia: tutte e due cadiamo a terra, alzo la testa e vedo la palla che carambola in area. Il portiere esce, io da terra inizio a camminare a palmo della mano in giù e coi piedi avanzo… fintanto che non tocco la palla di punta anticipando il portiere. Un gol che mi è costato una tendinite acuta del tibiale”. I più gravi infortuni nella carriera di Patrizia saranno la rottura dell’alluce e uno strappo dell’inserzione del quadricipite. Lei matura una teoria per prevenirli: “Non fare stretching prima di allenamenti duri e partite. Il muscolo non deve rilassarsi, al contrario va caricato prima della gara. Ognuno è libero di fare quello che vuole ma per la mia esperienza garantisco che se eviti lo stretching non ti rompi cadendo male”.

gravina

 

A Gravina si susseguono sei stagioni tormentate e fantastiche: la felicità per le salvezze è più forte delle amare quanto inevitabili retrocessioni, però mancano le risorse, le calciatrici debbono affrontare scomode trasferte e intanto sono costrette a lavorare per guadagnarsi da vivere, come tutte le colleghe nelle società dilettantistiche. Caccamo, ancora giovanissima, trova un posto in un bar per raccattare qualche soldo per l’estate, ma le compagne più grandi “dopo aver lavorato tutto il santo giorno staccavano e… venivano al campo”. Non tutti gli uomini le vedono di buon occhio. Nell’isola del delitto d’onore e del matrimonio riparatore, cancellati legislativamente neanche vent”anni prima, per molti le donne devono restare imprigionate nei ruoli di mogli casalinghe e figlie castigate, sotto lo sguardo proprietario di mariti e padri. Per essere considerata una “svergognata” da un uomo di Neanderthal basta una gonna sotto al ginocchio, figurarsi maglietta e calzoncini. Patrizia supera in scioltezza il problema culturale: “Laggiù la donna che gioca viene sottovalutata, in generale anche in Italia. Io chiedevo sempre di entrare durante le partite dei ragazzi nei quartieri, loro non volevano… Finché non mi vedevano giocare e allora mi accoglievano”.
Il presidente del Gravina vaga in lungo e in largo ma non trova sponsor, s’impegna per un gruppo mai domo fino al tracollo economico: la squadra deve trasferirsi a Paternò, infine si dissolve a causa del fallimento della società. “Lo venni a sapere durante un torneo estivo in Puglia. Me lo disse Graziella Ricci, una cara amica con cui giocavamo in spiaggia ogni anno. Lei è la presidente della squadra femminile di Torre Pedrera, nel Riminese. Dispiaciuta mi mostrò i fogli della federazione: “Guarda qui, il Gravina non è iscritta ad alcun campionato”. Eravamo incredule. Da una parte mi piangeva il cuore, dall’altra pensai che potevo andare dove volevo perché da quel momento il cartellino era mio. Iniziarono a chiamare le società, anche grandi, ma io scelsi il Torre Pedrera. Tra lavoro e campo ero felicissima, con Graziella non ci siamo mai lasciate, continua a venire a giocare con me d’estate. E’ la mia seconda madre”. Ricci è una delle pioniere del calcio femminile, lavora con perseveranza con le giovanissime e costruisce un gruppo solido che conquista la serie B. Nel divertimentificio di Rimini, con le discoteche e le notti brave, Patrizia non cede alle distrazioni e si allena duramente. In principio trova impiego in un bar, poi in un negozio di abbigliamento.

cervia

Dopo un solo anno passa al Ravenna, perché ora la sua volontà è di sperimentare: “Desideravo fare diverse esperienze. Infatti scesi di nuovo in Sicilia con l’Acese, un’altra società che gestiva tutto con sacrifici”. Il comune di Sant’Antonio reca il prefisso Aci in ossequio alla leggenda greca dell’omonimo pastorello ucciso da Polifemo. Il ciclope s’invaghì di Galatea ma non accettò il rifiuto, gettando per vendetta un masso di lava sul suo amato Aci. La ninfa versò lacrime sul corpo inerme e gli dèi trasformarono il sangue del pastore in un piccolo fiume. Patrizia Caccamo è il punto di riferimento per l’Acese, reincontra una tifoseria calda, una folla accogliente come quella che i pittori rinascimentali disegnano per Galatea in trionfo, sopra un conchiglia trainata da delfini. Sono tre stagioni ricche di soddisfazioni e marcature, finché la bomber che parte dalla fascia decide di stabilirsi al centro: un campionato a Sezze, la città laziale che si vuole fondata da Ercole, e una a Napoli, sempre sulla scia del mito greco. Il feeling non scatta, appena cinque reti per ciascuno, sicché Patrizia incede oltre, senza tema, nel labirinto itinerante che la riporta al punto di partenza, dove rinverdisce gol e sorriso: Aci e Romagna, stavolta in serie A nel Riviera, squadra di Cervia. Benchè siano trascorsi tre lustri, il sapore delle vittorie nella massima serie è lo stesso.

 

bianca

Patrizia Caccamo approda sulle rive dell’Arno nel 2015, proprio l’anno in cui i Della Valle acquiscono il titolo del Firenze, società dilettantistica di calcio femminile fondata 36 anni prima. Le viola diventano la prima squadra italiana di un club maschile e finalmente si avvalgono di un importante staff tecnico, di strutture e comunicazione.
Il dirigente Sandro Mencucci, già protagonista della traversata nel deserto della Fiorentina maschile, salvata dai Della Valle dopo il crac e ripartita dalla C2, giura di “scrivere la Storia del calcio femminile”. Patty invero non ci sta pensando: “Avevo appena trovato un buon lavoro, potevo entrare in azienda con il contratto a tempo indeterminato. Ma poi mi chiamò Sauro Fattori“. E’ il tecnico che allena già da tre anni le ragazze della società dilettantistica Firenze. Da attaccante Fattori ebbe l’umiltà di esordire con Antognoni e di passare il resto dei suoi campionati in B e C, cambiando casacca una dozzina di volte, praticamente ogni stagione. Adesso crede fermamente nel progetto. Con lui tanti professionisti, donne e uomini, dentro e fuori dal campo. La bomber della Nazionale Patrizia Panico, a quarant’anni, rinuncia a disputare la Champions League col Verona allo scopo di abbattere tutti i pregiudizi sulle calciatrici. A Firenze, hic et nunc, nasce il semi-professionismo.
La forza delle gigliate è ancora in nuce, il primo anno la squadra comincia a macinare gioco ma il progetto necessita di tempo per dispiegarsi. Le giglate si piazzano al terzo posto dietro il super Brescia di Milena Bertolini. Caccamo viene insignita della pergamena dedicata alla migliore giocatrice della rosa. “All’inizio non riuscivo ad esprimermi, ma poi grazie alla fiducia del mister tutto venne da sè. Scudetto, Nazionale, Coppa e Supercoppa. Un’emozione indescrivibile…”.
Il titolo giunge al secondo tentativo, al termine di un’appassionante testa a testa con le leonesse, culmine di una cavalcata durata quindici vittorie consecutive, ventuno su ventidue totali. Per la sfida decisiva contro il Tagnavacco, il 6 maggio 2017 allo stadio Franchi, accorrono circa ottomila persone. E’ un evento di partecipazione per il calcio femminile, secondo solo alla semifinale di Champions League raggiunta dal Bardolino nove anni prima, quando al Bentegodi Patrizia Panico e le scaligere sfidarono il Frankfurt davanti a quasi quattordicimila spettatori. Caccamo segna il gol che sblocca il risultato: “Ilaria Mauro libera Alia Guagni che si invola sulla fascia, crossa rasoterra, io brucio l’avversario e la piazzo nell’angolo”. Un’altra pennellata l’anno seguente bacia la finale di Coppa Italia contro il Brescia, vinta per 3-1 sul campo di Noceto: “Tatiana Bonetti batte un calcio d’angolo, un difensore allontana di testa nella mia zona, io colpisco al volo di collo esterno e gonfio la rete sotto la traversa”.

 

totti

Il numero sulla maglia non tragga in inganno. Che sia il 7, il 9, o in seguito il 19, numero legato al nonno e indossato dopo la sua morte, Caccamo resta la dominatrice della fascia e una goleador di razza. Dal battesimo nelle azzurrine non ha più portato il 10. I cronisti però la paragonano a Roberto Baggio per la velocità palla al piede e a Francesco Totti per la potenza.  Patrizia, nome che evoca i nobili discendenti di Romolo,  ha una predilezione per il re della capitale. Quando sente nominare er Pupone, espande il sorriso come una farfalla: “Lo conobbi su iniziativa di una mia amica, che mi fece una sorpresa. Sapeva che la Roma alloggiava in un albergo vicino e con un pretesto mi ci portò. L’incontro con Totti fu un regalo bellissimo”. Non ama i confronti col calcio maschile: “Una donna non può competere come forza e velocità con un atleta uomo. Come tecnica, invece, sì”. Soprattutto, non essendo professionista, è costretta a sacrifici maggiori, senza salari adeguati e tutele. “A Firenze non lavoravo, ero calciatrice a tempo pieno. Sostenevo sei, sette allenamenti a settimana. La vita privata, pian piano, era diventata zero”. Comunque la passione per il calcio vinceva su tutto: “Senza non so stare. La mia vacanza ideale è nel Salento: la mattina mare, la sera torneo Futsal”.
Alla fine della stagione 2017-2018, anziché scendere in ferie, Patty trasvola insieme al portiere Noemi Fedele negli Stati Uniti. L’Osa Seattle, presieduta dall’italiano Giuseppe Pezzano, disputa la Women’s Premier Soccer League, un campionato estivo di secondo livello cui però partecipano anche le iridate Alex Morgan e Abby Wambach. Pezzano si interessa al calcio delle donne grazie alla centrocampista del Fiammamonza Alessandra Nencioni (ora in forza al Napoli), lancia la squadra femminile e diventa partner della Fiorentina, che invia tecnici per la formazione dei giovanissimi, nonché Alia Guagni, Valentina Giacinti, Francesca Vitale, Martina Capelli, Deborah Salvatori Rinaldi. Caccamo resta affascinata dall’organizzazione del soccer femminile più avanzato del pianeta: “E’ stata un’esperienza bellissima in tutto e per tutto. L’host family, i campi in sintetico e coperti, l’annesso centro di riabilitazione. Nell’immensa struttura di Seattle, giustamente, era vietato bere alcol e fumare. Eravamo quarantacinque giocatrici, quasi tutte del college, molte facevano gli stage. Venivano osservatori da tutta America e dal Canada, ragazze e ragazzi selezionati ricevevano borse di studio. Tecnicamente non sono molto forti, ma la loro fisicità è impressionante. Seguono un corso a parte per la preparazione contro gli infortuni. Un fatto mi colpì: un’avversaria era incinta di cinque mesi eppure giocava…”.

 

seattle

Alla ripresa in Italia Patrizia assaggia per la prima volta il freddo della panchina. Il nuovo allenatore Antonio Cincotta scommette sull’attaccante del Tagnavacco e della nazionale scozzese Lana Clelland, classe 1993. Sessantasei presenze e quarantuno gol in tre anni, sintonia invidiabile con le compagne che esibiscono un giuoco rapido e spettacolare: per Caccamo è tutto finito. “Sono andata via perché il feeling con Cincotta non è mai nato. A malincuore, fra le lacrime, ho dovuto abbandonare Firenze per mia scelta”. Come Galatea per la fine di Aci, Patrizia lascia un fiume di ricordi alla sua Firenze e s’inoltra nelle nebbie padane firmando con l’Atalanta Mozzanica. Purtroppo la presidente bergamasca Ilaria Sarsilli naviga in cattive acqua a causa della scelta del club maschile di cessare la collaborazione con il femminile. A fine stagione l’Atalanta dichiara lo scioglimento lasciando a piedi Patrizia, che ha ancora negli occhi il passato prossimo gigliato. Osserva i cambiamenti in corso nella Fiorentina, acquistata da Rocco Commisso, e critica la scelta di lasciar fuori Sandro Mencucci, fra i dirigenti più impegnati per il movimento femminile: “Presi le difese di Mencucci perché se lo meritava pienamente. Nessuno aveva preso posizione ma io dico ciò che penso e lo farò sempre senza paura”.
Patty Caccamo ha 35 anni, le recenti delusioni la inducono a riflettere sull’eventualità di attaccare il pennello al chiodo. Il suo, adesso, è un urlo di Munch sullo sfondo di un vulcano in eruzione? No, la bambina che tirava pallonate di gioia fra i castelli di sabbia e nel sette dei garage, non smette di giocare neppure fra i lapilli dell’esistenza. Milita in serie B nel Vittorio Veneto e nell’estate 2019 vince lo scudetto di beach soccer con il San Benedetto del Tronto. “Anche gli uomini della Sambenedettese hanno vinto e noi abbiamo fatto il tifo, viceversa loro sono stati i nostri supporter. E’ il mio primo anno di beach soccer, nel gruppo ero la motivatrice, facevo scaricare la tensione”. Ormai peró Patrizia è stanca di com’è diventato il campionato italiano, per cui rifiuta l’offerta del Perugia e saluta il Belpaese. Torna in mezzo al mar Mediterraneo, in un’altra isola inebriata da antichi profumi, fondata nel secondo secolo avanti Cristo dal console romano Quinto Cecilio Metello. Al sorgere del 2020 è a Palma de Maiorca per vestire la maglia nel Deportivo Collerense, seconda divisione spagnola. Seduta accanto in aereo ritrova l’amica Noemi Fedele, che saluta le compagne viola senza polemiche, al pari della team manager Tamara Gomboli. “Firenze lo sai, non è servita a cambiarla” cantava la poesia di Ivan Graziani. Narrava l’addio di una giovane pittrice: “Gettò i suoi disegni con rabbia giù da Ponte Vecchio: Io sono nata da una conchiglia diceva. La mia casa è il mare e con un fiume no, non la posso cambiare“.
Caccamo non sceglie il gioiello naturale delle isole Baleari come buen retiro, ma per ricominciare: “In Italia si sta puntando solo sulle straniere. Qui siamo professioniste, abbiamo il contratto di lavoro. Cerco sempre di migliorarmi nonostante l’età”. Il futuro? “Lo vedo sempre nel mondo del calcio. Mi piacerebbe fare il talent scout oppure il personal trainer sul campo, come sto già facendo. E tornare a casa, in Sicilia”. Forse sul candore sabbioso e l’iridescenza marina Patrizia non cavalca come Galatea una conchiglia trainata da delfini, ma dipingerà sempre meravigliose traiettorie.

rovesciata

 

Calcio femminile, sorelle d’Italia

Lascia un commento

Nazionale“Il calcio non è per signorine”. Alla frase attribuita al mediano della Pro Vercelli Guido Ara, risalente al 1909, in oltre un secolo, se ne sono aggiunte una montagna. “La donna non capisce niente di pallone”. “Le giocatrici sono brutte, scarse e mascoline”. “La lobby lesbica comanda il calcio femminile”. Quante volte abbiamo sentito tale miscela di irrazionalità, sessismo e volgarità? I soggetti in questione, affetti da misoginia più o meno consapevole, sono certamente una minoranza della galassia maschile ma possono contare sull’approvazione implicita e silenziosa di un numero considerevole di persone. Il cittadino medio accetta che le donne pratichino discipline come il tennis, il nuoto e l’atletica, già fatica di più a tollerare sport di gruppo come il volley, il basket o la pallamano femminile. Il calcio no, quello proprio non passa. Eppure l’unico limite di questo sport, che come ogni cosa umana vale sia per le donne sia per gli uomini, è lo sviluppo della sola muscolatura delle gambe, fattore aggravato dal fatto che le società dilettantistiche mediamente trascurano la preparazione fisica di base. Gli elementi positivi sono invece molteplici, perché il calcio rafforza lo spirito di gruppo, abitua al confronto e alla sconfitta, educa al rispetto delle regole e alla lealtà verso i rivali, sviluppa la logica, l’orientamento e l’estro. I più ottusi, coloro i quali si sentono i depositari della sacra fiamma dello sport, sono convinti che le femmine siano fisicamente fragili a prescindere dalla preparazione atletica, e psicologicamente instabili, pronte a scoppiare in lacrime al primo pestone. Ovviamente anche il rugby femminile, parente del football finché i giocatori prendevano la palla con le mani, equivale ad una bestemmia.
I contrasti di gioco calcistici, anche i tackle più duri, non presentano controindicazioni come quelli del rugby, dove il regolamento è stato rivisto per entrambi i sessi con l’introduzione del fallo di “unnecessary roughness”, al fine di ridurre le commozioni cerebrali. E poi per quale motivo essi considerano normale il pugilato e la “lotta nel fango” femminile, oggettivamente violenti? Questa specifica idiosincrasia nei confronti delle calciatrici non ha alcun senso, sì ben afferisce ad un timore atavico di perdita del comando, fors’anche del telecomando. Se due donne si rotolano come scimmie a suon di pugni e calci, lorsignori non avvertono alcun rischio per il genere maschile, tutt’al più cercano una forma di sollazzo voyeristico, il medesimo che i media forniscono agghindando “veline” negli studi televisivi e propalando degradanti photogallery dove il “lato B” delle campionesse ne occulta le performance sportive.
Su un piano diverso, che però attinge al medesimo pregiudizio di fondo, ci sono le obiezioni di tipo tecnico. In tale ambito, la sciocchezza che circola sulle donne che non hanno il fisico per giocare viene sostituita da severi giudizi di addetti ai lavori, secondo i quali “le femmine non riescono a reggere 90 minuti su campi grandi come quelli maschili” e “non sono in grado di arbitrare le partite degli uomini”. Di recente un telecronista, a pochi minuti dall’inizio di una partita di Eccellenza, si è espresso in dolcestilnovo: “E’ uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri. E’ una barzelletta della Federazione. Annalisa Moccia della sezione di Nola… Eccola qui, preghiamo la telecamera di inquadrarla… la vedete… una cosa impresentabile per un campo di calcio”. Lo sfogo irrefrenabile in diretta televisiva diventa materiale interessante dal punto di vista psicoanalitico giacché, al netto degli evidenti limiti culturali, l’aggressività con venature di angoscia è una reazione primordiale all’impossibilità di soddisfare una pulsione, un caso di frustrazione latente nel preconscio. Nel capolavoro felliniano La città delle donne Marcello Mastroianni, durante un viaggio in treno, viene turbato da un’avvenente passeggera, sicura e misteriosa: dopo un rapido flirt in toilette, la ragazza fugge e Mastroianni, seguendola, finisce in mezzo ad un’assemblea di femministe assetate di vendetta, una dimensione onirica che esprime la fobia dell’intellettuale benpensante per i meandri dell’universo muliebre. In maniera analoga il telecronista, mutatis mutandis, esce di senno alla vista della guardalinee precipitando in un incubo a occhi aperti: la privazione del calcio, “citta degli uomini”, ultimo feticcio esclusivo del patriarcato. In entrambi i casi, i protagonisti sono incapaci di rimuovere contenuti mentali estremamente sgraditi come le pari opportunità, e quindi il confronto autentico, senza filtri, tra i sessi.
Eppure codesti “signori del calcio per soli uomini” dovrebbero accettare i semplici dati di realtà: le donne disputano partite a buon ritmo negli stessi campi adoperati dai club maschili e arbitrano brillantemente le partite più importanti. In italia le direttrici di gara sono milleseicento ma è preclusa loro la Serie A, a differenza di Francia e Germania, capofila con l’esordio in Bundesliga nel 2017, mentre nei tornei internazionali sono in campo già da tempo: nel 2004 la francese Nicole Petignat arbitrò per la prima volta nelle qualificazioni della Coppa Uefa, altre si sono susseguite fino a raggiungere, tre lustri dopo, la finale di Supercoppa europea fra Liverpool e Chelsea. La partita, giocata a Istanbul, è stata diretta magistralmente da Stephanie Frappart, affiancata dalle guardalinee Manuela Nicolosi, italiana che durante la stagione opera nel paese transalpino, e l’irlandese Michelle O’Neal. La stessa terna femminile il mese precedente aveva arbitrato la finale dei Mondiali femminili vinta dagli Stati Uniti sull’Olanda. Un’autogestione che dimostra come il calcio delle donne non sia un film, una possibilità futuribile temuta o agognata, ma una solida e virtuosa realtà.
Forse tutto questo sarà stato uno shock per il tifoso italiano più retrogrado, ma anche lui ha dovuto digerirlo. Magari si sarà chiuso gli occhi e tappato le orecchie durante l’inno di Mameli cantato dalle ragazze di Milena Bertolini al Mondiale di Francia anziché dall’undici di Giampiero Ventura, eliminato nei gironi di qualificazione.
Dov’è la vittoria? Lo hanno chiarito le azzurre a seguito della sconfitta ai quarti di finale contro le professioniste olandesi: nel riconoscimento dei diritti che sono garantiti ai lavoratori di ogni settore. Dall’Alpi a Sicilia chiedono salari adeguati, maternità e ferie pagate, tfr, contributi previdenziali per avere una pensione. E poi assistenza sanitaria in caso di malattia e infortuni, a cui sono più esposte degli uomini. Quante squadre possono permettersi, non solo in prima squadra ma anche nelle giovanili, bravi medici, psicologi, fisioterapisti, preparatori atletici, allenatori specializzati nei vari ruoli che abbiano il patentino e abbiano studiato scienze motorie, che siano in grado di insegnare la tecnica e prevenire i traumi?

Per quanto riguarda la retribuzione, a norma di legge, le italiane possono siglare solo un accordo economico non superiore ai 12 mesi e con limiti oggettivamente ingiusti: il tetto massimo è di 30.658 euro lordi a stagione mentre non è stato ancora stabilito un salario minimo. Secondo una ricerca condotta dal quotidiano economico <<Il Sole 24 Ore>>, calcolando le modifiche del regolamento Figc fra “indennità di trasferta, rimborsi forfettari e premi”, una calciatrice di serie A, in media, “guadagna intorno ai 15mila euro lordi annui”. La differenza con gli uomini è abnorme. Solo dal 2015 i club più lungimiranti hanno iniziato a gestire squadre femminili, attualmente sono nove, ovvero la Lazio in B e le altre otto nella massima serie: Fiorentina, Juventus, Lazio, Roma, Milan, Inter, Verona, Sassuolo ed Empoli. La Fiorentia di San Gimignano ha solo la formazione femminile mentre Tavagnacco, Pink Bari e Orobica di Bergamo sono società dilettantistiche. E se la media per la A è quella sopracitata, i sacrifici si moltiplicano per le atlete delle categorie inferiori. I rimborsi, che partono dalla miseria di un centinaio di euro, non superano gli 800 per una serie B d’alta classifica e una provinciale di A. Per rendersi conto di quanto sia impervia e lunga la strada per la parità basti pensare che le campionesse americane, capaci di dare lustro e sviluppo al sistema calcio statunitense, sono in lotta da anni contro la discriminazione sessuale: alla vigilia del Mondiale il premio individuale per le giocatrici era di 99mila dollari per 20 amichevoli vinte mentre per gli uomini la cifra saliva a 263mila dollari più vari dalla ventunesima partita disputata in poi.

Le italiane, artefici di un Mondiale e di campionati interessanti, dove il gioco espresso si è non di rado rivelato tecnico e fantasioso, anche nelle serie inferiori e nel calcio a 5, sono le uniche fra le prime otto nazionali a restare confinate nei dilettanti. Tuttavia, non hanno alcuna intenzione di porgere la chioma, piegandosi al conformismo della passerella una tantum.
L’Italia s’è desta perché le azzurre dopo vent’anni hanno giocato un campionato del mondo e sono entrate nelle case, nei bar, nei maxischermi del Belpaese. Nessuno può ignorare quanto accaduto, simulando che si sia trattato di un effetto transitorio o di una moda. I dati ufficiali forniti dalla Fifa sono inequivocabili: 1 miliardo e 120 milioni di persone ha seguito il torneo in televisione, sulle piattaforme digitali e in luoghi pubblici. La finale è stata vista complessivamente da 82 milioni e 180mila cittadini, in aumento del 56% rispetto alla sfida decisiva del precedente Mondiale in Canada. Le cinque gare disputate dalle azzurre hanno fatto registrare in Italia 24 milioni e 410 mila telespettatori con uno share medio del 31,84%. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ricevendo la delegazione dell’Italia femminile, ha esordito con un emblematico: “Scusate il ritardo”. Il Capo dello Stato, oltre a confermare l’evidenza della conquista “dell’opinione pubblica”, e alla consueta prudenza, chè “non tocca a me stabilire le forme in cui si decide il calcio”, ha però riconosciuto alcuni elementi importanti: “Non è razionale e non è accettabile una diversa condizione tra calcio femminile e maschile. Al di là dell’elevato tasso tecnico, da parte vostra è stato molto minore il ricorso agli infingimenti”.

sara gama

Stando ai dati aggiornati al giugno 2018, le tesserate italiane sono 25.986, tra le quali 12.908 minorenni, in aumento del 70% rispetto a vent’anni orsono. Le bambine dai 6 ai 16 anni possono giocare in squadre miste con i maschi o in squadre femminili che disputano il campionato dei ragazzi, la Figc dal 2015 obbliga i club di serie A a tesserare almeno ulteriori 20 calciatrici under 12, rispetto alla stagione precedente, all’interno del proprio settore giovanile. Ciononostante, il livello resta quello della Svizzera. L’Italia occupa il diciottesimo posto in Europa per tesserate under 18 con una percentuale dello 0,3%, la Svezia fa registrare il 15%, l’Olanda il 6,7% e la Germania il 3%. La Fgci riserva solo 4 milioni e 200 mila euro al calcio femminile contro i 15,4 milioni della Football Association inglese, i 10 milioni di Germania e Francia, i 7,7 della Norvegia e i 5,7 della Svezia. Dunque non deve stupire che le tesserate tedesche siano duecentomila, le svedesi e le olandesi oltre centocinquantamila e le francesi centoventicinquemila.
Il problema è sia generale, se consideriamo la riduzione delle ore di ginnastica alle scuole elementari, sia specifico. Stando a un’indagine Uefa, una bambina italiana, per giocare a calcio, deve spostarsi dai venti ai quaranta chilometri dal luogo di residenza, mentre in Germania la distanza è di dieci chilometri. Secondo la ct Bertolini “raramente le bambine trovano un’accoglienza che le incentiva, che le spinge a continuare per cui o sono super motivate o lasciano. Bisogna stimolare i dirigenti delle società di calcio di quartiere a spianare la strada a bambine e famiglie, ad andare a cercare le ragazze e accoglierle con entusiasmo, solo così allarghi la base, cosa fondamentale per la crescita del movimento. Non bisogna dimenticare due cose: che il calcio è lo sport di squadra più praticato dalle donne nel mondo e che di conseguenza legato al movimento c’è un aspetto commerciale molto potente che in altri Paesi hanno colto perfettamente, mentre da noi ancora no”. La situazione sta lentamente migliorando perché esistono dei modelli di riferimento, le campionesse della Nazionale usano i social e s’impegnano in prima persona. Il macigno da rimuovere è sempre di natura culturale. L’allenatrice della Nazionale ha raccontato alla Gazzetta dello Sport: “Quando ho iniziato io per giocare dovevi assumere atteggiamenti maschili, altrimenti non venivi accettata dal gruppo, venivi esclusa. Adesso è molto più semplice. È chiaro che il pensiero medio dell’italiano è ancora quello che la ragazza che gioca a calcio è una donna strana ma le cose stanno cambiando, soprattutto tra i giovani. Chi ha una certa età non cambia più, ma i giovani sono diversi. Per questo è fondamentale il ruolo e l’appoggio dei media”.
Elisa Bartoli, capitana della Roma e difensore della Nazionale, è stata intervistata ieri sera da Serena Dandini nel programma di Rai3 Stati Generali, ultima puntata di un’isola felice nel panorama mediatico generalista. Bartoli spiega che “i pregiudizi ci scivolano addosso, siamo concentrate sul piacere di giocare. Io non mi sento una calciatrice, perchè non sono una professionista. Ho iniziato coi maschietti, ne ho viste tante di difficoltà. Non siamo riconosciute come professioniste ma andiamo avanti finché avremo emozioni e sensazioni bellissime”. Giulia Nicastro, arbitro, è oggetto di turpiloquio ogni settimana: un giocatore per protesta dopo un’ammonizione si è levato i pantaloni mimando atti sessuali. Lei lo ha espulso, ma i genitori le davano della prostituta, Giulia non ha fatto una piega, continuando la partita: “Ho pensato tante volte chi me lo facesse fare, potrei stare a casa senza insulti. Mi fa male, però penso che vedermi ancora lì, dopo tutto quello che mi hanno detto, è una bella risposta”.

 

Audiolettura di Corpo, quarto frammento

Lascia un commento

Older Entries